Economia

Autonomi, Mes, Cdp e non solo. Tutte le tensioni fra Conte e Gualtieri

di

decreto

Fatti, numeri e indiscrezioni sulle misure economiche e finanziarie contro il contagio economico da Coronavirus e le divergenze tra Palazzo Chigi e Tesoro

Autonomi, Europa, Cdp e non solo. Si moltiplicano i dossier che vedono non sempre collimanti le posizioni fra Palazzo Chigi e ministero dell’Economia.

Emblematica la decisione presa ieri dal premier. Il presidente del Consiglio ha rigettato la bozza conclusiva del Consiglio europeo e ha chiesto insieme al premier spagnolo Pedro Sanchez che entro dieci giorni si trovi “una soluzione adeguata alla grave emergenza che tutti i Paesi stanno vivendo”. Lo fanno sapere fonti di Palazzo Chigi, spiegando che, nonostante la bozza contenesse gran parte delle richieste degli sherpa italiani, fra cui “l’eliminazione di qualsiasi riferimento al Meccanismo europeo di stabilità (Mes), questa è stata giudicata insufficiente dal capo del governo, che ha trovato “significative aperture” dai colleghi di Francia, Portogallo, Grecia, Irlanda e Lussemburgo.

L’accenno agli sherpa italiani implica una sconfessione anche e soprattutto del lavoro del ministero dell’Economia (qui l’approfondimento di Giuseppe Liturri per Start).

Non solo, tensioni anche su una misura anti contagio economico: “Sui 600 euro da dare ai lavoratori autonomi, norma ricompresa nel primo decreto economico: per Gualtieri, spalleggiato dalla burocrazia del Tesoro, erano troppi (ai fini degli effetti sul bilancio, ovviamente), per Conte erano pochi”, ha scritto Lettera 43.

Si dibatte anche su altro tra Palazzo Chigi e Tesoro: sell’emergenza coronavirus c’è anche il coinvolgimento di Cassa Depositi e Prestiti a creare dibattito a livello politico, soprattutto tra il governo e gli alti dirigenti di Via XX Settembre.

La Cassa è già stata chiamata in causa con il decreto “Cura Italia” per garantire finanziamenti alle imprese dei settori particolarmente colpiti mentre viene anche potenziato il Fondo 394/81 per l’internazionalizzazione gestito dalla controllata Simest.

Nei giorni scorsi il gruppo Cdp presieduto da Giovanni Gorno Tempini e guidato dall’amministratore delegato Fabrizio Palermo aveva già stanziato compresa anche la Sace 7 miliardi da erogare a pmi e mic cap a tassi calmierati attraverso il sistema bancario. In tutto Cdp mobilita fino a 17 miliardi (7 più 10 del Cura Italia).

Ora Palazzo Chigi punta a un ruolo ancor più robusto per Cdp d’intesa con i vertici della Cassa: secondo indiscrezioni della Stampa l’esecutivo insieme alla Banca d’Italia sarebbe in pressing sul ministero dell’Economia e delle Finanze, proprietario della Cassa, per arrivare a 100 miliardi di prestiti alle imprese. Una sfida vitale per il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che sbufferebbe nei confronti dei vertici del Mef e in particolare della direzione generale retta da Alessandro Rivera.

IL RUOLO DI CDP STABILITO DAL DECRETO “CURA ITALIA”

Il decreto legge ”Cura Italia” ha coinvolto la Cassa per supportare il sistema produttivo nazionale colpito dall’emergenza per il Covid-19. Grazie a quanto stabilito nell’articolo 56 del dl, il gruppo capeggiato da Palermo metterà a disposizione un plafond per il rilascio di garanzie fino all’80% del valore dei finanziamenti erogati dalle banche in modo da agevolare l’afflusso di liquidità a imprese che operano in settori particolarmente colpiti dal complicato momento. Lo strumento, grazie allo stanziamento di risorse pubbliche pari a 500 milioni di euro, potrà garantire nuovi finanziamenti fino a 10 miliardi di euro rivolti alle società Mid e Large Corporate italiane.

Una volta convertito, il provvedimento ha bisogno pure di un decreto attuativo da parte del ministero dell’Economia e delle Finanze. La misura è pienamente complementare con il “Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese” del Mef che assiste Piccole e Medie Imprese e Professionisti.

All’articolo 69 del dl viene pure potenziata la dotazione del Fondo 394/81 per l’internazionalizzazione gestito dalla controllata Sace-Simest (gruppo Cdp). Le risorse saranno veicolate per l’internazionalizzazione delle piccole e medie imprese italiane sotto forma di contributi a fondo perduto. In questo modo aumenta sensibilmente la capacità di sostegno del Fondo alle strategie di sviluppo internazionale delle Pmi italiane e risponde alle esigenze di sostegno delle pmi per far fronte alla difficile congiuntura economica, attuale e futura.

LE ALTRE RISORSE STANZIATE DA CDP PRIMA DEL DL

Le misure decise nel “Cura Italia” si aggiungono ai 7 miliardi di risorse che il gruppo Cassa Depositi e Prestiti ha già attivato per far fronte alla diffusione del Coronavirus a partire dall’ampliamento da 1 a 3 miliardi del plafond ”Piattaforma Imprese”, da erogare a pmi e mic cap a tassi calmierati attraverso il sistema bancario. Si tratta di soldi immediatamente disponibili e che serviranno a sostenere investimenti ed esigenze di capitale circolante delle imprese nazionali.

LE TENSIONI FRA CONTE E IL TESORO

Dello scontro in atto tra Palazzo Chigi e ministero dell’Economia e delle Finanze parla oggi un retroscena della Stampa. Fonti interne all’esecutivo spiegano che ci sono molti piani allo studio ma con un punto comune: il ruolo di Cdp. Pare che nelle ultime ore i contatti tra la Cassa, il Tesoro e la Banca d’Italia siano “continui e frenetici”. Il punto è che l’Italia ha messo sul tavolo 25 miliardi nel decreto “Cura Italia” e altri 50 nel prossimo dl di aprile. La Germania 150 miliardi , il doppio, e in più ha pronto un pacchetto di circa 400 miliardi di garanzie pubbliche ai prestiti ai quali vanno aggiunti i 100 miliardi della Kfw, la banca pubblica che è in sostanza la Cdp tedesca.

Se questo è il modello e la cifra al momento però “nero su bianco il Mef ha messo solo 500 milioni che con la leva finanziaria valgono i 10 miliardi di Cdp”, ovvero risorse che servono a liberare liquidità. Se ai 10 miliardi se ne aggiungono altri 7 di plafond per facilitare l’accesso al credito, spiega il quotidiano torinese diretto da Maurizio Molinari, si arriva ai 17 miliardi attivati a sostegno delle imprese dalla Cassa insieme alle controllate Sace e Simest. “Fatti due semplici conti, il Tesoro dovrebbe mettere venti volte tanti, cioè 10 miliardi di garanzia per ottenere con l’effetto leva i 100 miliardi di controgaranzie della banca controllata dal ministero”.

Di sicuro Cdp offre tempi più rapidi rispetto ad altri fondi statali e vanta pure uno strumento, i Basket bond, mini-bond di distretto emessi dalle imprese per soddisfare la necessità di finanziamento a medio-lungo termine. Si tratta di una piattaforma di finanza alternativa che, secondo La Stampa, si vorrebbe estendere anche al Fondo di garanzia per le Pmi del ministero dello Sviluppo economico.

Giovedì prossimo, il 2 aprile, il board di Cdp potrebbe dare l’ok a un’altra misura per contrastare l’emergenza, ovvero l’abbassamento della soglia dei 25 milioni per le imprese che chiedono accesso al credito.

Tutte cure non sufficienti però: la vera sfida tra Palazzo Chigi e via XX Settembre rimane quella sui 100 miliardi. E proprio al fronte del Mef che si oppone potrebbe essersi rivolto anche Mario Draghi che ha parlato della necessità di un “cambio di mentalità necessario” come in “tempi di guerra”.

GLI AUSPICI DI M5S

“Il sistema produttivo ha bisogno di liquidità e l’utilizzo di Cassa Depositi e Prestiti può essere la soluzione giusta, data la sua capacità di offrire le risorse necessarie a liberarla. Bene fa il Presidente Conte ad insistere su questa strada. Bisogna mettere in campo ogni strumento possibile e uno sforzo deve essere fatto in primis dal sistema bancario, che tanti aiuti ha ricevuto in questi anni. Le mere logiche del profitto devono lasciare spazio a quelle di sistema e un primo segnale dovrebbe essere la rinuncia ai dividendi da elargire. Le politiche della Bce, in particolare sotto la presidenza Draghi, hanno largamente sostenuto il sistema finanziario, producendo tuttavia risultati marginali nell’economia reale. Adesso è il momento di cambiare strada. Abbiamo una grave emergenza da affrontare ed ogni sforzo, pubblico e privato, dovrà essere orientato a dare massimo sostegno a famiglie e imprese”. Lo dichiarano in una nota i deputati della commissione Finanze alla Camera del MoVimento 5 Stelle.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati