Mobilità, Mobilità elettrica

Germania accusa Fca: filtri controllo emissioni illegali

di

Fca

Alcuni test condotti dall’agenzia federale dell’automobile tedesca su diversi modelli Fca evidenziano irregolarità nel sistema di filtro delle emissioni inquinanti

Fca sotto accusa. La Germania avrebbe puntato il dito contro un sistema utilizzato dalla casa automobilitisca italiana per il controllo delle emissioni inquinanti sui motori diesel. Lo riporta l’Apf, rifacendosi ad alcuni test condotti dall’agenzia federale dell’automobile, Kba, su quattro modelli Fca. Proviamo a capire qualcosa in più.

Il caso: Fca usa sistema illegale per controllo emissioni?

FcaI test effettuati dall’agenzia federale dell’automobile, Kba, su alcuni modelli Fiat hanno evidenziato che il sistema di filtro delle emissioni inquinanti si disattivadopo 22 minuti, due minuti dopo la durata standard dei test di controllo anti-inquinamento. Dopo la disattivazione, i livelli di ossido di azoto immessi nell’atmosfera sarebbero fra le 9 e le 15 volte superiori a quelli consentiti.

In un documento diffuso dal Ministero dei trasporti tedesco , dunque, la Germania accusa Fca di utilizzare “dispositivi vietati”. Il sistema di controllo emissioni di Fiat 500x, Jeep Renegade e Fiat Doblò sarebbe illegale.

Non è proprio una novità. Già a maggio scorso la Germania aveva mosso alcune accuse in merito di emmissioni verso Fca, nell’ambito dell’inchiesta scaturita dallo scandalo dieselgate della Volkswagen. Il Ministro Delrio aveva già difeso l’azienda italiana, sostenendo che le analisi condotte dall’agenzia tedesca non evidenziavano alcuna anomalia. Ora la Germania si rivolge a Bruxelles: il governo tedesci ha inviato una lettera alla Commissione europea, che dovrà fare luce sulla faccenda.

Fca: vendite in crescita

Mentre Fca è impegnata risolvere la grana emissioni, volano le vendite dei modelli Fiat. La casa automobilistica fa la parte del leone non solo in casa, ma anche nel mercato francese e in quello spagnolo.

In agosto, Fiat ha incrementato le proprie immatricolazioni di 26,09 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno passato. Brutte notizie, invece, arrivano da Lancia che perde l’1,90% rispetto ad agosto 2015. Complessivamente la crescita del  gruppo di Sergio Marchionne è del 24,11% per una quota di mercato che sale al 28,92%.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati