Advertisement skip to Main Content

Emissioni

Quanto e perché calano le emissioni di CO2 in Europa. Report Economist

Grazie al meccanismo di prezzo del carbonio, le emissioni in Europa stanno diminuendo. L'approfondimento dell'Economist.

La nostra sfida più urgente è mantenere il nostro pianeta in salute”, ha dichiarato Ursula von der Leyen il giorno in cui è stata eletta presidente della Commissione europea nel luglio 2019. Cinque anni dopo, dovrebbe esserlo ancora. Nel 2023 le temperature superficiali globali erano più alte di 1,48°C rispetto ai livelli preindustriali e il 2024 è destinato ad essere ancora più caldo. Ma la guerra della Russia in Ucraina e la prospettiva di un’altra presidenza Trump sono al centro dell’attenzione in questi giorni.

L’AVANZATA DELLE RINNOVABILI IN EUROPA

È una buona notizia, quindi, che l’ecologizzazione del continente stia comunque facendo progressi. I Paesi dell’UE hanno aggiunto 17 gigawatt (gw) di impianti eolici e hanno coperto tetti e campi con 56 gw di nuovi pannelli solari. (Per fare un paragone, la capacità di energia nucleare nell’UE era di circa 100 gw, anche se può funzionare 24 ore al giorno). I funzionari ritengono che il 2024 sarà un altro anno record per le energie rinnovabili. I modelli della Commissione suggeriscono che le politiche attuali dovrebbero portare il blocco a una riduzione dell’88% delle emissioni complessive entro il 2040, rispetto ai livelli del 1990. Con l’obiettivo del 2030 di una riduzione del 55% a portata di mano, l’UE dovrebbe essere in grado di concordare un obiettivo del 90% per il 2040. L’obiettivo principale, quello di arrivare a zero emissioni entro il 2050, rimane invariato.

IL SISTEMA DI SCAMBIO DELLE QUOTE DI EMISSIONI

Tre fattori spiegano il nuovo obiettivo e la riduzione delle emissioni. Il primo è la più grande conquista climatica dell’Europa: il prezzo del carbonio. Entro il 2023, i settori coperti dal sistema di scambio di quote di emissione dell’UE (ets), come l’industria e la produzione di energia elettrica, avranno ridotto congiuntamente le emissioni del 47%, rispetto al 2005, anno in cui il sistema è stato lanciato.

Il sistema è stato inasprito nel 2023. I suoi settori devono ancora ridurre molto le emissioni entro il 2030, il che significa che a partire da quest’anno la quantità di permessi di emissione rilasciati diminuirà del 4,3% ogni anno, rispetto al 2,2% degli anni precedenti. Dopo il 2040 non ci saranno più nuovi permessi. Il prezzo di un permesso per emettere una tonnellata di anidride carbonica si aggira intorno ai 70 euro (75 dollari) a tonnellata, rispetto ai 20 euro circa di prima della pandemia. I mercati dei futures attualmente scambiano i permessi per i primi anni 2030 a oltre 80 euro per tonnellata.

IL NUOVO ETS

L’anno scorso l’UE ha istituito un secondo ETS per includere alcuni settori precedentemente esclusi, come il trasporto su strada e il riscaldamento domestico, entro il 2027. Per timore di un contraccolpo politico, questo “ets2” ha una clausola per sopprimere il suo prezzo del carbonio, se dovesse salire oltre i 45 euro a tonnellata nei primi tre anni. L’obiettivo è comunque quello di ridurre le emissioni di questi settori del 42% entro il 2030, rispetto al 2005, e di non rilasciare nuovi permessi per questi settori dopo il 2044.

Questi prezzi del carbonio dovrebbero essere sufficienti per ottenere la maggior parte della riduzione del 90% prevista per il 2040, a condizione che i politici abbiano il coraggio di evitare di interferire se i prezzi del carbonio più alti diventano troppo costosi per i consumatori e l’industria.

Il secondo fattore che può aiutare è la guerra della Russia in Ucraina. Quando i prezzi del gas sono aumentati nel 2022, le aziende sono state costrette a ridurre il consumo di energia o a chiudere le linee di produzione. Questo ha fatto diminuire le emissioni delle industrie coperte dall’Ets del 5% nel 2022 e di un altro 7% nel 2023. Sebbene i prezzi del gas siano ora scesi, lo svantaggio dei costi dei combustibili fossili rispetto all’America continuerà a costringere le aziende ad adeguarsi, anche se la carbon border tax (cbam) dell’UE si applicherà integralmente a partire dal 2026, proteggendo in qualche modo l’industria dell’UE attraverso la tassazione delle importazioni in base al loro contenuto di carbonio. Anche l’energia rinnovabile e l’estensione della rete sono diventate un’idea politica più facile da vendere, poiché l’energia verde rende l’Europa meno dipendente dai fornitori autocratici di combustibili fossili.
Il terzo fattore è il kit verde a basso costo proveniente dalla Cina, che renderà più economica la transizione. In Spagna, il Paese più soleggiato d’Europa, l’elettricità è praticamente gratuita durante il giorno. Con l’avanzare del boom del solare, la produzione di energia elettrica diventerà priva di emissioni molto più rapidamente di quanto si pensasse. Allo stesso tempo, i veicoli elettrici cinesi a basso costo stanno entrando nel mercato, riducendo i costi per gli automobilisti che desiderano diventare ecologici.

NUOVE POLITICHE CLIMATICHE

Ma se le cose vanno così bene, perché l’Europa continua a introdurre una serie di altre politiche climatiche? Una cattiva ragione è il desiderio di essere più sicuri che dispiaciuti. Prendiamo le automobili. I veicoli elettrici, in combinazione con l’energia solare a basso costo, renderanno la guida elettrica l’opzione più economica per un’ampia fetta di automobilisti. Ma, a quanto pare, non fidandosi del proprio prezzo del carbonio, del boom dell’energia solare o del progresso tecnologico, l’UE ha aggiunto standard di emissione per i veicoli che scenderanno a zero entro il 2035, e sta valutando qualcosa di simile per i camion. Questi regolamenti non sono solo inutili. Creano incentivi perversi, come il ricorso ai test sulle emissioni. Uno studio ha rilevato che il 65% dei presunti aumenti del risparmio di carburante delle auto dopo l’introduzione degli standard si è rivelato falso quando è stato testato in condizioni stradali.

Un motivo migliore per introdurre ulteriori norme è quello di stimolare gli effetti di rete. Il 13 aprile è entrato in vigore un regolamento per garantire che l’Europa abbia una rete di stazioni di ricarica rapida. Questo elimina in parte il problema dell’uovo e della gallina in merito all’infrastruttura di ricarica. Tali regolamenti possono aiutare il mercato a funzionare meglio e a integrare il prezzo del carbonio.

L’ultima ragione per la creazione di regole comunitarie è quella di migliorare l’integrazione del mercato. Il modo migliore per decarbonizzare è elettrificare il più possibile. Ma la quota dell’elettricità sul consumo totale di energia in Europa si è mantenuta costante intorno al 21% negli ultimi dieci anni, a differenza della Cina, dove è aumentata vertiginosamente fino a raggiungere il 27%.

Un sistema efficiente di energie rinnovabili richiede una profonda integrazione europea. Il nucleare francese, l’eolico danese, il solare spagnolo e l’idroelettrico norvegese funzionano meglio se alimentano tutti un unico sistema europeo. Altrimenti, i prezzi dell’energia spagnola saranno pari a zero per gran parte della giornata, così come quelli danesi quando c’è vento, mentre la Francia è bloccata da un eccesso di energia nucleare durante la notte. Secondo studi recenti riassunti da Bruegel, un think tank con sede a Bruxelles, un mercato europeo dell’elettricità completamente connesso potrebbe ridurre del 20-30% il fabbisogno di investimenti per lo stoccaggio e la capacità di back-up.

Tale integrazione richiede politiche comuni. La riforma del mercato elettrico dell’UE, approvata l’11 aprile dal Parlamento europeo, è un tentativo di armonizzare le regole del gioco. Ma i Paesi sono ancora liberi di stabilire politiche di ogni tipo che, se non sono coordinate, renderanno il sistema meno efficiente.

Un altro problema è quello dei costi. Un sistema di energia rinnovabile richiede grandi investimenti lungo l’intera rete: trasporto ad alta tensione su lunghe distanze, forti linee di distribuzione regionali e distribuzione locale intelligente. Per paura di resistenze locali, i cavi vengono interrati, aumentando l’esborso. Ora che gran parte dell’Europa deve ridurre i propri deficit di bilancio, gli investimenti nelle reti potrebbero essere bloccati. Sarebbe un errore. Con un sistema efficace di prezzi del carbonio, un mercato elettrico integrato ha buone possibilità di raggiungere anche i nuovi ambiziosi obiettivi. Sarebbe davvero salutare per il pianeta.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top