skip to Main Content

Tutti gli obiettivi anti-cinesi di Biden sui minerali critici

Minerali Critici

Biden vuole che gli Stati Uniti producano più minerali critici per le batterie e le energie pulite, in modo da ridurre la dipendenza dalla Cina. Tutti i dettagli

 

Giovedì Joe Biden ha invocato una legge dell’epoca della Guerra fredda per stimolare la produzione, direttamente negli Stati Uniti, dei cosiddetti “minerali critici”. Sono le materie prime della transizione ecologica, indispensabili per le auto elettriche e per le batterie che immagazzinano l’elettricità rinnovabile: rame, litio, nichel, grafite, cobalto.

GLI OBIETTIVI DI BIDEN

Il Defense Production Act del 1950 porta la firma di Harry Truman e servì, al tempo, a mobilitare il settore siderurgico americano durante la guerra di Corea. La necessità di Biden è un’altra: impedire alla Cina di vincere la rivoluzione industriale della sostenibilità ed evitare che l’America si ritrovi a dipendere dalla rivale per il rifornimento dei metalli di base (Pechino già ne domina le filiere). Per Washington la questione non è solo economica, quanto soprattutto di sicurezza nazionale.

A COSA SERVE IL DEFENSE PRODUCTION ACT

La legge permetterà allora al presidente di ricorrere a poteri straordinari per finanziare l’espansione della capacità produttiva dei critical minerals e gli studi di fattibilità dei progetti; le aziende, invece, potranno avere accesso facilitato a un fondo da 750 milioni di dollari.

LA DIPENDENZA DALLA CINA

Biden ha detto che «dobbiamo porre fine alla nostra dipendenza a lungo termine dalla Cina e da altri paesi per gli input che alimenteranno il futuro»; ha parlato di «fornitori stranieri inaffidabili» e di un aumento esponenziale della domanda di minerali critici per le tecnologie e le energie pulite.

Nel 2020, ha scritto il New York Times, l’America ha importato oltre la metà delle forniture totali di quarantasei minerali, e addirittura l’interezza delle forniture di diciassette elementi.

GLI STATI UNITI POSSONO ESSERE UNA SUPERPOTENZA MINERARIA?

Eppure, sulla carta, gli Stati Uniti hanno le risorse per essere una superpotenza mineraria: il Nevada nasconde grossi depositi di litio; California e Texas hanno le terre rare e l’Arizona il rame; in Idaho c’è la “cintura del cobalto”. La loro estrazione dal sottosuolo rischia però di causare un dissidio tra clima e ambiente: dei metalli critici c’è bisogno altrimenti – almeno finché non si affermeranno i processi di riciclo – non si potranno costruire i veicoli e gli impianti per l’azzeramento delle emissioni; ma l’apertura di nuove miniere porta con sé un impatto ambientale.

MINIERE E IMPATTO AMBIENTALE

Nell’ovest del paese ci sono già centinaia di migliaia di cave abbandonate che, oltre al danno paesaggistico, potrebbero contaminare i terreni e l’aria. Gli agricoltori temono poi che le miniere li faranno restare senz’acqua, gli zoologi immaginano le conseguenze per gli animali, le comunità di nativi si oppongono alla profanazione dei loro luoghi sacri. La Casa Bianca spera di rassicurare tutti – inclusa la sinistra del Partito democratico – garantendo il rispetto di elevati standard lavorativi e ambientali, che non dovranno venire scavalcati dall’interesse strategico.

UNA FILIERA NORDAMERICANA

In questa corsa al rimpatrio delle filiere (reshoring), gli Stati Uniti hanno due alleati: il Canada e il Messico. La rilocalizzazione delle catene del valore è insomma regionale, nordamericana.

Il motivo, oltre alle ragioni di competitività dei prodotti finali, è anche di convenienza politica: l’amministrazione Biden sembra voler puntare non tanto sul prelievo della materia grezza quanto sulla sua lavorazione, l’attività dal maggiore valore aggiunto e più semplice da far autorizzare e far accettare alla società. Per le forniture dei minerali necessari al grande piano sulle infrastrutture, che serve a preparare il paese all’elettrificazione dei trasporti e dei consumi energetici, gli Stati Uniti faranno quindi affidamento sui vicini.

IL CONTRIBUTO DEL CANADA (E L’APPELLO DI MUSK)

Il Canada è quello più aperto a collaborare: vuole essere il «fornitore di riferimento per i mercati globali» e ha destinato oltre 45 milioni in tre anni allo sviluppo di materiali critici. Nei giorni scorsi Tesla, colosso americano delle auto elettriche, ha firmato un accordo (non rivelato al pubblico) per il nichel canadese. Gli serve per le batterie, al punto che già due anni fa Elon Musk lanciò un appello alle compagnie minerarie: «per favore, estraete più nichel».

IL RUOLO DEL MESSICO (E LA SORTITA DI CATL)

Il Messico è più interessato all’autosufficienza petrolifera che alla transizione energetica. Tuttavia, date le sue riserve e la sua posizione geografica, di recente ha ricevuto la visita di CATL, l’azienda cinese che realizza più batterie al mondo, per una possibile fabbrica da 5 miliardi. A Washington, che vorrebbe allontanare la Cina per supportare le imprese statunitensi o al massimo nordamericane, si saranno senz’altro innervositi.

(Una versione di questo articolo è apparsa su il manifesto)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore