skip to Main Content

Novo Holdings Catalent

Farmaci, cosa farà Novo Holdings con Catalent

Novo Holdings, che controlla la farmaceutica Novo Nordisk, famosa per i suoi farmaci antidiabetici Ozempic e Wegovy, acquisterà l'americana Catalent per 16,5 miliardi di dollari. Tutti i dettagli

 

Il gruppo danese Novo Holdings, società madre di Novo Nordisk, salita alla ribalta nell’ultimo periodo per aver conquistato le star di Hollywood e non solo con i suoi farmaci antidiabetici Ozempic e Wegovy a causa della loro capacità di far perdere peso, acquisirà l’americana Catalent, nota in Italia per essere fuggita dal nostro Paese a causa della burocrazia.

Ecco cosa fanno e i termini dell’accordo.

COSA FA CATALENT

Catalent, con sede nel New Jersey, è un fornitore globale di tecnologie di consegna, sviluppo, produzione di farmaci, prodotti biologici, terapie geniche e prodotti per la salute dei consumatori. Sul sito afferma che “aiuta ad accelerare oltre 1.000 programmi di partner e a lanciare oltre 150 nuovi prodotti ogni anno”. Con i suoi 50 siti sparsi per il mondo, realizza ogni anno oltre 80 miliardi di dosi di quasi 8.000 prodotti.

Impiega più di 18.000 persone, tra cui più di 3.000 scienziati e tecnici. Nell’anno fiscale 2022 ha generato un fatturato di quasi 5 miliardi di dollari.

IL LEGAME CON NOVO NORDISK

Catalent, inoltre, come osservava lo scorso novembre Reuters, svolge un ruolo fondamentale nella produzione di Wegovy di Novo Nordisk, in quanto riempie le penne per autosomministrarsi il farmaco anti-diabete, la cui domanda è recentemente schizzata alle stelle anche per dimagrire.

L’ACQUISIZIONE DI CATALENT DA PARTE DI NOVO HOLDINGS

Ora Catalent verrà acquistata da Novo Holdings in una transazione interamente in contanti che valuta società americana a 16,5 miliardi di dollari sulla base dell’enterprise value.

Novo Holdings acquisirà tutte le azioni in circolazione di Catalent per 63,50 dollari per azione in contanti, con un premio del 16,5% rispetto al prezzo di chiusura del 2 febbraio 2024 e un premio del 39,1% rispetto al prezzo di chiusura del 28 agosto 2023, quando il CdA di Catalent ha annunciato una revisione delle attività, della strategia e delle operazioni.

Dopo la conclusione dell’operazione, che si prevede essere verso la fine del 2024, le azioni di Catalent non saranno più quotate alla Borsa di New York.

TRE SITI ANDRANNO A  NOVO NORDISK

Degli oltre 50 siti globali della società americana, Novo Holdings intende vendere tre siti di riempimento-finitura e le relative attività acquisite nella fusione a Novo Nordisk. Gli stabilimenti, in cui lavorano oltre 3.000 persone, si trovano ad Anagni (in provincia di Frosinone), Bloomington (Indiana, Stati Uniti) e Bruxelles.

Novo Nordisk li acquisirà con un pagamento anticipato di 11 miliardi di dollari.

L’INARRESTABILE SUCCESSO DEI FARMACI ANTI-DIABETE PER DIMAGRIRE

Espandersi, per il laboratorio danese, era una priorità data la grande richiesta di farmaci quali Ozempic e Wegovy, per i quali si inizia a supporre che possano essere di aiuto anche nella cura dell’Alzheimer e del Parkinson. Oltre al ruolo che giocano nel combattere l’obesità, tanto che Wall Street ha previsto che le loro vendite potrebbero superare i 100 miliardi di dollari entro il 2035.

Non a caso già lo scorso novembre, il Ceo di Catalent, Alessandro Maselli, dichiarava che “i ricavi derivanti dai farmaci GLP-1 potrebbero salire a oltre 500 milioni di dollari una volta che la capacità ampliata sarà operativa, rispetto ai meno di 100 milioni di dollari previsti nell’anno fiscale 2024”.

Intanto, grazie alle vendite cresciute del 31% oltre le attese e a un utile per azione in salita di oltre il 50%, Novo Nordisk, a fine gennaio, era la società più capitalizzata d’Europa, superando anche il colosso del lusso Lvmh che, ricorda Milano Finanza, deteneva il record di unica società europea quotata ad aver oltrepassato i 500 miliardi.

Back To Top