Economia

Intesa Sanpaolo, Unicredit, Mps, Banco Bpm e non solo. Ecco la classifica delle banche per costo del personale e tagli. Report Mediobanca

di

conti correnti

Ricavi, costo del personale, numero di dipendenti e di sportelli, banche centrali: cosa succede nelle banche americane ed europee (comprese Intesa Sanpaolo e Unicredit)

 

Le più grandi banche del mondo? Sono cinesi e superano sia gli Stati Uniti – la prima americana è Jp Morgan Chase al quarto posto – sia l’Europa – che affiora all’ottavo posto con Bnp Paribas. Per trovare un’italiana, Unicredit, bisogna invece scendere addirittura alla posizione numero 26; la seconda maggiore del nostro Paese – Intesa Sanpaolo – è invece 29esima.

A dirlo è il rapporto pubblicato dall’area studi di Mediobanca che valuta le principali banche internazionali. I dati cumulativi sono fino al 2017 e sono integrati con quelli di un campione ristretto di 24 banche europee relativi al 2018 e al primo trimestre 2019.

Come si diceva, Pechino fa la parte del leone con Icb of China, Agricultural Bank of China, China Construction Bank e Bank of China che occupano quattro fra i cinque primi posti della classsifica. La prima vanta attivi per oltre 3.500 miliardi.

COSA ACCADE CON LE BANCHE CENTRALI

Se però si monitora la situazione a livello di banche centrali, si nota che la Banca d’Italia ha la quarta riserva d’oro al mondo (2.452 tonnellate), dopo Federal Reserve (8.133,5), Bundesbank (3.370) e Fondo monetario internazionale (2.814). La plusvalenza non realizzata di Via Nazionale sulle riserve auree è di 68,9 miliardi di euro, quella della banca centrale tedesca di 113 miliardi e quella della Banque de France di 68,4 miliardi.

IN CRESCITA RICAVI IN USA E IN UE

Lo studio di Mediobanca analizza poi i ricavi. Emerge che nei primi tre mesi dell’anno in corso le banche statunitensi mettono a segno maggiori ricavi (+0,4%) rispetto a quelle europee (-1,8%). La situazione viene invece rovesciata nel risultato netto, che vede crescere di più gli istituti europei (+10%) rispetto a quelli americani (+5,1%).

Per quanto riguarda il 2018 i ricavi crescono sia per le banche Usa (+4%) sia per quelle del Vecchio continente (+0,9%), ma gli Stati Uniti vantano performance decisamente migliori grazie anche alla crescita del margine d’interesse del 5,1%.  Il cost/income ratio cala tanto negli Usa (dal 60,8% al 59,7%) quanto in Ue (dal 67,3% al 65,4%), dove però resta più alto.

In Italia il dato medio di cost/income del 2018 è del 63,6% per Intesa e per Unicredit contro l’87,3% delle prime tre banche tedesche (Deutsche Bank, Commerzbank e DZ BAnk) e il 77,7% delle due banche svizzere del campione ovvero Credit Suisse e Ubs.

FORTE RIDUZIONE DEL PERSONALE IN TUTTA EUROPA

Lo studio di Mediobanca evidenzia tra 2008 e 2018 una forte tendenza alla diminuzione dei dipendenti bancari (-17%, da 2.766.455 a 2.296.454) in tutta l’Unione europea. Il calo di personale nei principali Paesi europei nel periodo 2008-2018 vede in testa l’Olanda (-37,8%), seguita dalla Spagna (-35,2%), dalla Danimarca (-21%), dall’Italia al quarto posto (-18,9%). E ancora: la Germania (-17,6%), la Polonia (-12,1%) e la Francia (-3,7%), mentre gli occupati del settore crescono in Svezia (+4,3%).

COS’E’ SUCCESSO IN ITALIA

Se il conteggio italiano viene effettuato (a perimetro non omogeneo, ovvero non sottolineando il peso di acquisizioni e dismissioni) considerando le due principali banche, Unicredit e Intesa Sanpaolo, il numero di dipendenti risulta in flessione del 2,3% (da 182.480 a 178.260), considerando il -6,1% di Unicredit e il +1,8% di Intesa. Ci sono poi Montepaschi (-29,6% ovvero -9.738 dipendenti), Banco Bpm (-25,9% ovvero -7.644 dipendenti). Per quest’ultimo il dato del 2018 è paragonato al dato combinato di Banco Popolare e Banca Popolare di Milano del 2008. In totale i primi otto istituti di credito italiani hanno ridotto gli organici del 29,8%.

IL CASO UNICREDIT

Particolarmente importante quanto accaduto in Unicredit, che peraltro – secondo indiscrezioni di stampa – sarebbe intenzionata a tagliare altri 10mila posti di lavoro nel prossimo piano industriale. Ebbene, se si considera l’intero periodo 2008-2018, il calo di dipendenti vede l’istituto guidato da Jean Pierre Mustier a 45,3% ovvero -79.660 dipendenti, causa anche cessioni, quali Bank Pekao e Pioneer.

SPORTELLI CHIUSI

Il confronto del 2018 con il 2017 presenta un calo del 5,9% degli sportelli in Europa (erano 173.059 nel 2017) e del 7% in Italia (erano 27.374) mentre se si considerano gli anni 2008-2018 la flessione degli sportelli risulta del -27,7% (da 225.397 a 163.857). L’Italia li ha ridotti del 25,5% (da 34.169 a 25.454) ed è sul podio dietro Spagna de Germania con -8.715 a fronte di -19.899 e di -11.644.

IL COSTO DEL LAVORO PER DIPENDENTE IN UE

Quanto al costo del lavoro per dipendente, la media europea del 2018 è di 84.000 euro, a fronte di quella italiana pari a 69.00, rispetto a quella tedesca di 98.000 euro e a quella francese di 82.000 euro. Il dato europeo, nota lo studio di Mediobanca, è influenzato dall’alto costo del lavoro delle due banche svizzere Ubs e Credit Suisse e della tedesca Deutsche Bank per le quali l’attività di investment banking pesa molto sul totale.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati