Economia

Google-Leonardo, tutto sull’azienda milanese Trans-part

di

Transpart

Numeri, conti e clienti (anche Fincantieri e Piaggio Aerospace) di Trans-part, l’azienda sotto la lente della procura di Milano 

 

Tangenti a uomini di Leonardo. Secondo un’indagine del pm di Milano, Gaetano Ruta, 10 dipendenti infedeli di Leonardo avrebbero intascato, tra il 2014 e il 2019, mazzette sotto forma di compensi extra, provvigioni, regalie come buoni carburante o buoni per negozi di telefonia ed elettrodomestici. I “donatori”, secondo la ricostruzione di inquirenti e investigatori, sarebbero i dirigenti di un’azienda fornitrice di Leonardo, la Trans-part di Milano, in cambio del “disvelamento” delle condizioni per accedere alle gare.

Ecco fatti, nomi e numeri di Trans-part.

TRANS-PART

Trans-part, che al momento vede indagati 4 suoi dirigenti, fa parte di un gruppo Transpart specializzato nella “fornitura di parti, materiali ed equipaggiamenti destinati ai più diversi settori: militare, spazio, avionica, trasporti e industria”, si legge sul sito aziendale.

La società Trans-part srl, con sede a Milano, è stata fondata in Italia nel 1969 ed è presente in sei città tra Europa e USA.

I SOCI DI TRANS-PART

Con un capitale sociale di 1.533.445 euro, la Trans-part è partecipata al 78,2% da Fernanda Tavecchia, amministratore unico della società, e per la parte restante da Renzo Brandone.

I NUMERI DI TRANSPART

L’azienda, finita nel mirino della Procura di Milano, ha chiuso il 2019 con un rosso da 80.677 euro, in peggioramento rispetto all’anno precedente chiuso con un utile di 66.241 euro. I ricavi totali sono stati pari a 974.667, in crescita rispetto ai 893.649 euro registrati nel 2018, a fronte di costi della produzione in salita a 1.025.604 euro.

I CLIENTI DI TRANSPART

Oltre a Leonardo, l’azienda vanta tra i propri clienti anche Fincantieri, Piaggio Aerospace, Alstom e Thales.

GLI INDAGATI

Sono quattro i dirigenti della società finiti nel mirino dell’indagine, tra questi, scrive La Verità, “compaiono Fernanda Tavecchia, nel consiglio di amministrazione di Trans-Part e Emilio Tafuri, sia dipendente di Tran Part sia consulente di Ftb Internation Corp, quest’ultima con sede a New York, oltre che a Napoli, Tornio, Milano e Germania”.

Articoli correlati