Economia

Creval, tutte le sportellate nel Credito Valtellinese

di

Cosa sta succedendo in Creval, la banca del Credito Valtellinese in piena riorganizzazione. Morgan Stanley azzera la sua partecipazione, si attendono i risultati preliminari 2019 e i sindacati sbuffano

 

E’ ancora tempo di riorganizzazioni in casa Creval. La storica banca del Credito Valtellinese, che nel 2016 è diventata società per azioni in seguito alla riforma delle Popolari, a febbraio 2018 ha avuto un aumento di capitale da 700 milioni – cui hanno partecipato 150mila soci – ed esattamente un anno dopo nuovi cambi al vertice con il presidente Luigi Lovaglio che è diventato amministratore delegato e direttore generale.

Insomma, non c’è dubbio che Creval sia in fase di turn around: prima l’aumento di capitale, poi il nuovo management con l’ad Lovaglio e la presentazione del nuovo piano industriale con gli obiettivi al 2021.

Da allora, dicono a Start Magazine fonti sindacali, il management sta mostrando un forte impegno e in particolare sta lavorando alla riorganizzazione interna e a un riposizionamento verso il retail con particolare riguardo alla bancassurance. Senza dimenticare le diverse operazioni di cessioni di Npl svolte in questi mesi: l’ultima, ribadita dall’ad lo scorso agosto, mira ad eliminare 800 milioni di Npl entro il 2020.

Intanto il prossimo appuntamento con la comunità finanziaria è per il 5 febbraio quando il consiglio d’amministrazione presenterà i risultati preliminari dell’esercizio 2019.

COSA SI MUOVE FRA GLI AZIONISTI

Nel frattempo qualcosa si è mosso pure sul fronte azionario.

Dalle comunicazioni periodiche fatte dalla Consob e datate 9 gennaio si apprende che Morgan Stanley ha azzerato la sua partecipazione, prima accreditata al 7,603%.

Da ricordare che Céedit Agricole possiede il 5% del capitale e, anche se ha sempre smentito, non è detto che in una fase successiva – magari quando la riorganizzazione sarà terminata – non possa decidere di aumentare la sua quota visto fra l’altro che ha la possibilità di salire fino al 9,9%.

Primo socio rimane dunque l’hedge fund russo Altera Absolut Investment con il 7,07%, seguito da Dgfd del finanziere francese Denis Dumont con il 5,43% e dal fondo Algebris di Davide Serra con il 5,28%.

I PROBLEMI EVIDENZIATI DAI SINDACATI

Il 20 gennaio le delegazioni del Credito Valtellinese dei sindacati di categoria – Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Uilca e Unisin – hanno incontrato l’ad Lovaglio per avere chiarimenti sui processi di riorganizzazione aziendale in corso. Le organizzazioni sindacali, al termine della riunione, hanno chiarito in una nota unitaria che Creval “continua a sostenere di non essere ancora entrata nella fase decisionale riguardante gli effetti sindacali del Piano” industriale “Sustainable Growth”, presentato lo scorso giugno, e che “non ha ancora inteso avviare la relativa procedura sindacale”. I sindacati ricordano però che “l’Azienda ha deciso di presentare la prossima formalizzazione delle ‘Direzioni Imprese PMI’ a livello territoriale” senza che però al momento ci siano “effetti sindacali, senza cioè conseguenze giuridiche, economiche e sociali per le lavoratrici e i lavoratori del Gruppo, che legittimino l’attivazione della relativa procedura sindacale”.

Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Uilca e Unisin evidenziano però che “il tempo trascorso dalla presentazione del nuovo piano industriale, senza l’avvio di un vero confronto sindacale caratterizzato da un pesante clima di disagio e di incertezza segnalato sia dai colleghi degli uffici interni sia da quelli in rete, portano il Sindacato a tenere alto il livello di monitoraggio e controllo sugli sviluppi in corso”. Per questo, le organizzazioni di categoria invitano i lavoratori del gruppo a “informarci costantemente su tutte le novità in corso ed eventuali disagi che si dovessero presentare, a partire dai colloqui promossi da diverse DT con i gestori POE/GIR, forti dell’appoggio di tutto il Sindacato, non escludendo il possibile coinvolgimento della Commissione Nazionale Politiche Commerciali e Organizzazione del Lavoro, nel caso dovessimo ravvisare la necessità di un approfondimento con Abi e Segreterie Nazionali per il corretto rispetto del ccnl e dei diritti delle colleghe e dei colleghi del Gruppo Creval”.

FUSIONE CON BPER?

Nel risiko delle fusioni bancarie di cui da tempo si parla è pure spuntato il nome di Creval per un possibile merger con Banca Popolare dell’Emilia-Romagna. Una possibilità – c’è da di dire – che viene esclusa dal piano industriale e che, secondo gli addetti ai lavori, attualmente non interesserebbe ai vertici dell’istituto di credito che puntano invece la loro attenzione sull’attività commerciale. Inoltre – si nota – stando all’odierna gestione interna, Creval non sarebbe in grado di affrontare una fusione.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati