Economia

Ecco chi voleva bloccare nel governo (Gentiloni) il prestito Bei all’Italia contro il dissesto idrogeologico

di

droni - dissesto idrogeologico

Davvero il governo Conte ha rifiutato il prestito Bei da 800 milioni all’Italia con risorse da utilizzare per prevenire il dissesto idrogeologico?

Davvero il ministero dell’Ambiente retto ora da Sergio Costa, fedelissimo del vicepremier Luigi Di Maio, ha detto “no grazie” (anche se poi c’è stato un mezzo ripensamento) al prestito della Banca europea per gli investimenti che aveva già l’ok del dicastero dell’Economia?

Le domande che assillano da giorni addetti ai lavori, politici e giornalisti iniziano a trovare risposte che esulano dalle polemiche.

La realtà è che, come ha scritto ieri l’Ansa, gli uffici della Banca europea per gli investimenti (Bei) e il ministero dell’Ambiente guidato da Costa stanno ancora lavorando sul finanziamento da 800 milioni per un piano di opere contro il dissesto idrogeologico. Il prestito permetterebbe all’Italia un risparmio anche superiore a 150 milioni di euro sulla spesa per interessi.

Ma come mai inchieste giornalistiche da un lato, e una lettera a tratti poco chiara del ministro Costa alla Stampa dall’altro, portavano alla conclusione che il governo M5s-Lega guidato da Giuseppe Conte aveva snobbato il prestito Bei già di fatto chiuso con l’Italia?

Secondo fonti raccolte a Bruxelles, il contratto per il prestito da 800 milioni di euro era già stato sottoscritto a dicembre 2017 con il ministero dell’Economia, mentre quello con il ministero dell’Ambiente (necessario per attivare l’erogazione del finanziamento) ha subito ritardi dovuti a lungaggini e rigidità, a livello tecnico, della precedente gestione di governo.

Fonti ministeriali aggiungono a Start Magazine: poco prima delle elezioni, quindi quando al dicastero dell’Ambiente c’era anche la squadra di Gianluca Galletti, ci sono state perplessità – non ben motivate e a tratti convulse e impulsive – di una parte della struttura dirigenziale del dicastero. Da qui lo stop.

Stop, dunque, non deciso né dal premier Conte né dai vicepremier Di Maio e Salvini né dal ministro Costa.

Il quale, però, ieri ha stimmatizzato indirettamente regioni ed enti locali per la mancanza di progetti da finanziare: “In questo momento i fondi che diamo sono collegati alle progettazioni che ci sono. Quindi se mancano i progetti e prendo altri soldi dal bilancio dello Stato o dalla Bei, sono sempre soldi presi in prestito, dunque su cui si pagano gli interessi. Prenderli se non ci sono i progetti non ha molto senso”, ha sottolineato il ministro.

Ma i tecnici al lavoro sui dossier dicono che la lista dei progetti delle regioni è pronta da circa un anno. Altre polemiche in vista?

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati