skip to Main Content

Gnl

Perché Biden ha sbagliato tutto sul Gnl. Report Wsj

Cosa ha scritto il Wall Street Journal sulla decisione di Joe Biden di sospendere i permessi di esportazione ai nuovi progetti sul Gnl negli Stati Uniti.

Questa settimana il Congresso terrà delle audizioni sul blocco delle autorizzazioni per i nuovi progetti di esportazione di gas naturale liquefatto (GNL) annunciato dal Presidente Biden due settimane fa. Più si guarda da vicino, più questo grezzo risarcimento politico alla sinistra climatica danneggerà la sicurezza nazionale e gli interessi economici degli Stati Uniti.

LA VERSIONE DELLA CASA BIANCA

La Casa Bianca ha sussurrato ai suoi alleati europei di non preoccuparsi dell’impatto della moratoria sulle forniture di GNL, anche se ha chiesto aiuto alla lobby del clima. I progressisti stanno festeggiando perché sanno che la pausa prevista ridurrà gli investimenti nel GNL. Basta leggere le lodi dei potentati del clima sul sito web della Casa Bianca.

“L’amministrazione Biden sta ascoltando gli appelli a rompere la dipendenza dell’America dai combustibili fossili sporchi”, ha dichiarato Ben Jealous, direttore esecutivo del Sierra Club. “È innegabile che i progetti di esportazione di GNL non sono semplicemente nell’interesse pubblico e siamo fiduciosi che, se questa revisione sarà fatta bene, porrà fine all’approvazione di questi progetti”. Capito, signor Presidente?

Il Dipartimento dell’Energia è tenuto per legge ad approvare i permessi per l’esportazione di GNL verso Paesi con i quali gli Stati Uniti non hanno accordi di libero scambio, se sono di “interesse pubblico”. Il Dipartimento non ha mai rifiutato un permesso. Ma ora l’Amministrazione intende farlo ridefinendo il “pubblico interesse” per includere il potenziale impatto sul clima.

La Casa Bianca afferma che la pausa riguarderà solo una manciata di progetti che stanno attualmente cercando di ottenere i permessi del Dipartimento dell’Energia, ma questo è disonesto. Congelerà anche una mezza dozzina di progetti che stanno cercando di ottenere l’approvazione della Federal Energy Regulatory Commission e potrebbe bloccare un’altra decina di progetti che sono stati autorizzati dai presidenti precedenti.

A dicembre, infatti, il Dipartimento dell’Energia ha annunciato che i progetti non ancora operativi dovranno richiedere nuovamente i permessi se sono passati sette anni da quando sono stati autorizzati. Quindi i progetti in corso potrebbero essere cancellati, anche se hanno miliardi di dollari di capitale impegnato e accordi contrattuali con i clienti.

BIDEN STA CREANDO INCERTEZZA SUL MERCATO DEL GNL

L’Amministrazione sta deliberatamente creando incertezza sulle approvazioni e le estensioni dei permessi per frenare gli investimenti e scoraggiare i governi stranieri dal firmare contratti a lungo termine. Perché rischiare di investire o di firmare un contratto di acquisto con un progetto della Costa del Golfo che potrebbe poi essere cancellato? È più intelligente allearsi con i qatarini.

È quello che alcuni stanno già facendo. Secondo un rapporto della Reuters dello scorso autunno, la società commerciale giapponese Mitsui & Co sta valutando la possibilità di acquistare una partecipazione in un importante progetto di espansione del Qatar per garantire una fornitura stabile di GNL. Il più grande produttore di energia elettrica del Giappone è in trattative con il Qatar per un contratto di fornitura a lungo termine. Si tratta di coperture contro l’inaffidabilità della politica energetica statunitense.

I RISCHI GEOPOLITICI

Mentre l’Amministrazione minimizza i rischi per la sicurezza nazionale dell’auto-embargo, gli alleati degli Stati Uniti temono che questo li renda più vulnerabili alle interruzioni geopolitiche. Circa il 20% della fornitura globale di GNL passa attraverso lo Stretto di Hormuz. I carichi di GNL diretti in Europa vengono ora deviati dal Mar Rosso a causa degli attacchi missilistici degli Houthi.

I mandatari russi e iraniani potrebbero far impennare i prezzi del GNL attaccando uno o due grandi impianti di esportazione del Qatar. Alcuni Paesi asiatici potrebbero allora bruciare più carbone, come hanno fatto nel 2022 quando i prezzi del GNL sono saliti. Ma gli europei stanno pianificando la dismissione di impianti a carbone e nucleari nei prossimi anni, nella speranza di poter disporre di un’ampia quantità di GNL dagli Stati Uniti.

GLI INTERESSI ECONOMICI AMERICANI

Per quanto riguarda gli interessi economici dell’America, un singolo progetto di esportazione di GNL produrrà circa 600 miliardi di dollari di entrate nel corso della sua vita e creerà migliaia di posti di lavoro, anche nella produzione di acciaio e nel fracking, senza bisogno di sussidi governativi.

Il Gulf Coast CP2 di Venture Global potrebbe fornire circa il 5% del GNL mondiale entro il 2026 e avrebbe un impatto maggiore sull’economia statunitense rispetto a qualsiasi altro progetto di energia verde. Inoltre, ridurrebbe le emissioni globali di gas serra di 140 milioni di tonnellate all’anno, circa quanto producono tutte le navi container del mondo. Ma ha ancora bisogno di un’autorizzazione del Dipartimento dell’Energia.

Siamo ansiosi di sentire i funzionari dell’Amministrazione spiegare al Congresso come questo divieto straordinariamente distruttivo sia nell’interesse pubblico.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top