skip to Main Content

DoValue, ecco perché i sindacati strattonano Castellaneta e Mangoni

Npl Utp

Tutte le critiche dei sindacati dei bancari ai vertici di doValue, gruppo presieduto da Giovanni Castellaneta e guidato da Andrea Mangoni

 

Conti a gonfie vele, scioperi sindacali e dimissioni nel cda.

Non è tutta rose e fiori la vita in casa di dovalue, “primo operatore del Sud Europa attivo nei servizi di gestione di crediti e asset immobiliari, prevalentemente derivanti da crediti non-performing, per conto di banche e investitori”, come si definisce lo stesso istituto sul suo sito aziendale.

Sarà pure presieduta da un ambasciatore di lungo corso come Giovanni Castellaneta, ma i rapporti sindacali sono tutt’altro che diplomatici a sentire i sindacalisti che sono imbufaliti con l’azienda guidata dall’amministratore delegato Andrea Mangoni, già in Telecom, Sorgenia e Fincantieri.

Le tensioni sindacali si desumono da un comunicato stampa congiunto delle federazioni dei bancari: “Le organizzazioni sindacali Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Uilca e Unisin bloccano le relazioni industriali con il gruppo DoValue fino a quando il gruppo non testimonierà il suo fattivo interesse al benessere del capitale umano. Il lavoratore non può e non deve essere l’agnello sacrificale del mercato, in onore del Dio Ebit”. E’ quanto si legge nella nota firmata dalle segreterie di coordinamento dei sindacati bancari Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Uilca e Unisin nel gruppo DoValue.

I sindacati denunciano “il deserto motivazionale che ha trovato ampia conferma nella survey aziendali in tema di retribuzione (fissa e variabile) e al piano di perenne ristrutturazione del gruppo, che prevede periodiche operazioni di contenimento dei costi (del personale!) anche con la chiusura di filiali storiche (pur periferiche) che hanno da sempre costituito un modello operativo indice di successo e di eccellenza per il settore degli non performing loan (npl)”.

Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Uilca e Unisin, continua la nota, osservano che al recente “inevitabile sciopero del 28 maggio scorso, dichiarato con ampio mandato raccolto nelle nove assemblee online, ha aderito la quasi totalità del personale ‘sfruttato'”.

I sindacati bancari, poi, “denunciano la richiesta di aiuto dei propri colleghi vessati da carichi di lavoro insostenibili e che inchiodano le lavoratrici e i lavoratori ben oltre le sette ore e trenta di una normale giornata lavorativa (finanche quindici ore consecutive e per più di cinque giorni a settimana), con potenziali aumenti dei rischi operativi e, nondimeno, della salute degli stessi. Lo straordinario sommerso dello smart worker è diventata una prassi pericolosa. E l’azienda, chiamata in Abi per discutere sulle possibili soluzioni ai problemi evidenziati nelle sedi deputate, ha declinato l’invito non presentandosi al tavolo”.

Quanto ancora alla protesta, FABI, First Cisl, Fisac Cgil, Uilca e Unisin ricordano “che il giorno 28 è una tradizione ricorrente per lo sciopero in doValue Italia: 28 febbraio 2017, 28 giugno 2019 e 28 maggio 2021. Anche stavolta i lavoratori hanno incrociato le braccia, aderendo allo sciopero per l’annoso problema legato ai carichi di lavoro”Banche: in filiale senza appuntamento in zona bianca e gialla

I sindacati contestano i vertici anche perché i conti do doValue brillano. I ricavi lordi nel primo trimestre dell’anno sono stati pari a 123,66 milioni di euro, in crescita del 47% rispetto agli 84,26 milioni dello stesso trimestre dell’esercizio precedente. Il margine operativo lordo, esclusi gli elementi non riscorrenti è balzato a 35,75 milioni, in crescita dell’83% rispetto ai 19,5 milioni dello stesso periodo dello scorso esercizio. La marginalità è passata dal 23% al 29%.

Il risultato finale, attribuibile agli azionisti della capogruppo (esclusi gli elementi non ricorrenti) è tornato positivo per 5,54 milioni di euro rispetto al rosso di 718mila euro del primo trimestre 2020. La crescita è dovuta all’aumento del margine operativo, parzialmente controbilanciato dai maggiori ammortamenti su attività immateriali conseguenti all’acquisizione di doValue Greece.
A fine marzo 2021 il portafoglio gestito era pari a 157,7 miliardi di euro, in aumento rispetto ai 134,4 miliardi di euro a fine 2020. Alla stessa data la posizione finanziaria netta era negativa per 376,46 milioni di euro, in miglioramento rispetto ai 410,56 milioni di fine 2020.
Infine, non sono state spiegate del tutto le motivazioni delle dimissioni del consigliere di amministrazione. DoValue nei giorni scorsi ha solo comunicato – si legge su un giornale specializzato in cose finanziarie, ma il comunicato non compare sul sito dell’istituto – di aver ricevuto, in data 10 maggio 2021, le dimissioni, con effetto immediato, dell’Amministratore non esecutivo Patrizia Michela Giangualano, per sopravvenuti impegni professionali: “La dottoressa Giangualano, nominata amministratore dall’Assemblea Ordinaria degli Azionisti tenutasi in data 29 aprile 2021, come nominativo tratto dalla lista presentata dallo Studio Legale Trevisan & Associati per conto di un gruppo di investitori istituzionali, non fa parte di alcun comitato endoconsiliare e non aveva in precedenza ricoperto alcuna carica in doValue. La Società procederà, quindi, nel corso delle prossime settimane, alla nomina per cooptazione di un nuovo amministratore, con i requisiti di indipendenza, nel rispetto delle disposizioni di legge e di statuto e ne darà prontamente informazione al mercato”.
Ora i sindacati attendono che la diplomazia prenda piede in doValue ristabilendo corretti rapporti sindacali anche in ossequio del galateo Abi che di fatto è stato violato dall’azienda presieduta da Castellaneta e Mangoni.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore