skip to Main Content

Perché il rublo non tracolla ancora

Rublo

Nonostante le sanzioni di Stati Uniti ed Europa contro Mosca, il valore della valuta russa rispetto al dollaro è ora al livello più alto degli ultimi sette anni. L’articolo di Giuseppe Gagliano

 

Non è certo la prima volta che l’evolversi degli eventi storici e, in modo particolare, quelli legati alla guerra, spiazzano scenari e previsioni di analisti nazionali ed internazionali. E’ il caso, ad esempio, del rublo.

IL VALORE DEL RUBLO

Il valore della valuta russa rispetto al dollaro è ora al livello più alto degli ultimi sette anni nonostante gli Stati Uniti e l’Europa abbiano deciso sanzioni contro Mosca. Infatti il rublo è aumentato del 35% quest’anno rispetto al dollaro Usa ed è scambiato a 55,78 con il dollaro.

L’Occidente aveva sperato che la pressione sarebbe stata sufficiente a spingere l’uomo forte russo Vladimir Putin a ritirarsi dalla guerra, ma il rublo – al momento – si è dimostrato una valuta forte. Dopo l’invasione, la banca centrale russa ha imposto severi controlli sui capitali per forzare l’acquisto del rublo.

L’ASSIST FORNITO DALL’IMPENNATA DEI PREZZI DELL’ENERGIA

Un altro fattore che spinge verso l’alto il valore del rublo è l’impennata dei prezzi globali dell’energia. Dall’inizio della guerra, i prezzi del petrolio e del gas sono esplosi mentre i deflussi dalla Russia hanno rallentato.

Il greggio Brent, il benchmark petrolifero globale, era a 114 dollari al barile lunedì mattina, mentre il benchmark statunitense, West Texas Intermediate, è ora a 110 dollari, un grande aumento rispetto ai 75 dollari che era all’inizio dell’anno. Infatti la Russia ha costretto alcuni acquirenti stranieri dei suoi prodotti energetici a pagare in rubli, qualcosa che ha contribuito a rafforzare la forza della valuta a livello globale. Mosca sta ora vedendo le sue entrate dalle esportazioni di energia arrivare a 20 miliardi di dollari al mese, anche se gli importatori europei lavorano per ridurre la dipendenza dal petrolio e dal gas russi.

I prezzi delle materie prime sono attualmente alle stelle e, anche se c’è un calo del volume delle esportazioni russe a causa di embarghi e sanzioni, l’aumento dei prezzi delle materie prime compensa questi cali.

COSA STA CERCANDO DI FARE MOSCA

Ora le autorità russe – paradossalmente, almeno in apparenza – stanno cercando di indebolire il rublo. Il primo vice primo ministro Andrey Belousov ha detto che ci sono state discussioni sul targeting di un tasso di cambio “ottimale” di 70-80 rubli per dollaro al fine di incoraggiare la crescita economica, ha riferito Bloomberg.

La Russia ha anche lavorato per indebolire i controlli sui capitali che ha attuato dopo che gli Stati Uniti e l’Europa hanno colpito la sua economia con sanzioni.

LE MOSSE DELLA BANCA CENTRALE RUSSA

La banca centrale russa ha rapidamente aumentato i tassi di interesse dal 9,5% al 20% subito dopo l’invasione dell’Ucraina. Dopodiché ha tagliato i tassi, che ora sono tornati ai livelli prebellici. Inoltre, sta cercando di allentare i controlli sui capitali perché ritiene che il rublo sia troppo forte, ha detto Elina Ribakova, vice capo economista dell’Istituto di finanza internazionale, alla fine del mese scorso. Tuttavia la banca centrale è in una posizione difficile. Se continuano ad allentarsi, potrebbero aprire le porte dei flussi di capitali fuori dal paese. Nelle crisi precedenti, 200 miliardi di dollari hanno lasciato il paese nel giro di pochi mesi.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore