Economia

Il Financial Times maramaldeggia sulle banche italiane?

di

banche unico gruppo bancario

Le banche italiane e francesi ravvivano i timori del “doom loop” con l’acquisto di obbligazioni. Report Financial Times

L’esposizione delle banche italiane e francesi al debito sovrano dei loro paesi ha raggiunto livelli record da quando è iniziata la pandemia, ravvivando i timori sui legami del settore con i governi sempre più indebitati.

I titoli di stato nazionali e i prestiti detenuti dalle banche della zona euro sono aumentati di più di 140 miliardi di euro fino a poco più di 2,1 miliardi di euro nell’anno fino a febbraio, secondo i calcoli del Financial Times basati sui dati della Banca centrale europea.

L’esposizione delle banche italiane al debito pubblico nazionale ha raggiunto il record di 712 miliardi di euro lo scorso agosto, con un aumento di oltre il 9% rispetto a febbraio e una leggera flessione da allora. Le banche francesi hanno avuto il più forte aumento post-pandemia nella loro esposizione al proprio governo, che ha raggiunto un record di €431 miliardi a settembre, un salto di oltre il 18% da febbraio.

Il rafforzamento dei legami che legano le banche ai loro governi nazionali ha risvegliato le preoccupazioni su una linea di faglia nell’unione monetaria europea che è stata esposta durante la crisi del debito sovrano del continente un decennio fa.

A quel tempo, la vasta esposizione del debito sovrano nazionale delle banche ha creato un “doom loop”, un circolo vizioso tra i prestatori del settore privato e i governi che si sono indeboliti a vicenda e alla fine hanno minacciato l’esistenza della zona della moneta unica.

“Il rischio sovrano sui bilanci bancari non è stato ancora affrontato, in contrasto con altre misure di mitigazione del rischio introdotte dall’unione bancaria [dell’eurozona]”, ha detto Heike Mai, analista bancario della Deutsche Bank. “Rimane l’elefante nella stanza. L’attuale pandemia con la sua impennata del debito pubblico evidenzia la necessità di una riforma”.

La connessione sovrano-banca della regione è tornata all’ordine del giorno a Bruxelles, dato che la Commissione europea sta conducendo una consultazione pubblica per esaminare potenziali riforme degli strumenti di gestione delle crisi finanziarie dell’UE e del quadro di assicurazione dei depositi bancari.

“L’aumento delle passività tra banche e governi mi preoccupa e i politici dovrebbero cercare di affrontarlo”, ha detto Nicolas Véron, un senior fellow del think-tank Bruegel a Bruxelles.

I governi della zona euro hanno emesso una quantità record di obbligazioni nell’ultimo anno per finanziare la loro risposta alla pandemia, mandando l’indebitamento nel blocco sopra il 100 per cento del prodotto interno lordo per la prima volta.

Ma l’enorme acquisto di obbligazioni da parte della Banca centrale europea ha fatto scendere i costi di prestito per i governi della zona euro vicino ai minimi storici, insieme all’accordo dell’UE su un fondo di recupero per fornire 750 miliardi di euro di sovvenzioni e prestiti ai paesi più colpiti.

“Le banche devono rispondere all’emissione di obbligazioni da parte dello Stato perché ritengono che sia un buon investimento da tenere in termini di rischio e sono incoraggiate a farlo per mantenere la liquidità”, ha detto Jacques de Larosière, un ex capo del FMI e della Banque de France.

I regolamenti bancari trattano il debito sovrano come un investimento senza rischio per le banche, permettendo loro di allocare capitale zero contro tali attività. Prendendo in prestito denaro dalla BCE a un prezzo inferiore all’1%, c’è un facile “carry trade” per le banche per fare soldi comprando titoli di stato.

Lorenzo Bini Smaghi, presidente della banca francese Société Générale, ha detto che i regolatori potrebbero incentivare gli istituti di credito a comprare titoli di stato permettendo solo a quelli con alti livelli di capitale di riavviare i pagamenti dei dividendi. “Le banche potrebbero voler investire principalmente in attività sicure per proteggere i livelli di capitale in vista del messaggio che arriva dai regolatori”, ha aggiunto.

Mentre l’esposizione delle banche dell’eurozona al debito dei propri governi era diminuita dopo l’ultimo salvataggio internazionale della Grecia nel 2015, ha iniziato a salire di nuovo dopo che la pandemia ha colpito un anno fa – in particolare i prestatori italiani e francesi.

Ammontando al 18% delle loro attività totali e quasi al doppio del loro capitale totale, le banche italiane hanno un’esposizione molto più alta al proprio debito pubblico rispetto alle altre in Europa. 

La Banca d’Italia ha detto che la quota di titoli di stato del paese posseduti da investitori stranieri è scesa dal 25,9 al 23,6 per cento nei primi sei mesi dello scorso anno, mentre le banche italiane hanno aumentato la loro quota dal 16,9 al 18,6 per cento.

L’esposizione sovrana nazionale delle banche francesi è ancora ben al di sotto della media dell’eurozona, solo il 4% delle loro attività totali e due terzi del loro capitale.

Articolo tratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati