skip to Main Content

L’americano Wall Street Journal gasa l’Italia che nicchia sulle sanzioni anti Russia. Ohibò

Wall Street Journal

Che cosa scrive e fa capire il Wall Street Journal su Ucraina, Russia, Italia e gas

 

Il presidente francese Emmanuel Macron si è precipitato domenica per fermare un’invasione russa dell’Ucraina, organizzando un possibile summit tra il presidente Biden e Vladimir Putin.

È difficile prevedere cosa i russi accetteranno oltre a concessioni che comprometterebbero la sicurezza della Nato, e nel frattempo l’Italia sta già smorzando sulle sanzioni – scrive il Wall Street Journal nel suo editoriale.

I funzionari statunitensi alla conferenza sulla sicurezza di Monaco del fine settimana hanno continuato a insistere su quanto sia unita l’alleanza transatlantica di fronte all’aggressione russa. È quasi come se stessero cercando di convincere se stessi tanto quanto Putin, dal momento che conoscono le crepe che esistono sotto le affermazioni superficiali di risoluzione e unità.

“Stiamo discutendo le sanzioni con l’Ue e nel corso di queste discussioni abbiamo reso nota la nostra posizione. “Le sanzioni devono essere efficaci e sostenibili, devono essere concentrate in settori che non comprendano l’energia e che siano proporzionate rispetto all’attacco e non siano preventive”, ha detto venerdì il primo ministro italiano Mario Draghi. Questo tipo di resa preventiva è esattamente il motivo per cui Putin pensa che il prezzo di un’invasione sarebbe più basso di quanto annunciato.

L’Italia importa circa il 90% del suo gas ed è uno dei maggiori clienti di Mosca sul continente. Il leader italiano non vuole che la sua eredità di primo ministro di unità nazionale sia macchiata da una crisi energetica, ma permettere l’imperialismo russo sarebbe una macchia molto più grande.

Alla domanda se Bruxelles avrebbe imposto sanzioni alla Gazprom russa, il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha risposto che “tutto è sul tavolo”. Ha aggiunto che l’Europa potrebbe “portare il gas necessario all’Italia in modo che anche l’Italia sia al sicuro”.

L’energia non è l’unica preoccupazione, e Roma non è l’unica capitale europea che potrebbe vacillare sulle sanzioni. La riluttanza della Germania è consolidata, e l’Ungheria ha paura. L’esclusione della Russia dal sistema di compensazione finanziaria Swift è già stata esclusa perché potrebbe mettere in pericolo decine di miliardi di dollari di pagamenti ai creditori russi in Austria, Francia e Paesi Bassi.

Per quanto riguarda un vertice Biden-Putin, il dittatore russo ha il controllo degli eventi e le sue forze sono pronte per una guerra lampo. Vuole estorcere concessioni che renderanno Kiev subordinata al Cremlino e indebolire le difese della Nato. Entrambe sarebbero atti umilianti di appeasement che inviterebbero più tardi ad una maggiore aggressione. Lunedì il Cremlino ha messo in dubbio i piani per un vertice, mentre continua le sue operazioni di propaganda sostenendo l’aggressione ucraina. Lunedì Putin ha formalmente riconosciuto le due regioni secessioniste dell’Ucraina come stati indipendenti – una potenziale scusa per un’invasione.

La debolezza dell’Occidente è stata esposta a Monaco nelle osservazioni del presidente ucraino Volodymr Zelensky che dovrebbero perseguitare l’Europa. “Non abbiamo bisogno delle vostre sanzioni dopo che il bombardamento avverrà e dopo che il nostro paese sarà colpito dal fuoco, o dopo che non avremo confini e dopo che non avremo economia o parte del nostro paese sarà occupato”, ha detto il signor Zelensky. “Perché avremmo bisogno di queste sanzioni allora?”

Il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha risposto che non appena le sanzioni vengono usate, cessano di essere un deterrente, anche se lui e Biden affermano che un’invasione è tutt’altro che inevitabile. Se il massacro si compie, le élite americane ed europee dovrebbero riflettere su come si sono nuovamente rese ostaggio di un dittatore.

 

(estratto tratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore