skip to Main Content
ads

Generali, ecco smanie, amnesie e fini di Caltagirone

Assicurazioni Generali

Che cosa celano le ultime indiscrezioni sugli obiettivi di Francesco Gaetano Caltagirone per Assicurazioni Generali. Il dossier asset management e non solo.

 

Il rilancio di Generali Assicurazioni secondo Francesco Gaetano Caltagirone? Passerà da Banca Generali e dal rilancio dell’asset management, secondo le ultime indiscrezioni giornalistiche.

L’idea ha fatto inarcare più di un sopracciglio, anche a Torino, sede della Fondazione Crt, al fianco di Caltagirone e Leonardo Del Vecchio che animano le proteste contro Mediobanca, primo azionista di Assicurazioni Generali.

Ambienti della Fondazione torinese si stupiscono che sia proprio Caltagirone a sollevare il dossier asset management, con critiche sussurrate ai giornali sulla conduzione in questo settore da parte del vertice di Generali, e in particolare del numero uno del gruppo assicurativo, Philippe Donnet.

Tra l’altro, si bisbiglia a Trieste, dai maggiori azionisti (compreso il borbottante costruttore ed editore romano) non è mai giunta nei consigli di amministrazione alcuna critica ai piani di Generali, anche sul versante dell’attività sul risparmio gestito.

Eppure i pattisti anti Donnet – che sono soprattutto anti Nagel, a dir la verità – ritengono fra l’altro che in questi anni il ceo group non abbia spinto sull’asset management, e abbia condotto una strategia di m&a poco aggressiva.

“Considerazioni rispetto alle quali Generali oppone i risultati – ha scritto ieri il Corriere della Sera – In relazione all’asset management, il contributo all’utile operativo di gruppo è passato dal 3% del 2016 al 10% del 2021. Nell’m&a, dal 2018 il Leone ha realizzato 12 operazioni e nel 2019-2021 ha finora investito 3,5 miliardi: al target dei 4 mancano la finalizzazione in Francia di La Médicale e un’iniziativa di crescita in India. Guardando ai piani precedenti, approvati da tutti gli azionisti, quello al 2018 si è chiuso con il raggiungimento dei target, con oltre 5 miliardi di dividendi cumulati. E per quanto riguarda quello che si conclude fra poche settimane il Leone ha centrato in anticipo obiettivi come la crescita delle cedole, con 4,5 miliardi pagati finora sui 4,5-5 previste nell’arco di piano, e la riduzione dell’indebitamento finanziario pari a 1,9 miliardi. Il solvency ratio è al 224%e il total shareholder return, con la capitalizzazione passata fra novembre 2016 e oggi da 18 a 30 miliardi: per gli azionisti Generali è pari al 113%, in Allianz è il 66% e in Axa al 47%”.

Non solo: chi segue Generali, infatti, ricorda bene che la freddezza di Caltagirone fu tra i principali fattori che indussero Tim Ryan, l’orgoglioso capo dell’asset management di Generali, a lasciare il colosso assicurativo alla volta di Natixis.

Delle due l’una: o Caltagirone si è convinto della centralità dell’asset management, oppure il suo rilancio (con qualche stranezza sui derivati, segnala La Stampa) è prospettato per allettare gli investitori. Che nell’assemblea del Leone peseranno molto. E per certi versi, come sottolineato da Carlotta Scozzari su “Affari & Finanza” del quotidiano Repubblica lunedì scorso, sono decisivi.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore