skip to Main Content

L’educazione finanziaria che vorrei. La conferenza della FEduF

Educazione Finanziaria

Cosa si è detto alla presentazione del documento di educazione finanziaria della FEduF. Presentati anche i lavori dei ragazzi della Scuola Politica 

 

Si è tenuta ieri pomeriggio presso le Scuderie di Palazzo Altieri a Roma la presentazione del documento di educazione finanziaria della FEduF, la Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio. Presieduta da Stefano Lucchini, la fondazione ha coordinato la presentazione dei lavori dei partecipanti alla Scuola Politica “Vivere nella comunità”.

L’IMPORTANZA DI UNA BUONA EDUCAZIONE FINANZIARIA

Come imparare a gestire i risparmi? Qual è il livello di rischio di un investimento? E quale strumento di pagamento è più adatto alle nostre esigenze? Di queste domande si è discusso e tentato di dare alcune risposte concrete tramite i relatori e i lavori finali dei partecipanti alla Scuola politica.

Perché avere una buona educazione finanziaria ci consente di realizzarci al meglio come cittadini nella società. Ma l’alfabetizzazione, su questo fronte, è ancora bassa. E allora l’impegno della Fondazione è quello di inserirsi nel percorso formativo della scuola dell’obbligo.

I TRAGUARDI DELLA SCUOLA POLITICA

“Uno dei traguardi che abbiamo immaginato con questa iniziativa è stato mettere in contatto i ragazzi con gli stakeholder. Nostro obiettivo è rimanere in contatto con i partecipanti della scuola politica”, ha detto Marcello Presicci, Co-Fondatore della Scuola politica Vivere nella Comunità ieri nel corso della presentazione alle Scuderie di Palazzo Altieri.

Creare questo legame, d’altronde, è una delle vie chiavi per migliorare una situazione di partenza lontana dall’eccellenza. Secondo l’Indagine della Banca d’Italia sull’Alfabetizzazione e le Competenze Finanziarie degli Italiani (IACOFI)”, alla seconda edizione, il livello medio di educazione finanziaria, nel 2020, è pari a 11,2, in una scala che va da 1 a 21 (in linea con il valore rilevato nel 2017).

LA SENSIBILITÀ GIOVANILE AL DENARO

“La ricchezza degli italiani risiede nel conto corrente che non è uno strumento per gestire il risparmio. Occuparsi del denaro è complesso e ansiogeno, tenere il risparmio in banca è come tenere un ansiolitico. L’educazione finanziaria è cruciale” – ha dichiarato Giovanna Boggio Robutti.

Secondo la Direttrice della Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio, “con i ragazzi vogliamo capire la loro sensibilità al denaro, vogliamo cogliere le chiavi di ascolto per facilitare il dialogo”.

I VALORI CONDIVISI DELL’EDUCAZIONE FINANZIARIA

A moderare la presentazione dei position paper della Scuola Politica è stato Michele Guerriero, direttore editoriale di Start Magazine. “Il valore condiviso che si genera da una maggiore educazione finanziaria è un altro pilastro della cittadinanza. Questa può essere concepita come nuova cittadinanza, è una delle tematiche da introdurre nella formazione scolastica di studenti e cittadini in generale. Una buona educazione finanziaria – ha sostenuto Guerriero – può far sì che questa diventi sostenibile anche grazie a strumenti tecnologici, evita l’esclusione sociale come dimostrano i progetti che analizziamo oggi con la Scuola Politica”.

COME DEFINIRE L’EDUCAZIONE FINANZIARIA

A commentare alcuni lavori presentati è stata, poi, Alessandra Staderini, Vice Capo del Servizio Educazione Finanziaria della Banca d’Italia. “I ragazzi hanno adottato una definizione ampia dell’educazione finanziaria. Significa che per loro la materia è una occasione di apprendimento generale del sistema economico”, ha detto.

“Oltre al progresso tecnologico e la digitalizzazione si parla di sostenibilità sia nella finanza che nello sviluppo. Ciò dimostra che i contenuti si evolvono rapidamente“.

LE SFIDE

Infine, chiosando con un richiamo alle sfide del settore, per Staderini sono risultati interessanti alcuni tentativi utilizzati dai partecipanti della Scuola per “ingaggiare le persone, trovare strumenti giusti e vari”. Tra questi, le infografiche nella busta paga o le serie tv americane. Insomma, investire nella formazione porta in poco tempo a idee concrete per una buona educazione finanziaria.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore