Economia

Vi dico che cosa non ha detto Tridico dell’Inps sui bonus ai parlamentari

di

Tridico

Perché l’audizione del presidente dell’Inps, Tridico, non mi ha convinto. Il commento di Daniele Capezzone per il quotidiano La Verità

 

Un Pasquale Tridico affannato e trafelatissimo ha ossessivamente ripetuto, in collegamento con la Commissione Lavoro della Camera, che la notizia dei 5 deputati e dei 2mila eletti locali che avrebbero fatto richiesta del bonus da 600 euro “non è uscita né direttamente né indirettamente da me”. E, come vedremo, incalzato sulla telefonata ricevuta da un vicepresidente della Camera, si è incredibilmente trincerato dietro la formula “E’ una questione personale”, senza che la presidente Debora Serracchiani (Pd) facesse una piega.

Nella ricostruzione del Presidente dell’Inps, Tridico sarebbe stato chiamato il 7 agosto dal direttore di Repubblica Maurizio Molinari, il quale gli avrebbe comunicato di essere in possesso della notizia riguardante i deputati e di avergli chiesto i nomi dei cinque. Tridico si è definito “sorpreso” e ha dichiarato di non aver rivelato alcunché: “Sono accuse infondate, le rimando ai mittenti”. E ancora: “La notizia è stata trafugata, non è uscita da fonti ufficiali dell’Inps. Ho già ordinato un audit interno”.

Successivamente, Tridico ha ammesso di conoscere la notizia da fine maggio e di averla condivisa (la notizia, non i nomi) solo con il cda dell’Inps (il 30 maggio). Il Presidente dell’Istituto ha anche sostenuto che l’azione di incrocio e controllo sarebbe stata giustificata dal fatto che parlamentari e consiglieri regionali (e in parte altri amministratori locali) sono sottoposti a un regime previdenziale differenziato.

Dopo di che, lo speech iniziale di Tridico ha avuto passaggi francamente imbarazzanti: il tema dell’evasione fiscale e contributiva (che non si vede cosa abbia a che fare con il bonus); una specie di mozione degli affetti (“abbiamo servito il paese, siamo stati a dormire nelle sedi dell’Istituto”); l’incongruo riferimento alla profilazione fatta da aziende private (“Google ci segnala prodotti”). Per non dire del costante richiamo, per giustificarsi, al numero altissimo di prestazioni erogate dall’Inps durante l’emergenza Covid, a partire dai 4 milioni di bonus (“guardiamo il dito e non la luna!”, ha ripetuto Tridico). Eppure ogni mese l’Inps eroga 20 milioni di pensioni, e quindi avere a che fare con grandi numeri è la regola, non l’eccezione.

Restano almeno sette punti che non tornano nella ricostruzione di Tridico.

Primo. C’è un problema di responsabilità oggettiva dell’Inps nel custodire i dati riservati che sono affidati all’Istituto. Quindi Tridico non può cavarsela limitandosi a escludere un suo ruolo diretto nella fuga di notizie. Nella migliore delle ipotesi, esiste una culpa in vigilando che ricade sull’Inps e sul suo vertice. Né rassicura un passaggio surreale della replica di Tridico: “Non è né la prima né l’ultima volta che ci sono fughe di notizie dall’Istituto”.

Secondo: Tridico ha ammesso che i controlli hanno riguardato circa 40mila percettori, e sarebbero stati motivati dal regime previdenziale di quei cittadini e dall’opportunità di eventualmente recuperare ciò che l’Inps avesse loro indebitamente versato. L’incrocio sarebbe avvenuto attingendo per i politici ai dati del ministero degli Interni e del Parlamento, e per gli altri soggetti ad archivi diversi. Ma su tutto questo esiste solo la parola dell’Inps. Chi verifica in dettaglio?

Terzo. Tridico non ha spiegato (né i parlamentari gli hanno chiesto) come mai sia uscito sui media il riferimento a un “conduttore televisivo”. C’è stata dunque una profilazione a carico di una serie di altre personalità pubbliche, politici a parte?

Quarto. Come mai, subito dopo l’uscita della prima notizia, i grillini già evocavano i presunti gruppi politici di appartenenza dei parlamentari beneficiari del bonus? Hanno tirato a indovinare o qualcuno gli aveva passato delle informazioni precise?

Quinto. Come si è arrivati alla rivelazione sui media dei nomi e dei cognomi delle persone coinvolte? Non è certo da escludere che anche su questo alcuni spifferi possano essere venuti dall’Inps.

Sesto. Pesa come un macigno il legame logico e cronologico tra la fuga di notizie e la campagna sul referendum grillino. E’ questo, inutile girarci intorno, il cuore politico della questione.

Settimo. Nonostante la domanda del deputato Rizzetto, Tridico non ha dato risposta sulla telefonata dell’onorevole Rosato, vicepresidente della Camera, che pare volesse essere rassicurato sul fatto che non fossero coinvolti esponenti di Italia Viva. Tridico ha parlato di “questione personale”. Una presidenza di Commissione adeguata lo avrebbe scorticato vivo, mentre la Serracchiani si è accontentata e ha chiuso lì.

(Estratto di un articolo pubblicato sul quotidiano La Verità)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati