skip to Main Content

Leonardo-Finmeccanica, Iveco-Oto Melara e non solo. Ecco i prossimi tagli della Difesa su elicotteri, Freccia e Tornado

Ecco che cosa scrive il ministero della Difesa del documento programmatico pluriennale appena inviato alle Camere. I dettagli sulle riduzioni rimodulate che riguarderanno alcuni programmi con Leonardo (ex Finmeccanica)

 

Il governo taglia la spesa per i programmi di sviluppo aeronautico e spalma i “risparmi” in dieci anni.

Il Documento programmatico pluriennale per la difesa relativo al periodo 2018-2020 – presentato a fine ottobre alle Camere – prevede una rimodulazione degli investimenti destinati a jet, elicotteri e mezzi militari con l’obiettivo di ridurre la spesa nel brevissimo periodo.

L’operazione, scrive il dicastero retto da Elisabetta Trenta (indicata dal Movimento 5 Stelle), consentirà “di recuperare un volume di 370 milioni che verrà adeguatamente dilazionato e rimodulato” sugli stessi progetti, ovvero quelli dell’elicottero NH-90, del Veicolo blindato medio (VBM “Freccia”) e del Tornado.

La ministra della Difesa Elisabetta Trenta, rispondendo a un’interrogazione, ha spiegato come nel Documento si prevede “l’inserimento, nell’ambito della programmazione, al momento priva di finanziamento, del programma per il rinnovo della capacità di difesa aerea nazionale di corto e medio raggio”.

Il governo, insomma, “aggiusta” i piani per lo sviluppo di sistemi di difesa, anche alla luce delle nuove esigenze di bilancio dettate dalla manovra.

Ma quali sono i mezzi che verrano toccati dalle nuove decisioni dell’esecutivo? E a cosa servono?

IL NH-90

L’NH-90 è un elicottero da trasporto tattico, il cui programma è partito nel 1992. È prodotto dal consorzio industriale Nato Helicopter Industries, di cui fanno parte l’italiana Leonardo (ex Finmeccanica), la franco-tedesca Eurocopter e l’olandese Stork Fokker Aerospace.

Viene utilizzato in varie configurazioni ed è concepito per il trasporto di unità di fanteria, trasporto logistico e di materiali, missioni di recupero e di soccorso sanitario. Dopo essere stato inizialmente impiegato dagli eserciti tedesco e italiano, si è diffuso in molti altri paesi, dalla Francia al Belgio all’Australia. È stato il primo elicottero dotato del sistema fly-by-wire, ovvero di apparecchiature che consentono ai comandi di controllare i vari elementi non solo tramite una connessione meccanica ma tramite un sistema digitale.

IL VBM FRECCIA

Il Vbm Freccia, invece, è un veicolo blindato di media taglia, prodotto in circa 600 esemplari dal consorzio Iveco-OtoMelara (quest’ultima realizza la torretta) e utilizzato dall’Esercito Italiano e dalle forze militari spagnole. Anche di esso esistono varie versioni, fra cui una anfibia, e si utilizza nei combattimenti, negli scontri controcarro, con funzioni di ambulanza e di recupero. Sono stati largamente impiegati dalle nostre forze armate sul campo, in particolare in Afghanistan.

IL TORNADO

Il Tornado è uno dei più famosi e longevi caccia utilizzati dall’Esercito Italiano. Sviluppato a partire dal 1974, anch’esso da un consorzio, Panavia Aircraft, ha visto la collaborazione dell’italiana Alenia (ora in Leonardo), della tedesca Messerschmitt-Bölkow-Blohm e dell’inglese British Aerospace. La nostra aeronautica ne ha in dotazione 82, La Luftwaffe ne impiega 115, la Raf 108. Anche l’Arabia Saudita nel corso degli anni ha acquistato il velivolo, e attualmente dispone di una flotta di 80 elementi. Nelle varie versioni, si utilizza come cacciabombardiere e come interdittore. Ne esiste anche una versione sviluppata per la guerra elettronica. 

CHE COSA SI STA STUDIANO FRA TESORO E CDP SU CONTROLLATE COME LEONARDO-FINMECCANICA E NON SOLO

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore