Economia

Intesa Sanpaolo, Unicredit, Cdp, F2i. Che succederà ad Aspi di Atlantia?

di

Cdp

Fatti, indiscrezioni e scenari sulle mosse di Cdp, F2i, fondi pensione e casse di previdenza sul dossier Aspi di Atlantia

Consulenti, banchieri d’affari, società e fondi interessati sono in fibrillazione. Ma sul futuro di Autostrade per l’Italia (Aspi) nulla è ancora deciso perché il governo non ha ancora trovato l’intesa con il gruppo Atlantia.

Lo scenario è chiaro – trasformare Atlantia da azionista di controllo di Aspi a socio non di maggioranza di un nuovo fondo in cui far confluire Autostrade per l’Italia insieme ad altri asset – ma i dettagli e soprattuto i valori della concessionaria Aspi e degli altri asset non sono stati ancora definiti.

I primi candidati ad entrare nel fondo ex novo sarebbero Cassa depositi e prestiti (controllata dal Tesoro e partecipata dalle fondazioni) ed F2i, sgr detenuta da 19 soci tra cui fondazioni bancarie, istituti di credito (come Intesa Sanpaolo e Unicredit), casse di previdenza, fondi pensione e fondi sovrani.

Oggi il quotidiano Mf/Milano Finanza ha scritto che F2i punta alla maggioranza della realtà in cantiere. La sgr capeggiato dall’ad, Renato Ravanelli, ha smentito: “A fronte delle continue e fantasiose indiscrezioni apparse sui giornali in merito a futuri assetti nell’azionariato” di Autostrade per l’Italia, F2i “smentisce tali ricostruzioni e in particolare i contenuti che la riguardano nell’odierno articolo pubblicato dal quotidiano Mf“, che ipotizza la maggioranza di Aspi a F2i e il conferimento ad Atlantia di porti, aeroporti e reti gas da parte del fondo. F2i, si legge nella nota, “è il principale fondo infrastrutturale italiano, indipendente con il 50% da investimenti provenienti da grandi investitori stranieri: speculazioni tendenziose e prive di fondamento rappresentano un danno per le sue attività”.

Quindi F2i si defila dal progetto? No. Però fra Palazzo Chigi, ministero dell’Economia e società interessate c’è chi fa notare: F2i – pur avendo come azionisti anche fondazioni bancarie e casse di previdenza – è un soggetto di mercato attento per lo più al breve-medio termine, vista la presenza non secondaria delle banche. Quindi una partecipazione come quella che si sta ipotizzando per F2i non potrebbe essere considerata strategica da governo e Mef; strategia nel senso che non mettere sufficientemente al sicuro in mani italiane la quota in caso di vendita da parte di f2i. Mentre – si ragiona in ambienti istituzionali del governo – un diverso approccio hanno Cdp, fondi pensione o casse di previdenza.

In questo quadro, è più realistico lo scenario delineato con indiscrezioni giorni fa dal Messaggero che ha ipotizzato di quote paritarie tra Cdp e F2i: 28,5% circa ciascuno del nuovo fondo che ingloberebbe Aspi.

Ma l’intero castello societario e finanziario – ha scritto il Sole 24 Ore nei giorni scorsi – cade automaticamente se non si raggiunge un accordo con la politica, forte dell’arma della revoca prevista nel Milleproroghe che ha incassato la fiducia alla Camera mercoledì scorso: “Creare un nuovo fondo con gli asset di Atlantia e F2i presuppone una valutazione di Aspi congrua che non sconti il pesante rischio della revoca: è questo il passaggio in cui la trattativa politica e quella economica, per ora due rette parallele, dovranno prima o poi incontrarsi per raggiungere un esito definitivo”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati