skip to Main Content

Impatto

Ecco cosa farà l’Ue per misurare l’impatto ambientale delle aziende. Report Ft

Da gennaio, più di 50mila aziende dovranno tenere traccia dell'impatto ambientale delle loro attività. Ecco cosa prevede la nuova norma europea.

Più di 50.000 aziende dovranno iniziare a valutare l’impatto delle loro attività sull’ambiente a partire da gennaio, dopo che i legislatori dell’UE hanno superato l’opposizione della destra per spianare la strada ai requisiti di rendicontazione che riguarderanno anche le società multinazionali. Scrive il Financial Times.

CHI HA FATTO RESISTENZA (INVANO)

Il tentativo di un gruppo trasversale di 44 eurodeputati di destra e liberali di bloccare l’adozione di nuovi standard di rendicontazione della sostenibilità è stato respinto da oltre la metà del Parlamento europeo.

La resistenza a fare marcia indietro sulla trasparenza e sulla rendicontazione delle questioni verdi si inserisce nel contesto di una più ampia spinta contro gli investimenti ambientali, sociali e di governance, in particolare negli Stati Uniti ma anche in Europa.

“Dati standardizzati, trasparenti e comparabili non solo guideranno le aziende nella loro transizione, ma informeranno anche gli investitori e i consumatori”, ha dichiarato Tsvetelina Kuzmanova, senior policy advisor del think tank sul clima E3G.

GLI STANDARD DI RENDICONTAZIONE DELLA SOSTENIBILITÀ

Gli standard di rendicontazione della sostenibilità fanno parte di proposte legali più ampie, volte a spingere le aziende a essere più trasparenti quando si tratta del loro impatto sul clima. Essi stabiliscono esattamente i criteri su cui le aziende devono riferire, come l’inquinamento, l’uso dell’acqua e l’impatto sulle comunità locali.

Il quadro normativo era già stato allentato in fase di stesura per consentire alle aziende di comunicare i loro sforzi per allinearsi agli obiettivi dell’Accordo di Parigi sul riscaldamento globale solo se ritenuti “rilevanti” per le loro attività.

L’UE si è distinta da mercati come gli Stati Uniti richiedendo che le aziende rendano conto dell’impatto dei cambiamenti climatici e delle questioni di sostenibilità sulle loro attività e dell’impatto che le loro operazioni hanno sull’ambiente – un concetto noto come “doppia materialità”.

COSA DICE LA RISOLUZIONE SULL’IMPATTO AMBIENTALE DELLE AZIENDE

Secondo la risoluzione pubblicata, i legislatori che hanno spinto per respingere gli standard hanno affermato che essi comportano un onere eccessivo per le aziende, in quanto sono “complessi e di elevata quantità”. Inoltre, hanno affermato, minano lo sforzo di Bruxelles di ridurre la burocrazia, tra i timori che la legislazione ambientale stia danneggiando la competitività delle aziende dell’UE.

Oltre alle 50.000 società quotate in borsa che dovranno adeguarsi a partire dal prossimo anno, il campo di applicazione si estenderà alle grandi società non quotate in borsa e alle piccole e medie imprese quotate in borsa nel 2025 e nel 2026.

La Commissione ha dichiarato di aver “lavorato per garantire un elevato livello di allineamento” con altri standard internazionali di rendicontazione, come quelli presentati dalla Global Reporting Initiative (GRI) e dall’International Sustainability Standards Board, in modo che le aziende non debbano affrontare requisiti di rendicontazione molto diversi nelle varie regioni.

Eelco van der Enden, amministratore delegato del GRI, ha dichiarato che il voto di mercoledì “segna il passaggio dal dibattito politico all’attuazione pratica di queste nuove norme, che rappresentano un cambiamento per la responsabilità delle imprese, nell’UE e a livello globale”.

Tiemo Wölken, eurodeputato socialista tedesco, ha affermato che se gli standard fossero stati respinti le aziende sarebbero rimaste in un limbo su come applicare le nuove regole di rendicontazione finanziaria.

“In pratica, le aziende non avrebbero alcuna certezza giuridica sulle modalità di attuazione degli obblighi”, ha dichiarato su Twitter, nella sua precedente versione X.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top