Economia

Ecco come la Bce di Draghi sbuffa per i tweet di Bagnai, Borghi, Minenna e Rinaldi sullo spread

di

Risposta indiretta della Bce sull’acquisto di bond italiani dopo gli interrogativi e i dubbi di esponenti della Lega e del Movimento 5 Stelle sull’impennata dello spread?

È quanto si pensa in ambienti finanziari e di Borsa per alcuni virgolettati attribuiti oggi alla Banca centrale europea da alcuni giornali italiani dopo alcune dichiarazioni tv e tweet di parlamentari giallo-verdi e di economisti e tecnici vicini alla Lega di Matteo Salvini e al Movimento 5 Stelle capeggiato da Luigi Di Maio.

Che cosa ha fatto sapere l’Istituto centrale presieduto da Mario Draghi? Iniziamo da qui.

CHE COSA SOTTOLINEA LA BCE

«Il programma di acquisti Asset purchase programme viene condotto come al solito, non c’è stato alcun cambiamento – ha detto ieri a Il Sole 24 Ore un portavoce della Bce -. La Banca sta operando sul mercato e sta implementando il programma di acquisti come sempre». Non sono dunque basate su alcun fondamento le voci che davano la Bce meno attiva sull’Italia nel QE in questo momento di crisi: gli acquisti sul programma dedicato ai titoli di Stato PSPP sono in realtà cresciuti proprio di recente, passati dai 3,382 miliardi della settimana del 18 maggio ai 3,628 della settimana del 25 maggio (ultimi dati disponibili). Nel mese di maggio, le prime due settimane sono state di 1,29 miliardi e 7,89 miliardi: quel che conta è il risultato finale, 30 miliardi complessivi al mese.

L’AGENZIA RADIOCOR DEL SOLE

I virgolettati che il Sole attribuisce alla Bce appaiono come una risposta indiretta a chi, come l’economista e senatore della Lega, Claudio Borghi, nei giorni scorsi ha twittato un’agenzia stampa in (Radiocor-Il Sole 24 Ore) cui si diceva: “Gli acquisti di titoli da parte dell’eurosistema nell’ambito del programma di Quantitative easing sono calati nel corso della settimana terminata il 25 maggio a 3,831 miliardi di euro dai 5,309 miliardi della settimana precedente. Secondo i dati forniti dalla Bce, nella settimana gli acquisti di titoli di Stato sono stati pari a 3,628 miliardi (3,382 miliardi la settimana precedente) mentre quelli di corporate bond hanno totalizzato quota 0,852 miliardi (da 1,159 mld). Infine gli acquisti di covered bond sono calati di 0,462 miliardi (da +0,489 mld), mentre quelli di Abs sono stati negativi per 0,187 miliardi (da +0,279 mld)”.

I TWEET DI BORGHI, BAGNAI E MINENNA

Per Borghi, dunque, l’incremento dello spread è anche l’effetto di minori acquisti di bond statali italiani da parte della banca centrale europea presieduta da Mario Draghi? Un sospetto simile lo hanno avuto nei giorni scorsi, sempre sulla base dello stesso lancio dell’agenzia Radiocor, altri esponenti della Lega, come il senatore ed economista Alberto Bagnai, che ha riwittato il cinguettio di Borghi e di altri dello stesso tenore, e Marcello Minenna, dirigente Consob ed ex assessore al Bilancio nella giunta Raggi.

I DUBBI DI RINALDI E CASTELLI

Questo genere di interrogativi sono stati rilanciati anche in tv ieri da Antonio Maria Rinaldi, economista e fondatore del sito Scenarieconomici.it, oltre che amico e allievo di Paolo Savona, durante la trasmissione condotta da Alessandra Sardoni su La 7. Anche il deputato pentastellato Laura Castelli, tra i candidati a rivestire un ruolo di ministro nel governo in fieri, ha rilanciato i dubbi e le domande di Borghi, Bagnai e Minenna in un’intervista ad Huffington Post Italia.

CHE COSA SCRIVE IL FATTO QUOTIDIANO

Stefano Feltri, vicedirettore del Fatto Quotidiano e già al Foglio di Ferrara e Cerasa, ha scritto oggi: “Secondo quanto ricostruito dal Fatto Quotidiano, il totale degli acquisti lordi di titoli italiani a maggio nell’ambito del Quantitative Easing è stato finora di 4,8 miliardi contro i 3,9 di aprile. Lordi perché comprendono anche gli acquisti che compensano i titoli arrivati a scadenza (in modo da non ridurre lo stock a bilancio). Dai dati che la Bce pubblicherà nei prossimi giorni si dovrebbe riscontrare però un calo degli acquisti netti, cioè dell’aumento dei titoli italiani a bilancio, tra aprile e maggio”.

Eppure tra molti pentastellati e leghisti i dubbi non sono sopiti sull’azione della Bce.

ECCO COME LA BCE AMMETTE E SPIEGA IL CALO DEGLI ACQUISTI DI BOND STATALI ITALIANI

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati