skip to Main Content

Consulenza

È un brutto momento per McKinsey, Deloitte, Ey e PwC? Report Economist

Il settore della consulenza sembrava indistruttibile; invece, la crescita delle grandi società del settore si sta affievolendo. Ecco perché secondo il settimanale The Economist

A marzo un memo anonimo ha fatto brevemente il giro del web. Gli autori, che sostenevano di essere ex partner di McKinsey, rimproveravano all’illustre società di consulenza strategica di aver perseguito negli ultimi anni una “crescita incontrollata e non gestita” e rimproveravano alla sua leadership, tra le altre cose, una “mancanza di attenzione strategica”. Con l’umiltà tipica dei McKinsey, hanno avvertito che “un’organizzazione di autentica grandezza” rischiava di andare perduta.

La nota, che è stata rapidamente ritirata, è solo l’ultimo mormorio di malcontento in McKinsey. A gennaio Bob Sternfels, socio amministratore, è stato costretto a una gara interna per il posto di vertice dopo che, in una prima tornata di votazioni, non è riuscito a ottenere il sostegno per la rielezione da parte della maggioranza dei soci senior. Anche se alla fine ha prevalso, la saga ha lasciato intendere i problemi che si stavano creando all’interno dell’azienda.

LA CRISI DEL SETTORE DELLA CONSULENZA

Non molto tempo fa il settore della consulenza sembrava indistruttibile. I compensi sono saliti alle stelle durante la pandemia di Covid 19, mentre i clienti acceleravano gli sforzi per digitalizzare le loro attività, diversificare le catene di approvvigionamento e rispondere alle crescenti richieste di rafforzare le loro credenziali ambientali, sociali e di governance (esg). I ricavi da consulenza delle aziende più importanti del settore – tra cui il triumvirato di consulenti strategici (Bain, Bcg e McKinsey), i “quattro grandi” giganti della contabilità (Deloitte, ey, kpmg e pwc) e Accenture (che è anche il più grande outsourcer del mondo) – sono cresciuti del 20% nel 2021 e del 13% nel 2022.

Da allora, tuttavia, la crescita di questi “otto grandi” si è affievolita, rallentando fino a circa il 5% nel 2023, secondo le stime di Kennedy Research Reports, un osservatore del settore, e i calcoli di The Economist, basati sui documenti delle società. I clienti alle prese con l’inflazione e l’incertezza economica hanno ridotto i progetti più appariscenti. La scarsità di fusioni e acquisizioni ha portato a un crollo della domanda di assistenza per la due diligence e le integrazioni aziendali.

Questo ha causato un problema alle società di consulenza. Quando la domanda dei clienti sembrava illimitata, hanno assunto personale come se non ci fosse un domani. I ricavi di McKinsey sono aumentati di un terzo dal 2019, ma l’organico si è dimezzato, raggiungendo le 45.000 unità. Poiché le opportunità di lavoro presso le startup e le società di private equity sono diminuite, un numero minore di consulenti ha lasciato le aziende di propria iniziativa, invertendo il picco dei tassi di abbandono durante la pandemia.

Ora il domani è arrivato, con una certa forza. Bain e Deloitte hanno pagato alcuni laureati per ritardare la loro data di inizio. I consulenti alle prime armi di alcune aziende si lamentano del fatto che c’è troppo poco lavoro a disposizione e che le loro prospettive di carriera si sono arenate. I licenziamenti sono diventati molto diffusi. Tutte le quattro grandi aziende hanno effettuato tagli ai loro team di consulenza. L’anno scorso Accenture, l’unica delle otto società quotate in borsa, ha dichiarato che avrebbe licenziato 19.000 persone. Il 21 marzo ha comunicato che i suoi ricavi da consulenza nel trimestre fino a febbraio si sono ridotti del 3% rispetto all’anno precedente, dopo essersi appiattiti nel trimestre precedente.

ACQUE AGITATE

Il settore della consulenza ha già attraversato acque agitate in passato, anche durante il crollo delle dotcom e la crisi finanziaria globale. Questa volta, però, la ripresa sarà complicata da tre questioni. Il primo è la geopolitica. I giganti della consulenza, tutti con sede in Occidente, hanno beneficiato di decenni di globalizzazione durante i quali hanno esteso i loro rami in ogni angolo del mondo. Deloitte, il più grande del gruppo per fatturato da consulenza, ha uffici in oltre 150 Paesi e territori.

Questo sta mettendo le aziende in una posizione scomoda. Il mese scorso è emerso che la Urban China Initiative, un think-tank co-fondato da McKinsey, ha fornito nel 2015 una consulenza al governo cinese che ha contribuito a definire il piano “Made in China 2025”, che ha cercato di ridurre la dipendenza dell’economia dal know-how straniero e di porre la Cina all’avanguardia in settori che vanno dai veicoli elettrici all’intelligenza artificiale. Sebbene la McKinsey abbia negato di aver scritto il rapporto, alcuni legislatori americani hanno chiesto che all’azienda venga impedito di ricevere contratti governativi americani. Nei 12 mesi fino a settembre 2023, il governo federale ha pagato a McKinsey più di 100 milioni di dollari in commissioni.

CINA E NON SOLO

Ora anche la Cina sta iniziando a estromettere i consulenti stranieri dal proprio mercato. L’anno scorso Dentons, uno studio legale globale, ha sciolto il suo legame con Dacheng, uno studio cinese, in risposta alle nuove norme sulla cybersicurezza e sulla protezione dei dati che hanno reso la combinazione impraticabile. Sebbene la Cina non abbia ancora prodotto una potenza di consulenza nazionale, ha già iniziato a rendere la vita difficile a quelle straniere. Un anno fa, il personale dell’ufficio di Shanghai di Bain è stato interrogato dalle autorità cinesi per motivi sconosciuti. Il 22 marzo è stato riferito che il governo cinese stava esaminando il lavoro di revisione contabile svolto da Pwc presso Evergrande, un promotore immobiliare cinese in bancarotta, accusato di aver gonfiato in modo fraudolento i propri ricavi. Questo potrebbe pesare sulle attività di consulenza di pwc nel Paese.

Non sono solo le relazioni dell’Occidente con la Cina a causare problemi. A febbraio i capi di Bcg, McKinsey e Teneo, una società di consulenza più piccola, insieme a Michael Klein, un dealmaker, sono stati trascinati davanti a una commissione del Congresso a Washington dopo aver omesso di consegnare i dettagli del loro lavoro per il Fondo pubblico di investimento dell’Arabia Saudita. La commissione sta indagando sugli sforzi dell’Arabia Saudita per costruire un “soft power” in America attraverso, ad esempio, i suoi investimenti in sport come il golf. McKinsey e Bcg hanno dichiarato che il loro personale in Arabia Saudita potrebbe essere imprigionato se divulgasse i dettagli del loro lavoro per il fondo sovrano del Paese. Il Golfo Persico è stato un raro punto di forza per i consulenti negli ultimi tempi, con gli Stati ricchi di petrolio che hanno investito in consulenze nel tentativo di diversificare le loro economie.

Il calo dell’entusiasmo per le esg, denunciato dai critici come “capitalismo da strapazzo”, rappresenta una seconda minaccia per la ripresa del settore. Negli ultimi anni, i giganti della consulenza hanno speso molto per potenziare le loro offerte di esg, soprattutto per quanto riguarda la decarbonizzazione. Nel 2021 McKinsey ha acquisito tre società di consulenza sulla sostenibilità. Nel 2022 Accenture ne ha acquisite cinque. Finora questi investimenti sembrano dare i loro frutti. Christoph Schweizer, capo di Bcg, che ha acquisito la società di consulenza ambientale Quantis nel 2022, afferma che l’anno scorso la sostenibilità è stata una delle aree di lavoro in più rapida crescita della sua azienda.

È meno chiaro se questa crescita continuerà allo stesso ritmo. In America, alcuni Stati a gestione repubblicana, tra cui la Florida e il Texas, hanno ritirato i fondi parcheggiati presso BlackRock, il più grande gestore di patrimoni al mondo, per protestare contro l’uso di considerazioni di esg nella realizzazione degli investimenti. I clienti della consulenza intervistati a gennaio da Source Global Research, un altro analista del settore, hanno classificato i progetti di sostenibilità al decimo posto nella loro lista di priorità per l’anno, in calo rispetto al quarto posto del 2023. Alcuni grandi della consulenza ammettono che alcuni clienti stanno riducendo le loro ambizioni climatiche. Secondo uno di loro, ciò è dovuto in parte al fatto che i loro clienti si stanno dimostrando più restii a pagare il premio che ne deriva.

IL CAMBIAMENTO TECNOLOGICO

La terza e più spinosa sfida che attende i grandi otto è il cambiamento tecnologico. Per molti anni i clienti hanno chiesto il loro aiuto per modernizzare i vecchi sistemi scricchiolanti. Sempre più spesso i consulenti stessi sono alle prese con la digital disruption. Il capo di una grande società di buy-out afferma che i suoi dealmaker si rivolgono a strumenti software e fornitori di dati piuttosto che a costosi consulenti per alcune delle analisi necessarie a valutare una società target. Altri compiti per i quali un tempo schiere di consulenti impiegavano ore, come la compilazione e la categorizzazione dei dati sulle abitudini di spesa di un’azienda, ora possono essere svolti premendo un pulsante.

I consulenti non stanno con le mani in mano. Bain, ad esempio, ha ridisegnato il modo in cui svolge la due diligence sulle aziende, incorporando strumenti intelligenti come i programmi di web-scraping. Le aziende stanno anche correndo per stare un passo avanti all’intelligenza artificiale (ai). Lo scorso agosto McKinsey ha lanciato Lilli, un bot simile a Chatgpt addestrato sul suo corpus di framework e altre proprietà intellettuali, che i consulenti possono utilizzare per accelerare il loro lavoro. Altri hanno seguito l’esempio.

L’entusiasmo dei clienti per questo tipo di ai “generativa” sta creando opportunità anche per i consulenti. Schweizer afferma che bcg ha già portato a termine centinaia di progetti con clienti che utilizzano questa tecnologia. Negli ultimi sei mesi, Accenture ha prenotato un lavoro di 1,1 miliardi di dollari per l’ai generativa. Gran parte di questo lavoro viene svolto in collaborazione con le aziende tecnologiche che sviluppano l’AIS. Accenture ha lavorato con Microsoft. A marzo la società di consulenza ha annunciato una partnership con Cohere, un costruttore di modelli di ai con cui anche McKinsey ha stretto un accordo. Bain ha stretto un’alleanza con Openai, il produttore di Chatgpt. bcg ha una collaborazione con Anthropic, un’altra azienda di ai.

Queste partnership sembrano una gradita fonte di crescita per i consulenti. Col tempo, però, potrebbero diventare un freno, soprattutto se hanno successo. Quanto più rapidamente i clienti aziendali si sentiranno a proprio agio con i chatbot, tanto più rapidamente potrebbero rivolgersi direttamente ai loro creatori nella Silicon Valley. In tal caso, i guadagni a breve termine ottenuti dalle grandi otto aziende con l’ai potrebbero portarle all’irrilevanza. Questo è un aspetto su cui tutti i cervelloni della strategia dovranno riflettere.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top