Economia

Tutte le letterine di Bruxelles sui conti degli Stati

di

La Commissione può chiedere ulteriori informazioni entro sette giorni dalla presentazione dei bilanci nazionali. Come annota Bloomberg: le lettere segnano un passaggio standard nel processo di revisione dei bilanci nazionali.

Non c’è ottobre senza una lettera da Bruxelles con la richiesta di chiarimenti sulla manovra economica. E non è solo l’Italia a ricevere missive dalla Commissione europea. Risposte sono attese da Francia, Spagna, Portogallo e Belgio. Anche la Finlandia ne ha ricevuta una ai primi di ottobre a cui ha già replicato.

Lo dicono le norme dell’Unione europea: la Commissione può chiedere ulteriori informazioni entro sette giorni dalla presentazione dei bilanci nazionali. Come annota Bloomberg: le lettere segnano un passaggio standard nel processo di revisione dei bilanci nazionali. L’anno scorso la Commissione aveva scritto a sei Paesi.

Nella lettera al ministro delle Finanze francese Bruno Le Maire, ad esempio, la Commissione avverte del “rischio di non conformità”. Non dissimile la richiesta giunta a Roma, firmata da Pierre Moscovici, commissario uscente agli Affari economici, e Valdis Dombrovskis, vice presidente appena riconfermato.

Le perplessità – nota Repubblica – riguardano la riduzione del debito nel rispetto delle regole sui conti pubblici: “Il piano dell’Italia non è conforme ai parametri di riferimento per la riduzione del debito nel 2020”, si legge nel documento. La bozza prevede un peggioramento del deficit strutturale di 0,1% del Pil, “che manca il raccomandato aggiustamento strutturale di 0,6%”, e “un aumento della spesa dell’1,9%, che eccede la riduzione raccomandata di almeno lo 0,1%”. Il governo Conte risponderà entro mercoledì 23.

Le lettere arrivano proprio mentre la Commissione e altre istituzioni, tra cui la Bce e il Fmi, spingono i paesi europei a ridurre i loro livelli di debito. La Spagna ha registrato l’anno scorso il più grande deficit strutturale tra i paesi della zona Euro, circa il 3,2% del Pil (oltre 38 miliardi).

Fonti dell’Unione sottolineano ad Euractiv le differenze tra caso spagnolo e italiano, dato che Madrid ha un governo provvisorio: la Spagna tornerà alle urne il 10 novembre. Per questo, la lettera a Pedro Sánchez è descritta piuttosto come un segnale al prossimo governo. Situazione analoga per Belgio e Portogallo. La Spagna ha convenuto con Bruxelles di ridurre il disavanzo all’1,1% del Pil l’anno prossimo e di ridurre il disavanzo strutturale dello 0,65% del Pil (7,8 miliardi di euro).

(estratto dal Taccuino europeo a cura di Andrea Mainardi per Policy Maker)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati