Advertisement skip to Main Content

Giappone

Perché il Giappone è a un punto di svolta

Il Giappone sta evolvendo in un'alternativa credibile alla Cina: ecco perché. L'analisi di Ernst Glanzmann, Investment Director Azionario Giappone di GAM.

La recente impennata delle azioni giapponesi può essere attribuita a diversi fattori, a nostro avviso, tra cui le riforme delle imprese, i solidi utili societari, il ruolo in evoluzione del Giappone come alternativa credibile alla Cina e la maggiore partecipazione degli investitori retail. Tuttavia, non si può trascurare un elemento top-down fondamentale: la debolezza dello yen.

Il deprezzamento dello yen è determinato principalmente dalla differenza dei tassi di interesse tra Giappone e Stati Uniti. Dal marzo 2022, la Federal Reserve (Fed) ha aumentato in modo aggressivo il tasso di interesse di riferimento, portandolo da un valore prossimo allo zero al 5,25% (fascia inferiore) per contrastare l’aumento dell’inflazione. Tassi di interesse più elevati rendono una valuta più attraente per gli investitori, riducendo la domanda di valute con tassi più bassi, tra cui lo yen.

Il Giappone ha affrontato sfide economiche eccezionali, mentre la sua economia ha visto una stagnazione negli ultimi trent’anni. Le sfide demografiche, come i bassi tassi di natalità e l’invecchiamento della popolazione, hanno ulteriormente ostacolato la crescita economica. Nonostante queste difficoltà, il Giappone punta a un’inflazione del 2% dopo anni di deflazione. Data la situazione unica del Paese, l’aumento dell’inflazione, sebbene impegnativo per i consumatori, è visto positivamente dai policymaker. Per quasi 25 anni il Giappone si è astenuto dall’intervenire sul mercato valutario globale. Tuttavia, nell’autunno del 2022, le autorità sono intervenute per sostenere lo yen. Nonostante questi sforzi, la debolezza dello yen è persistita.

Aumento dei tassi e massimi storici

Sulla scia della pandemia di Covid e dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, il Giappone ha registrato un’impennata dei prezzi a partire dalla primavera del 2022, in parte alimentata dalla debolezza dello yen. Il tasso di inflazione di fondo del Giappone (esclusi i prezzi volatili degli alimenti) è salito al 2,8% anno su anno nel febbraio 2024. Durante le trattative salariali “shunto” di quest’anno, i maggiori datori di lavoro giapponesi hanno concordato un aumento medio dei salari del 5,3%, segnando l’incremento più significativo dal 1991. Questi aumenti salariali possono avere un impatto diretto sulla spesa dei consumatori e sull’attività economica complessiva.

A marzo, la Bank of Japan (BoJ) ha preso una decisione storica ponendo fine alla sua controversa politica di tassi di interesse negativi dopo 17 anni. La BoJ ha ora alzato il tasso di interesse fuori dal territorio negativo, stabilendo una nuova fascia target dello 0,0-0,1%. Questa mossa riflette gli sforzi della BoJ per adattarsi alle mutate condizioni economiche e stimolare la crescita. I banchieri centrali e il governo giapponesi affermano che il Paese si trova in un momento cruciale. Le aziende sono pronte a trasferire l’aumento dei costi ai consumatori attraverso l’aumento dei prezzi e di conseguenza i lavoratori chiedono salari migliori. Il primo ministro Fumio Kishida ha dichiarato: “Il Giappone si trova di fronte a un’opportunità unica nella vita per uscire dalla deflazione. Facciamo in modo che l’aumento dei salari diventi il nuovo standard in tutta la società”.

Nel frattempo, nel febbraio di quest’anno l’indice azionario Nikkei 225 ha superato il precedente picco raggiunto 34 anni fa, segnalando una rinnovata fiducia degli investitori nell’economia e nei mercati finanziari giapponesi. L’entusiasmo iniziale è stato rapidamente seguito da interrogativi: Il mercato è di nuovo in zona bolla?

La risposta potrebbe risiedere nello stridente contrasto tra l’epoca della bolla di fine anni ’80 e quella attuale. Durante quel periodo di picco, le azioni giapponesi rappresentavano un incredibile 45% del mercato azionario globale, superando persino gli Stati Uniti, che si attestavano al 33%. L’indice Tokyo Price Index (TOPIX) 100 era scambiato a un’astronomica cifra di 70 volte i suoi utili nei 12 mesi finali.

Nonostante abbia raggiunto nuovi massimi e registrato un notevole aumento del 18% dall’inizio dell’anno (all’8 aprile 2024), il TOPIX 100 attualmente tratta a circa 17 volte i suoi utili. Nonostante la solida performance delle azioni giapponesi, con il Nikkei 225 e l’indice TOPIX che hanno raggiunto i massimi storici, la valutazione complessiva rimane relativamente bassa rispetto ai livelli storici. Riteniamo che l’impennata delle azioni giapponesi non sia solo la ripetizione di una bolla, ma rifletta piuttosto un’espansione economica più equilibrata e sostenibile con un’inflazione moderata.

Il Giappone è a un punto di svolta e cosa significa per gli investitori?

Il Giappone ha recentemente festeggiato la conclusione di un ciclo deflazionistico durato quasi 20 anni, mentre il calo demografico continua a destare preoccupazione. Gli ingredienti per una narrazione positiva a lungo termine permangono e offrono opportunità agli investitori. I nomi legati ai semiconduttori e i settori correlati hanno guidato la performance del mercato, allineandosi alle tendenze globali di rapidi progressi nell’adozione dell’intelligenza artificiale. Il settore auto, con il suo portafoglio di prodotti equilibrato, è ben posizionato per capitalizzare i cambiamenti nelle preferenze dei consumatori che sono riluttanti a impegnarsi completamente nell’acquisto di veicoli elettrici. Infine, le aziende giapponesi si distinguono per un’offerta di macchinari molto varia, che consente loro di trarre vantaggio dalle tendenze nei diversi settori dell’economia globale. Tuttavia, siamo consapevoli che i titoli giapponesi restano sensibili alle fluttuazioni della forza dello yen e che i legami del mercato con l’S&P 500 e le politiche delle banche centrali aumentano la volatilità.

Gli investitori esteri hanno notato progressi significativi nelle aziende giapponesi, grazie al miglioramento degli standard di corporate governance e agli sforzi compiuti dalla Borsa di Tokyo per promuovere la corporate stewardship. Questi miglioramenti, insieme a una maggiore attenzione al costo del capitale e a un approccio più favorevole agli azionisti nell’utilizzo del capitale, hanno favorito il recente rally. C’è ancora spazio per continuare questi sforzi. Tuttavia, la liquidità limitata rimane un problema, per cui per il momento l’interesse all’acquisto si concentra ancora sulle società a maggiore capitalizzazione e l’ampiezza del mercato è rimasta limitata. Nonostante queste sfide, stanno emergendo opportunità di investimento uniche, che consentono agli investitori di acquisire società di alta qualità a prezzi ragionevoli. Nel 2023 si è registrata una significativa sovraperformance dei titoli value, soprattutto nel settore bancario, ma riteniamo che alcuni titoli growth possano svolgere un ruolo di primo piano in una prospettiva di lungo periodo. In molti casi le loro prospettive di crescita degli utili sono brillanti, ma spesso sono state trascurate dagli investitori negli ultimi anni.

Back To Top