Economia

Tutti i guai di Mps

di

L’articolo di Luca Gualtieri, giornalista di MF/Milano Finanza

 

Poco più di un anno fa il Montepaschi rientrava in borsa dopo essere passato sotto il controllo dello Stato italiano. I 12 mesi successivi non avrebbero potuto essere più faticosi, con un piano industriale da rispettare, un mercato in brusca correzione e un nuovo azionista decisamente imprevedibile. La borsa non ha aiutato: il titolo ha perso quasi il 60%, non tanto per incertezze sulla strategia quanto perché, con il nuovo assetto proprietario, la banca è diventata una perfetta proxy dell’Italia. L’amministratore delegato Marco Morelli non fa mistero delle difficoltà, ma non per questo ha distolto l’attenzione dall’attività industriale, a partire dal credito.

TUTTE LE NOVITA’ IN MPS

Tale scelta è conseguenza diretta dell’attuale configurazione della banca: oggi l’asset principale del Monte è infatti la rete commerciale, che con quasi 1.600 filiali, copre gran parte del territorio nazionale. Sul credito è costruita buona parte del conto economico, visto che il margine di interesse rappresenta oltre la metà della base-ricavi del gruppo. Ma soprattutto molti dei problemi del passato sono nati da una cattiva gestione degli affidamenti che si è tradotta nell’immane mole di non performing loans ora in fase di smaltimento.

ECCO TUTTI I NUMERI SULLE CAUSE LEGALI DI MPS

Solo nell’ultimo anno la banca ha ceduto circa 24 miliardi di crediti deteriorati, cui vanno aggiunti i portafogli di npl e utp venduti ormai con una certa regolarità. Ecco perché per Morelli e la sua squadra è stato prioritario ripensare strutture e processi, rivoltando come un calzino la banca. Pur nel contesto non facile appena descritto, alcuni indicatori danno ragione alle scelte fatte finora: a fine settembre il default rate era sceso all’1,7 dal 2,5% del 2017, il costo del credito si attestava a 55 punti base e la copertura dei crediti deteriorati era salita al 56,4% (con le sofferenze al 68,6%). Oggi insomma l’attivo della banca è meno rischioso che in passato e la macchina del credito si sta progressivamente allineando alle best practice.

LE LINEE GUIDA DI MPS

Questi risultati sono maturati grazie a una profonda riorganizzazione interna della direzione chief lending officer di Fabrizio Leandri, avviata nel primo trimestre 2017 e sviluppata seguendo tre linee guida. La prima è stata la creazione di due business line creditizie dedicate all’execution: la direzione crediti performing, sotto la guida di Giovanni Ametrano (cui fanno riferimento Bianca D’Auria, Fausto Fabrizi e Donatella Vernisi), e la direzione crediti non performing, sotto la guida di Lucia Savarese (che coordina Giuseppe Mantini, Andrea Giudici, Ugo Smiraglia, Vincenzo Leggiero e Marco Tonini). La seconda linea guida è stata la separazione della filiera del credito da quella commerciale con la creazione di cinque aree-credito dedicate e distinte per area territoriale. A guidarle sono Francesco Paolo Servillo (Toscana), Rosario D’Amato (Nordest), Giovanni Michele Baroni (Nordovest), Luigi Losurdo (Sud e Sicilia) e Francesco Lisi (Centro e Sardegna). In terzo luogo il Monte ha creato, a diretto riporto della direzione e sotto la guida di Gianfranco Ruggiero, un’area dedicata al Credit Portfolio Governance che si occupa di definire le politiche creditizie, di business intelligence e di coordinare e monitorare, fra l’altro, le operazioni straordinarie. Lo sforzo complessivo ha richiesto alla banca investimenti per quasi una quarantina di milioni.

ECCO TUTTI I NUMERI SULLE CAUSE LEGALI DI MPS

La direzione crediti performing è stata oggetto di una completa revisione organizzativa e delle autonomie creditizie di tutta la filiera per affinare i processi e rendere più tempestive le azioni. «Nel mondo retail sono stati introdotti nuovi algoritmi di scoring differenziati per i segmenti di portafoglio che hanno migliorato il processo di selezione e ridotto drasticamente i tempi di risposta al cliente; per il segmento imprese sono stati definiti nuovi standard con logiche forward looking per effettuare analisi prospettiche dei piani d’impresa, sulla loro credibilità, fare analisi di sensitivity e formulare previsioni sull’evoluzione dei flussi di cassa», spiega Leandri a MF-Milano Finanza.

LA FILIERA COMMERCIALE

Un passaggio fondamentale è stato il completo trasferimento delle responsabilità in materia di valutazione e delibera degli affidamenti dalla filiera commerciale a nuove strutture specialistiche del credito con analisti nei segmenti delle piccole e medie imprese per accrescere la cultura del rischio e garantire la correttezza operativa. Particolare attenzione ai crediti high risk, quella parte cioè del portafoglio in bonis che se non gestita rischia di scivolare negli npe. Queste posizioni vengono affidate a una squadra di 250 professionisti con l’obiettivo di anticipare il deterioramento e gestirlo assieme all’azienda. A questo scopo possono rivelarsi molto utili prodotti ad hoc, più flessibili di quelli tradizionali nello schema ammortamento.

ECCO TUTTI I NUMERI SULLE CAUSE LEGALI DI MPS

Altra area di intervento è stata quella degli utp. Da un lato la banca si è concentrata sulla gestione proattiva con l’aiuto di data analytics e tecnologie avanzate per migliorare la qualità del set informativo. Nel dettaglio, la struttura ha lasciato ai gestori dell’area la focalizzazione sulle posizioni di importo maggiore per migliorare l’efficacia dell’azione e contestualmente incrementando le performance di recupero sul portafoglio small ticket grazie all’intervento di società specializzate. Dall’altro lato procedono le cessioni: il piano di ristrutturazione si fonda infatti anche su un importante programma straordinario di riduzione del portafoglio dei crediti classificati come inadempienze probabili, per un ammontare complessivo residuo nel biennio 2018-2019 di 3,5 miliardi.

I PROSSIMI PASSI PER MPS

«Abbiamo individuato specifici portafogli che, in base all’area merceologica, al collocamento geografico o alla qualità del collaterale, possono prestarsi a una cessione. Abbiamo dato regolarità a questo processo e ogni settimana ci presentiamo agli investitori con nuove posizioni», spiega Leandri. Per quanto riguarda le sofferenze invece il processo industriale è ormai incardinato grazie all’attività di Juliet, la piattaforma di Cerved e Quaestio che gestirà fino all’80% dei nuovi flussi, lasciando solo il 20% alle strutture della banca.

La tecnologia e l’automazione saranno utili non solo per gestire lo stock di crediti accumulato, ma anche per erogarne di nuovo. Il Monte è infatti molto attento alle soluzioni digitali messe a disposizioni dai nuovi canali: «Vogliamo investire sullo smart lending che mette a disposizione della clientela strumenti efficaci e rapidi per sopperire al fabbisogno finanziario. Penso soprattutto alle aree del factoring, dello sconto fatture e del microcredito per cui il digitale può semplificare i processi e ridurre i tempi di risposta.

Per elaborare nuovi prodotti e servizi potremmo appoggiarci a fintech e startup digitali con le quali stiamo costruendo preziose sinergie», commenta Leandri. Il riferimento è a Officina Mps , il progetto della banca sviluppato in partnership con Accenture e nato con l’obiettivo di scoprire e promuovere le idee delle startup innovative. Altra area di applicazione della tecnologie è infine l’advisory del credito, una serie di servizi che il Monte punta a fornire sia internamente che esternamente per intercettare i bisogni delle imprese.

 

Articolo pubblicato su MF/Milano Finanza

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati