Economia

Perché l’Antitrust sfruculierà Google, Apple e Dropbox

di

Google

Tutti i dettagli sui procedimenti avviati contro Google, Apple e Dropbox da parte dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Antitrust)

 

Sei istruttorie per tre big: Google, Apple e Dropbox. L’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha avviato contro ognuna delle tre società tecnologiche due diversi procedimenti su privacy e servizi cloud.

Tutti i dettagli.

LE ISTRUTTORIE

L’Agcm ha avviato sei istruttorie nei confronti di Google (per il servizio Google Drive), Apple (per il servizio iCloud) e Dropbox. Ogni colosso tecnologico, scrive l’Autorità, è interessato “da un procedimento per presunte pratiche commerciali scorrette e/o violazioni della Direttiva sui diritti dei consumatori sia da uno per presunte clausole vessatorie incluse nelle condizioni contrattuali”.

GOOGLE, APPLE E LE PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE

Scendendo nei particolari, l’Antitrust punta il dito contro Google ed Apple per non aver dato adeguata comunicazione, in sede di presentazione del servizio, dell’attività di raccolta e utilizzo a fini commerciali dei dati forniti dall’utente e il possibile indebito condizionamento nei confronti dei consumatori.

Gli utenti, spiega l’Antitrust, in occasione dell’utilizzo del servizio di cloud storage, “non sarebbero in condizione di esprimere all’operatore il consenso alla raccolta e all’utilizzo a fini commerciali delle informazioni che li riguardano”.

DROPBOX E IL (NEGATO) DIRITTO DI RIPENSAMENTO

Stesse accuse per Dropbox, cui però Agcm imputa anche il fatto di non aver comunicato, in maniera chiara, le informazioni utili sulle condizioni, sui termini e sulle procedure per recedere dal contratto e per esercitare il diritto di ripensamento.

Non solo. Dropbox non avrebbe consentito all’utente, scrive l’autorità, “l’agevole ricorso a meccanismi extra-giudiziali di conciliazione delle controversie, cui il professionista sia soggetto, con le indicazioni necessarie per accedervi”.

I PROCEDIMENTI PER CLAUSOLE VESSATORIE

E ancora. L’Antitrust ha avviato anche dei procedimenti per clausole vessatorie per alcune condizioni contrattuali predisposte nei relativi modelli messi a punto da Google, Apple e Dropbox.

Tra le condizioni contro cui Agcm punta il dito ci sono: l’ampia facoltà – da parte dell’operatore – di sospendere e interrompere il servizio; l’esonero di responsabilità anche in caso di perdita dei documenti conservati sullo spazio cloud dell’utente; la possibilità di modifica unilaterale delle condizioni contrattuali; la prevalenza della versione in inglese del testo del contratto rispetto a quella in italiano.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati