Economia

Ecco i settori che fanno arretrare la produzione industriale. Report

di

manifatturiero italiano automotive

Il commento di Paolo Mameli, senior economist della direzione Studi e ricerche di Intesa Sanpaolo, sul dato della produzione industriale

La produzione industriale è calata ancora a ottobre (-0,3% m/m). Il settore manifatturiero resta un freno per l’economia nel suo complesso. Il Pil ha sinora tenuto una velocità di crociera di +0,1% t/t nonostante la debolezza dell’industria, ma non si può escludere un rallentamento a fine 2019 o inizio 2020.

La produzione industriale è calata ancora a ottobre, di -0,3% m/m, dopo il -0,4% m/m di settembre. Il dato è stato lievemente più debole rispetto alle attese di consenso e significativamente inferiore alla nostra stima.

Su base annua (corretta per gli effetti di calendario), la produzione non solo è rimasta in territorio negativo per l’ottavo mese consecutivo, ma è scesa ulteriormente a -2,4% da -2,2% precedente. Si tratta di un minimo quest’anno.

Come ci attendevamo, la produzione di energia è diminuita per il terzo mese consecutivo (-1,9% m/m), ma si registra una flessione anche per i beni strumentali e i beni durevoli (-0,8% e -0,4% m/m, rispettivamente). L’unico, tra i gruppi principali di industrie, in progresso nel mese è quello dei beni di consumo non durevoli.

La maggior parte dei settori manifatturieri risulta in calo su base tendenziale (corretta per i giorni lavorativi). Restano in “profondo rosso” i mezzi di trasporto (-8,6%), i metalli (-6,9%), il tessile e abbigliamento (-6,2%), la gomma e plastica (-5%) e i macchinari (-4,3%). Viceversa, sono in modesto progresso su base annua i farmaceutici (+3,6%), gli alimentari (+3%) e le altre industrie manifatturiere (+2,8%).

Il dato è peggiore delle nostre attese, ma coerente con i segnali ancora deboli giunti dalle valutazioni delle imprese sull’output nelle indagini di settore. Nel complesso, sia gli indici di fiducia che i dati reali segnalano che la fase recessiva nel manifatturiero non è ancora terminata.

La produzione industriale è in rotta per una nuova contrazione nell’ultimo trimestre dell’anno, pari a -0,4% t/t (in caso di stagnazione nei mesi restanti), dopo il -0,6% dei mesi estivi e il -0,8% t/t primaverile. Anzi a nostro avviso la flessione effettiva nel trimestre potrebbe essere più pronunciata, in quanto ci aspettiamo un ulteriore calo su base congiunturale a novembre, anche a causa di condizioni metereologiche avverse (stimiamo poi un rimbalzo nell’ultimo mese dell’anno).

Ciò significa che l’industria in senso stretto dovrebbe frenare ancora il valore aggiunto nel quarto trimestre. È vero che il PIL è cresciuto, sia pur marginalmente, in tutto l’ultimo anno, nonostante un calo dell’attività industriale in media di quasi mezzo punto a trimestre. Tuttavia, tenuto conto sia degli indici anticipatori che dei dati di produzione, non si può escludere un rallentamento congiunturale(dalla velocità di crociera di 0,1% t/t vista di recente) nei trimestri a cavallo d’anno.

Nel complesso, manteniamo la previsione di un miglioramento solo lieve del Pil italiano nel 2020, dopo lo 0,2% del 2019. La nostra stima è di una crescita di 0,3% corretta per gli effetti di calendario (0,4% in termini grezzi).

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati