skip to Main Content

Cosa succede in Ansaldo Energia?

Ansaldo Energia

Ansaldo Energia: Manager in uscita e sindacati furiosi. Fatti, nomi e indiscrezioni

 

Cassa depositi e prestiti sta lavorando a un nuovo aumento di capitale di Ansaldo Energia, la società di impianti energetici che controlla con l’88 per cento delle quote. Intanto, è già partita la riorganizzazione del team manageriale.

L’amministratore delegato Giuseppe Marino – che si sta occupando del nuovo piano industriale e della rinegoziazione del debito con le banche – è stato affiancato da Simone De Felice, che si occuperà della ristrutturazione: il suo ruolo, appunto, è quello di chief restructuring officer. Indiscrezioni raccolte dal Secolo XIX parlano inoltre di “sei dirigenti in uscita” dal gruppo.

CLAUDIO NUCCI LASCIA ANSALDO NUCLEARE

Uno di questi, il più importante, è Claudio Nucci, amministratore di Ansaldo Nucleare, società focalizzata sull’impiantistica per l’energia nucleare controllata dal gruppo. Il quotidiano descrive Nucci come “il braccio destro storico” di Giuseppe Zampini, ex-amministratore delegato di Ansaldo Energia.

Nucci era passato alla guida di Ansaldo Nucleare solo lo scorso maggio, e pare fosse vicino al pensionamento. Il Secolo XIX scrive che il suo “rapporto di fiducia con l’ad Marino e Cdp […] pare però essere venuto meno improvvisamente”.

RIORGANIZZAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Ansaldo Nucleare ha anche rinnovato il proprio consiglio di amministrazione: Roberto Adinolfi, figura storica del gruppo, ne rimane presidente; Daniela Gentile, amministratrice di Ansaldo Green Tech, assume anche il ruolo temporaneo di capo azienda; Lorenza Franca Franzino, presidente di Ansaldo Energia, ne è consigliera.

CHI SARÀ IL NUOVO AD DI ANSALDO NUCLEARE (VOLUTO DA CDP)?

A gennaio dovrebbe entrare in carica il nuovo amministratore delegato di Ansaldo Nucleare: Cassa depositi e prestiti ha anticipato che sarà un profilo “internazionale” e che avrà il compito di “guidare il rilancio” della società. Lo sviluppo di Ansaldo Nucleare e di Ansaldo Green Tech (le due controllate più allineate al processo di transizione alle fonti a basse emissioni) è al centro del nuovo piano industriale di Ansaldo Energia.

COSA FARÀ ANSALDO NUCLEARE

Nello specifico, il piano industriale punta a mettere Ansaldo Nucleare nelle condizioni di accaparrarsi i progetti di rinnovamento delle centrali nucleari europee risalenti agli anni Settanta e Ottanta, circa centoventi. La società è già presente in Romania, ha firmato un accordo di collaborazione con la compagnia statunitense Westinghouse Electric (che punta a costruire reattori in Polonia) e sta portando avanti un progetto con Federacciai per la realizzazione di un impianto in Slovenia.

Stando al piano, Ansaldo Nucleare dovrà aumentare il proprio organico, portandolo da 160 a 300 dipendenti.

COME PROCEDE LA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO DI ANSALDO ENERGIA

L’accordo tra Ansaldo Energia e le banche (Intesa Sanpaolo, UniCredit, Carige, BPM e alcuni istituti esteri) per la ristrutturazione del debito dovrebbe venire concluso entro novembre o nei primi giorni di dicembre; Cassa depositi e prestiti, poi, stabilirà l’ammontare della ricapitalizzazione: alcune previsioni parlano di 300 milioni di euro.

I CONTRASTI CON I SINDACATI

In un comunicato firmato da FIM-CISL, FIOM e UILM, i sindacati denunciano la “crisi di liquidità dovuta alla mancata ricapitalizzazione” che “sta facendo morire piano piano l’azienda: decine di fornitori, non pagati, si rifiutano di mandare il necessario per poter lavorare e si rifiutano di venire a fare la manutenzione”. Mancherebbe inoltre il legno per le casse da spedizione, i muletti rotti non vengono riparati, le macchine sono ferme per mancanza di pezzi di ricambio e “i caloriferi vengono spenti alle 10 di mattina […] e si gela”.

COSA FA ANSALDO PER EVITARE LA CASSA INTEGRAZIONE

Per evitare la cassa integrazione, che potrebbe scattare nel 2023, Il Secolo XIX riporta che Ansaldo Energia è in cerca di commesse: ha avviato negoziati con Autostrade per l’Italia per ottenere la gestione della manutenzione della fresa meccanica utilizzata per i lavori nel tunnel subportuale di Genova; potrebbe chiudere un ordine da Elpedison per una turbina a gas GT36 destinata alla centrale di Salonicco, in Grecia; dovrebbe ottenere il pagamento completo (ha già ricevuto l’acconto) dall’Azerbaigian per quattro turbine 94.3.

I RUMORS

Dice un manager interno ad Ansaldo Energia. “Dopo aver annunciato le sue dimissioni ai sindacati se non arrivasse la ricapitalizzazione entro il 31/12, Marino prosegue con i licenziamenti dei dirigenti: in tre anni, tra prepensionamenti, pensionamenti e licenziamenti, sono almeno una ventina i manager accompagnati alla porta. Ma anche molte delle sue nomine non stanno avendo grande fortuna. Yuri Martini, che si è portato da Hitachi Rail e che ha messo a capo dell’ufficio acquisti, se ne è ritornato a casa; il CFO Balzarini è stato di fatto commissariato dal chief restructuring officer Simone de Felice; il nuovo responsabile commerciale Marco Lovisolo, preso da Siemens automazione, si è scoperto che non era nemmeno laureato una volta assunto; il responsabile delle relazioni esterne preso da Sky Marco Marino è sotto attacco continuo dei sindacati”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore