skip to Main Content

Leonardo, tutti i tagli di Trenta alla Difesa che colpiranno l’ex Finmeccanica, Mbda, Oto Melara e non solo

Tutti i dettagli sulle prime decisioni in materia di investimenti (o meglio, disinvestimenti) nella Difesa. Fatti, numeri e approfondimenti

Il Sole 24 Ore conferma e aggiunge dettagli a quanto scritto giorni fa da Start Magazine sui primi tagli alla Difesa decisi dal governo Conte e comunicati senza enfasi, anzi quasi di soppiatto.

ECCO LA LISTA DEI PRIMI TAGLI ALLA DIFESA CHE TOCCANO ANCHE LEONARDO-FINMECCANICA

Ecco la lista dei tagli compilata da Gianni Dragoni del quotidiano confindustriale ora diretto da Fabio Tamburini: Per ora il taglio di spesa stimato è dell’ordine di 500 milioni di euro per il 2019. Tocca soprattutto l’elicottero militare Nh-90. Poi l’ammodernamento dei caccia Tornado e il veicolo blindato medio Vbm 8×8 Freccia. Con risparmi di 370 milioni fra tutti e tre. “Colpito” anche il nuovo missile terra-aria, il Camm Er. Lo stop genera un risparmio di 39 milioni tra quest’anno e il prossimo, su un costo complessivo del programma stimato in 500 milioni”.

IL DOCUMENTO PROGRAMMATICO DELLA DIFESA A 5 STELLE

I conti derivano da quanto ha messo nero su bianco il ministero retto da Elisabetta Trenta (indicata da M5s) nel Documento programmatico pluriennale per la difesa relativo al periodo 2018-2020 presentato a fine ottobre alle Camere.

RIDUZIONE E RIMODULAZIONE DELLA SPESA

Il Documento prevede una rimodulazione degli investimenti destinati a jet, elicotteri e mezzi militari con l’obiettivo di ridurre la spesa nel brevissimo periodo.

GLI OBIETTIVI DEL GOVERNO

L’operazione, scrive il dicastero retto da Elisabetta Trenta (indicata dal Movimento 5 Stelle), consentirà “di recuperare un volume di 370 milioni che verrà adeguatamente dilazionato e rimodulato” sugli stessi progetti, ovvero quelli dell’elicottero NH-90, del Veicolo blindato medio (VBM “Freccia”) e del Tornado.

CHE COSA HA DETTO IL MINISTRO TRENTA

La ministra Trenta, rispondendo a un’interrogazione, ha spiegato come nel Documento si prevede “l’inserimento, nell’ambito della programmazione, al momento priva di finanziamento, del programma per il rinnovo della capacità di difesa aerea nazionale di corto e medio raggio”.

Ma quali sono i mezzi che verrano toccati dalle nuove decisioni dell’esecutivo? E a cosa servono?

NH-90, ECCO COME VIENE COLPITA LEONARDO E NON SOLO

I tagli all’Nh-90 comportano un risparmio di 252 milioni nel 2019,  ha scritto il Sole. L’NH-90 è un elicottero da trasporto tattico, il cui programma è partito nel 1992. È prodotto dal consorzio industriale Nato Helicopter Industries, di cui fanno parte l’italiana Leonardo (ex Finmeccanica), la franco-tedesca Eurocopter e l’olandese Stork Fokker Aerospace.

Viene utilizzato in varie configurazioni ed è concepito per il trasporto di unità di fanteria, trasporto logistico e di materiali, missioni di recupero e di soccorso sanitario. Dopo essere stato inizialmente impiegato dagli eserciti tedesco e italiano, si è diffuso in molti altri Paesi, dalla Francia al Belgio all’Australia. È stato il primo elicottero dotato del sistema fly-by-wire, ovvero di apparecchiature che consentono ai comandi di controllare i vari elementi non solo tramite una connessione meccanica ma tramite un sistema digitale.

I TAGLI AL VBM FRECCIA PRODOTTO DA IVECO-OTO MELARA (CON L’EX FINMECCANICA)

Il Vbm Freccia, invece, è un veicolo blindato di media taglia, prodotto in circa 600 esemplari dal consorzio Iveco-OtoMelara (quest’ultima realizza la torretta) e utilizzato dall’Esercito Italiano e dalle forze militari spagnole. Anche di esso esistono varie versioni, fra cui una anfibia, e si utilizza nei combattimenti, negli scontri controcarro, con funzioni di ambulanza e di recupero. Sono stati largamente impiegati dalle nostre forze armate sul campo, in particolare in Afghanistan. Il consorzio nasce nel 1985, come si legge sul sito del consorzio, a parità di partecipazione tra Iveco Defence Vehicles e Leonardo (ex Finmeccanica).

CHI PRODUCE IL TORNADO CHE SARA’ LIMATO

Il Tornado è uno dei più famosi e longevi caccia utilizzati dall’Esercito Italiano. Sviluppato a partire dal 1974, anch’esso da un consorzio, Panavia Aircraft, ha visto la collaborazione dell’italiana Alenia (ora in Leonardo), della tedesca Messerschmitt-Bölkow-Blohm e dell’inglese British Aerospace. 

IL SILURO DIRETTO A MBDA PARTECIPATA DA LEONARDO-FINMECCANICA

Infine sarà colpito dai tagli, come detto, anche il nuovo missile terra-aria, il Camm Er. Lo stop genera un risparmio di 39 milioni tra quest’anno e il prossimo. Il programma era stato varato dal governo Gentiloni, il decreto fa riferimento a un programma pluriennale di ammodernamento militare approvato nel 2017: prevede la spesa di 545 milioni entro il 2031. A fabbricare i sistemi d’arma dovrebbe essere (il condizionale, mai come in questo caso, è d’obbligo) la Mbda, società leader nella missilistica, controllata da Bae System (37,5%), Airbus Group (37,5 %) e Leonardo-Finmeccanica (25%).

I PROGRAMMI DEL MINISTERO DELLA DIFESA CON MBDA

La ragione del programma militare, stando alla scheda tecnica del provvedimento ministeriale, sarebbe da imputare alla necessità di sostituire i missili “Aspide” attualmente a disposizione del nostro esercito che, “in considerazione della loro vetustà, non potranno essere più impiegati a partire dal 2021”. Gli Aspide, infatti, sono in servizio da 40 anni e avrebbero palesato “gravi problemi di obsolescenza, soprattutto per la componente ‘attuatori’”. Parliamo, cioè, proprio delle sezioni di fuoco e dei lanciatori.

IL COSTO DEI MISSILI CAMM. ER

Ecco i dettagli, sintetizzati da Analisi Difesa. I costi del CAMM ER (tutti provenienti dal bilancio della Difesa) assommano in effetti a 545 milioni di euro (95 per lo sviluppo dell’arma e 450 per la sua acquisizione), spalmati però tra il 2019 e il 2031: per intenderci si tratta di 13 milioni per quest’anno, 25 per il 2019 e altrettanti per il 2020.

CHE COSA SONO I MISSILI CAMM.ER

A cosa servono i missili Camm.Er? Sul sito della società Avio che per conto di Mbda si occupa di progettare, sviluppare e approvare il motore a razzo per il missile, si legge: “CAMM ER (Common Anti-air Modular Missile Extended Range) appartengono alla famiglia dei sistemi missilistici CAMM, la prossima generazione di missili per la difesa aerea. È in grado di fornire una protezione completa contro qualsiasi obiettivo aereo, noto o pianificato”. Inoltre “questi missili di nuova generazione offriranno un’ampia gamma operativa e la possibilità di concentrare diversi armamenti in uno spazio limitato grazie alla loro compattezza”. Infine,” i sistemi Soft Vertical launch e Turn-Over garantiscono una copertura a 360° in tutti i settori di lancio, aumentando le prestazioni e riducendo gli impatti del pennacchio del motore sulla piattaforma di lancio”.

GLI AUSPICI

“La legge di bilancio è in discussione e la speranza è che alla fine anche i tagli decisi possano essere ridimensionati, considerando che la Lega non sembra allineata e prima o poi Matteo Salvini dovrà prendere una posizione”, ha commentato ieri Formiche.net edito da Paolo Messa, neo direttore relazioni istituzionali Italia di Leonardo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore