skip to Main Content

Dollaro

Il dollaro forte è un buon affare per tutti? Report Economist

Un dollaro forte, tra le altre cose, pone le basi per un nuovo scontro tra Trump e la Cina. L'approfondimento del settimanale The Economist

Un dollaro forte, tra le altre cose, pone le basi per un nuovo scontro tra Trump e la Cina. L’approfondimento del settimanale The Economist

Il dollaro appare sempre più temibile. Poiché la crescita americana è rimasta forte e gli investitori hanno ridimensionato le scommesse sul taglio dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve, il denaro si è riversato sui mercati del Paese e il biglietto verde è salito. Quest’anno è salito del 4% rispetto a un paniere di valute ponderate per il commercio e i fondamentali indicano un ulteriore apprezzamento. Con le elezioni presidenziali alle porte e con i Democratici e i Repubblicani decisi a promuovere l’industria manifatturiera americana, il mondo si trova sull’orlo di un nuovo difficile periodo di geopolitica del dollaro forte.

La situazione è resa ancora più difficile dal fatto che la forza della valuta riflette la debolezza di altre aree. Alla fine del 2023, l’economia americana sarà più grande dell’8% rispetto alla fine del 2019. Nello stesso periodo, quelle di Gran Bretagna, Francia, Germania e Giappone sono cresciute ciascuna di meno del 2%. Lo yen è ai minimi da 34 anni rispetto al dollaro. L’euro è sceso a 1,07 dollari da 1,10 dollari all’inizio dell’anno. Alcuni operatori scommettono che la coppia raggiungerà la parità all’inizio del prossimo anno. In caso di vittoria di Donald Trump a novembre, la scena è quindi pronta per una battaglia. Un dollaro forte tende a far aumentare il prezzo delle esportazioni americane e a far diminuire quello delle importazioni, il che aumenterebbe il persistente deficit commerciale del Paese, da decenni cavallo di battaglia di Trump. Robert Lighthizer, l’architetto dei dazi contro la Cina durante il periodo di Trump alla Casa Bianca, vuole indebolire il dollaro, secondo il sito web di notizie Politico. Il Presidente Joe Biden non ha rilasciato dichiarazioni pubbliche sulla valuta, ma un dollaro forte complica il suo programma di produzione.

Altrove, un dollaro forte è positivo per gli esportatori che hanno costi denominati in altre valute. Ma gli alti tassi di interesse americani e il dollaro forte generano inflazione importata, che ora è esacerbata dai prezzi relativamente alti del petrolio. Inoltre, le aziende che hanno contratto prestiti in dollari devono far fronte a rimborsi più elevati. Il 18 aprile Kristalina Georgieva, capo dell’Imf, ha messo in guardia sull’impatto di questi sviluppi sulla stabilità finanziaria globale. Molti Paesi hanno ampie riserve di valuta estera che potrebbero vendere per rafforzare le loro valute: Il Giappone ha 1,3 trilioni di dollari, l’India 643 miliardi e la Corea del Sud 419 miliardi. Tuttavia, qualsiasi sollievo sarebbe temporaneo. Sebbene le vendite abbiano rallentato il rafforzamento del dollaro nel 2022, quando la Fed ha iniziato ad alzare i tassi di interesse, non lo hanno fermato. Le banche centrali e i ministeri delle finanze sono restii a sprecare le loro disponibilità in lotte infruttuose.

Un’altra opzione è il coordinamento internazionale per arrestare la scalata del biglietto verde. L’inizio di questo processo è stato mostrato il 16 aprile, quando i ministri delle finanze di America, Giappone e Corea del Sud hanno espresso preoccupazione per il crollo dello yen e del won. Questo potrebbe essere il precursore di un maggiore intervento – sotto forma di vendite congiunte di riserve valutarie – per evitare che le due valute asiatiche si indeboliscano ulteriormente. Ma per quanto questi Paesi vogliano essere sulla stessa lunghezza d’onda, l’economia li sta inevitabilmente allontanando. Dopo tutto, la debolezza dello yen e del won è determinata dal divario dei tassi di interesse tra l’America e gli altri Paesi. I titoli di Stato a due anni della Corea del Sud offrono un rendimento di circa il 3,5%, quelli del Giappone di appena lo 0,3%, mentre i Treasury americani con la stessa scadenza offrono il 5%. Se i tassi d’interesse in America rimarranno nettamente più alti, gli investitori in cerca di rendimento si troveranno di fronte a una scelta semplice e le loro decisioni sosterranno il dollaro.

Ci sono poi Paesi con cui l’America ha meno probabilità di cooperare. Secondo la banca Goldman Sachs, a marzo la Cina ha registrato circa 39 miliardi di dollari di deflussi di valuta estera, in quanto gli investitori sono fuggiti dall’economia languente del Paese, il quarto mese in assoluto dal 2016. Lo yuan si è indebolito costantemente rispetto al dollaro dall’inizio dell’anno, e più rapidamente da metà marzo, quando il dollaro è passato da 7,18 a 7,25 yuan. Bank of America prevede che raggiungerà 7,45 entro settembre, quando la campagna elettorale americana sarà in pieno svolgimento. In questo modo lo yuan si indebolirebbe ai minimi dal 2007, dando una spinta all’ultima iniziativa di esportazione del governo cinese. I veicoli elettrici cinesi a basso costo potrebbero diventare ancora più economici, facendo infuriare i politici americani.

Anche i protezionisti americani potrebbero essere disposti a non considerare le valute deboli degli alleati, almeno per un certo periodo. È meno probabile che lo facciano per la Cina. Ciò comporta il rischio di ulteriori dazi e sanzioni, e forse anche il ritorno della Cina nell’elenco dei manipolatori di valuta dell’America. Fino a quando l’economia americana avrà un andamento positivo, è probabile che il dollaro rimanga forte. E finché i politici americani vedranno in questo un motivo di preoccupazione, le tensioni commerciali aumenteranno.
(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

Back To Top