Advertisement skip to Main Content

Fed

Che cosa succederà alle economie Usa, Ue e Uk

Soft landing negli Stati Uniti: Regno Unito ed Eurozona potranno replicarlo? L'analisi di Steven Bell, Chief Economist EMEA di Columbia Threadneedle Investments.

I dati provenienti dagli Stati Uniti suggeriscono che l’inflazione potrebbe avviarsi verso l’obiettivo del 2% fissato dalla Federal Reserve senza bisogno di una recessione, ma tramite un “soft landing”. Finora i valori dell’inflazione dei prezzi al consumo (IPC) si sono ridotti in modo significativo e più del previsto. In particolare, gli ultimi dati sull’IPC mostrano che l’inflazione è scesa ad appena il 3% a giugno. Inoltre, l’inflazione salariale è diminuita, secondo i dati pubblicati la scorsa settimana, con una possibilità concreta che la spirale prezzi-salari si stia invertendo. Tutto questo è avvenuto con un tasso di disoccupazione ancora molto basso. Un “soft landing” statunitense non è affatto scontato, sebbene in molti siano d’accordo che avverrà. Si tratta di un grande cambiamento e una buona notizia per gli asset di rischio negli Stati Uniti e non solo.

Ci si chiede ora se il Regno Unito e l’Eurozona saranno in grado di riproporre il successo degli Stati Uniti. Riteniamo che ci sia una concreta possibilità che questa accada, pur considerando le tempistiche prolungate e l’inizio di un periodo difficile.

LA SITUAZIONE NELL’EUROZONA

Guardando all’Eurozona, i recenti dati economici appaiono negativi, con numeri molto più bassi del previsto. In particolare, i Purchasing Managers Indices sono in territorio negativo. Le indagini sui prestiti bancari mostrano che le condizioni di credito si sono inasprite e la relativa domanda di credito è crollata.

Tuttavia, la situazione potrebbe non essere così negativa come suggeriscono i titoli dei giornali. C’è un divario tra nord e sud: i volumi delle vendite al dettaglio in Germania sono stati deboli, con una crescita annuale appena positiva, mentre la Spagna ha registrato un boom dei consumi. C’è inoltre un divario settoriale: l’industria manifatturiera appare debole, mentre i servizi sono forti, e questo rappresenta un fenomeno evidente quasi ovunque. I dati relativi alla Germania e al settore manifatturiero sono molto più numerosi degli altri e per questo motivo, a nostro avviso, il quadro generale risulta distorto: la situazione non è così negativa come suggeriscono i titoli dei giornali. E la disoccupazione continua a diminuire, raggiungendo i minimi storici nell’Eurozona.

C’è stato un significativo miglioramento della fiducia dei consumatori, mentre i risparmi non spesi potrebbero tradursi in maggiori consumi. Tuttavia, l’inflazione è ancora alta, il doppio rispetto agli Stati Uniti, e questo genera una pressione al rialzo sui salari. Sebbene l’Eurozona possa avere un’indicizzazione minore rispetto al passato, quest’ultima resta comunque molto più alta di quella degli Stati Uniti; pertanto, la spirale prezzi-salari continua ad andare nella direzione sbagliata. Il sollievo arriverà quando l’inflazione nominale scenderà, ma ci vorranno diversi mesi prima che si registri un’ulteriore diminuzione.

LA SITUAZIONE NEL REGNO UNITO

Il Regno Unito, invece, presenta fattori specifici. La struttura del mercato immobiliare britannico rende l’economia più vulnerabile all’aumento dei tassi di interesse ufficiali rispetto all’Eurozona o agli Stati Uniti. Il recente aumento del 10% dei salari minimi nel Regno Unito, sebbene apprezzabile a livello sociale, ha comportato l’aumento dell’inflazione salariale. Si tratta di un evento unico e che non si ripeterà il prossimo anno. Inoltre, la debolezza della sterlina dello scorso anno sta aggiungendo ben 2 punti percentuali all’inflazione attuale: questo fenomeno è destinato ad attenuarsi e, successivamente, invertirsi in risposta al recente rafforzamento della sterlina. Gli ultimi dati sull’inflazione mostrano un netto miglioramento che proseguirà insieme al miglioramento delle bollette energetiche delle famiglie (cresciute del 200% nelle ultime rilevazioni, scenderanno del 17% il prossimo mese e diminuiranno ulteriormente ad ottobre).

Come per l’Eurozona, anche in Gran Bretagna il punto di partenza per l’inflazione è più alto e il percorso verso un “soft landing” più incerto. La buona notizia è che i mercati finanziari hanno concesso all’Eurozona e al Regno Unito il beneficio del dubbio dopo aver visto il concretizzarsi di un “soft landing” negli Stati Uniti.

Back To Top