skip to Main Content

Ecco come e perché Amazon entusiasma Wall Street

Amazon Prime

Amazon: dopo la trimestrale (in cui spiccano i ricavi di Aws) e l’annuncio dell’aumento del costo dell’abbonamento al servizio Prime negli Usa, in Borsa il titolo del colosso Bezos in evidenza. Fatti, numeri e commenti

 

II future indica un’apertura contrastata a Wall Street, con il Nasdaq spinto da Amazon, che guadagna oltre il 12% dopo una trimestrale migliore delle attese. E ieri è decollato il titolo Amazon anche nel dopoborsa Usa.

Giovedì il colosso dell’e-commerce ha comunicato i risultati dell’ultimo trimestre 2021: quasi raddoppiati i profitti a 14,32 miliardi di dollari dai 7,2 dello stesso periodo dell’anno scorso. La società fondata da Jeff Bezos e ora guidata da Andy Jassy ha registrato ricavi per 137,41 miliardi di dollari (+9%), in linea sostanzialmente con le previsioni degli analisti.

Più che la parte e-commerce, sostengono la crescita le attività nel cloud con Amazon Web Services  e la maxi plusvalenza generata dall’investimento nel costruttore di veicoli elettrici Rivian.

Inoltre, Amazon ha annunciato che presto aumenterà il prezzo per la sua iscrizione Prime negli Stati Uniti del 17%, il suo primo aumento di prezzo dal 2018. Come sottolinea Finimize, “poiché questo intervento non costa ad Amazon un centesimo, è una pila in più di contanti che andranno direttamente alla sua linea di fondo”. Entusiasti quindi gli investitori che dopo la notizia hanno inviato le azioni di Amazon in rialzo del 18%.

Tutti i dettagli.

I NUMERI DI AMAZON

I ricavi del trimestre sono cresciuti in linea con le aspettative di Wall Street, con un aumento del 9% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso a 137,4 miliardi di dollari.

Il risultato operativo ha subito un duro colpo a causa dell’aumento dei costi del personale e di altre pressioni legate al Covid, in calo del 49% rispetto allo stesso periodo del 2020 a 3,5 miliardi di dollari. L’utile netto nel quarto trimestre di 14,4 miliardi di dollari include la plusvalenza di 11,8 miliardi di dollari dell’investimento in Rivian, che si è quotata in borsa alla fine dell’anno scorso.

CRESCE POCO L’E-COMMERCE

Nonostante il periodo natalizio, cruciale per il settore retail, i ricavi dell’attività di e-commerce di Amazon in crescita di appena il 6% rispetto allo stesso periodo del 2020. L’impennata degli acquisti online causata dalla pandemia ha continuato a svanire nell’ultimo trimestre.

TRAINA AWS

Allo stesso tempo, Amazon ha mostrato una forte crescita nel cloud computing. Amazon Web Services si conferma così il segmento più redditizio dell’azienda, registrando un aumento dei ricavi del 40% anno su anno, senza i quali avrebbe subito una perdita operativa di 1,8 miliardi di dollari.

L’AUMENTO DEL PREZZO DI PRIME

Per compensare la performance del commercio online, l’azienda sta alzando il livello di uno dei suoi flussi di entrate di maggior successo. Ovvero il servizio Prime che offre ai membri l’accesso alla spedizione gratuita di due giorni, nonché l’accesso a film e programmi TV esclusivi. Amazon ha annunciato che il prezzo di un abbonamento annuale Amazon Prime aumenterà da 119 a 139 dollari  questo mese per tenere conto dell'”aumento dei salari e dei costi di trasporto”.

Per i nuovi membri Prime, questa modifica entrerà in vigore il 18 febbraio e dopo il 25 marzo per i membri esistenti.

Il gruppoha detto che l’aumento del costo di Prime da 119 a 139 dollari l’anno è dovuto in parte all’aumento dei “salari e dei costi di trasporto” della sua rete logistica. Amazon ha difeso l’aumento del costo sottolineando anche la sua gamma di contenuti premium tra cui la programmazione originale di Amazon Prime Video con l’imminente uscita de Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere.

È il terzo aumento di prezzo da quando Amazon ha introdotto Prime nel 2005. Ad aprile scorso, il servizio contava oltre 200 milioni di abbonati in tutto il mondo.

IL COMMENTO DI UN EX DIRIGENTE AMAZON

Il gruppo non ha detto se intende aumentare i prezzi anche sui mercati internazionali. Un ex dirigente di Amazon ha detto al Financial Times che l’aumento dei prezzi di Prime è una “mossa molto pericolosa” progettata per accontentare i mercati a spese dei consumatori.

“Amazon ha Prime Video e Alexa e tutte queste cose che sono legate all’appartenenza a Prime”, ha detto Guru Hariharan, amministratore delegato della piattaforma di gestione dell’e-commerce CommerceIQ. “L’aumento del prezzo comincerà a mettere sotto stress questo effetto network”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore