Economia

Ecco gli effetti della pandemia su petrolio, oro, ferro e grano

di

prezzi materie prime

Cosa succederà ai prezzi delle materie prime? L’approfondimento del settimanale Economist

 

La più grande storia sulle materie prime del 2020 è  una storia di declino. Quando la pandemia di coronavirus ha bloccato i viaggi, il prezzo del petrolio è caduto in un precipizio, per poi passare brevemente in secondo piano: in aprile un contratto a termine per la West Texas Intermediate valeva meno di niente. Il petrolio ha iniziato a superare i 45 dollari al barile a novembre, sostenuto dall’ottimismo sui vaccini. Per le altre materie prime, invece, il 2020 non è stato poi così male. Anzi, l’anno potrebbe aver segnato l’inizio di una straordinaria ascesa – scrive The Economist.

In agosto l’oro ha superato per la prima volta i 2.000 dollari all’oncia, poiché i bassi tassi di interesse hanno reso il metallo prezioso un paradiso più attraente dei titoli di Stato. Anche il valore delle altre materie prime è salito, non solo a causa dei gravi blocchi indotti dal virus in aprile, ma dall’inizio del 2020, prima dell’inizio della pandemia (vedi grafico). Il patrimonio in gestione delle materie prime ha raggiunto il record di 640 miliardi di dollari a dicembre, secondo le stime di Citigroup, una banca, che rappresenta un guadagno annuo di quasi un quarto. Entro l’11 gennaio di quest’anno anche l’indice delle materie prime S&P GSCI ha raggiunto il livello di un anno fa. Il dibattito ora è su quanto velocemente i prezzi del petrolio si riprenderanno e su quanto potranno salire le altre materie prime.

Questo a sua volta dipende dal fatto che le forze che hanno spinto verso l’alto alcune materie prime nel 2020 continueranno nel 2021 o saranno soppiantate da motori di crescita ancora più potenti. L’anno scorso la Cina si è dimostrata un importatore vorace, poiché ha aumentato gli investimenti e riempito le scorte strategiche. I beneficiari sono stati il minerale di ferro e il rame, utilizzati in progetti siderurgici ed elettrici, oltre a materie prime morbide come il grano, la soia e la carne di maiale. Ciò ha coinciso con un’offerta limitata. I focolai di covid-19 hanno portato alla chiusura di alcune miniere di ferro in Brasile. Le scarse piogge in Sud America, dovute alla Niña, hanno fatto aumentare il prezzo del grano.

Quest’anno ha già presentato segnali di offerta limitata. L’11 gennaio l’Argentina ha revocato il divieto di esportazione del mais, ma ha imposto un tetto massimo. La Russia prevede di tassare le esportazioni di grano a partire da metà febbraio. Le grandi miniere sono ancora a rischio di restrizioni. Le proteste nella miniera di rame di Las Bambas in Perù, per esempio, hanno alimentato i timori di un’interruzione dell’approvvigionamento.

Nel frattempo il petrolio ha continuato la sua timida ripresa, gonfiata alternativamente da speranze di vaccini e depressa dalla notizia di ulteriori blocchi. Per aumentare i prezzi, l’Arabia Saudita questo mese ha detto che limiterà la produzione di un ulteriore milione di barili al giorno a febbraio e marzo.

Due importanti sviluppi potrebbero fornire ulteriore supporto. La diffusione dei vaccini nelle più grandi economie del mondo finirà per ispirare un aumento dei viaggi e degli scambi commerciali. E una grande spesa da parte di un governo democratico americano stimolerebbe l’attività economica e quindi il consumo di materie prime. Ciò potrebbe anche indebolire il dollaro, il che renderebbe il petrolio e le altre materie prime denominate in dollari meno costose per gli acquirenti nei mercati emergenti, sollevando la domanda e spingendo i prezzi delle materie prime a sua volta più alti.

I tori delle materie prime, guidati da Jeff Currie della Goldman Sachs sostengono che le tendenze a lungo termine sosterranno i prezzi nel prossimo decennio. “La pandemia stessa è un catalizzatore strutturale per un superciclo delle materie prime”, sostiene Currie. Oltre a un dollaro più debole e alla spinta che ne consegue per le materie prime, la pandemia potrebbe avere l’effetto di sincronizzare l’attività in alcune delle più grandi economie mondiali.

I governi di America, Europa e Cina dichiarano di sostenere gli investimenti verdi e gli sforzi per ridurre i divari di reddito. L’assistenza alle famiglie povere ha un effetto sovradimensionato sui consumi, sottolinea Currie, che a sua volta sostiene i prezzi delle materie prime. E gli investimenti verdi nelle stazioni di ricarica elettrica, ad esempio, e nei parchi eolici sono ad alta intensità di materie prime. I primi anni di spesa verde possono anche sostenere la domanda di petrolio, attraverso un aumento dell’occupazione e dell’attività economica. Goldman stima che uno stimolo di 2 trilioni di dollari nei prossimi due anni farebbe aumentare la domanda di petrolio americano di circa 200.000 barili al giorno, ovvero dell’1%.

Gli scettici si aspettano una crescita più contenuta. Nel breve termine, sottolinea Ed Morse di Citigroup, le scommesse degli investitori sul rame non sono supportate dalle tendenze dell’offerta e dei consumi. La sottile maggioranza dei Democratici al Senato non garantisce  l’approvazione del piano climatico del presidente eletto Joe Biden. “Non c’è niente sul lato della domanda che sia ad alta intensità di beni di consumo quasi quanto il primo decennio del 21° secolo”, dice Morse.

Quel superciclo precedente era guidato dall’urbanizzazione, dagli investimenti e dall’ascesa della classe media nei mercati emergenti – e in particolare in Cina. I governi da Berlino a Pechino dichiarano ora di voler portare un nuovo tipo di trasformazione. Il prezzo delle materie prime nel prossimo decennio dipende in gran parte dal fatto che facciano o meno quello che dicono.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati