skip to Main Content

Consumatori

La psicologia dei consumatori Usa è un problema per l’economia americana?

Sebbene i consumatori americani appaiano insoddisfatti, ciò non si traduce in una riduzione della spesa o in un prelievo di fondi dal mercato azionario. L'analisi di Julian Howard, Lead Investment Director delle soluzioni Multi Asset di GAM.

A partire dall’economia statunitense, è sorprendentemente difficile trovare notizie economiche negative. Nel quarto trimestre del 2023 l’economia è cresciuta a un robusto tasso annuo del 3,3% (fonte: Bloomberg), mettendo finalmente a tacere la recessione prevista da molti all’inizio del 2023. All’inizio di febbraio di quest’anno, il rapporto sui posti di lavoro non agricoli ha rivelato che a gennaio sono stati creati ben 353.000 posti di lavoro, mentre il tasso di disoccupazione si attesta sui minimi del 3,7%. Le retribuzioni orarie medie sono cresciute del 4,5% rispetto a un anno prima, garantendo agli americani una crescita dei salari reali dell’1,4% a fronte di un’inflazione dell’indice dei prezzi al consumo (CPI) del 3,1% nell’ultima lettura di gennaio (fonte: Bloomberg).

Oltre alla capacità di spesa derivante dai salari, la Federal Reserve di Boston ha concluso in un recente studio che i consumatori americani hanno ancora in tasca ben 200 miliardi di dollari da spendere grazie ai sussidi per la pandemia. Per completare il quadro positivo, la traiettoria di generale allentamento dell’inflazione ha visto i mercati prezzare un non irragionevole tris di tagli dei tassi d’interesse da parte della Federal Reserve entro la fine dell’anno, portando potenzialmente il tasso dei Fed Funds al 4,75%. Nel complesso, queste condizioni sono poco meno di quelle di Goldilocks, che descrivono un’economia in costante crescita con abbondanza di posti di lavoro, capacità di spesa individuale e prospettive equilibrate in termini di inflazione e tassi di interesse. Dal punto di vista del mercato azionario, tutto ciò dovrebbe essere utile anche per gli utili aziendali.

Un’eredità della pandemia? Si sta dimostrando difficile Make America Grin Again (M.A.G.A.)

L’infelicità dei consumatori sembra quindi “ingiustificata” di fronte a un’economia così forte e diventa ancora più misteriosa se si considera che sono stati proprio i consumi a guidare la recente crescita economica. La psicologia può avere un ruolo nella spiegazione di questa apparente dissonanza. Il concetto di adattamento edonico descrive come le persone che subiscono eventi estremi nella vita, siano essi tragici o trionfali, finiscano per ritornare dopo un certo tempo a uno “stato intermedio” di umore e sentimento. Questo potrebbe spiegare perché i consumatori statunitensi sono apparentemente così indifferenti a circostanze per le quali le loro controparti in altre economie sarebbero sicuramente grate. Ma questa teoria sembra poco convincente se si considera che l’economia americana Goldilocks è un fenomeno piuttosto recente. Nel gennaio del 2023, l’IPC negli Stati Uniti raggiungeva un incredibile 6,4%, con una crescita dei salari di appena il 4,6% (fonte: Bloomberg). La crescita dei salari ha iniziato ad avere la meglio sull’inflazione solo dopo la pandemia dell’aprile dello scorso anno, per cui lo “sticker shock” è ancora fresco nella mente della maggior parte delle persone.

Cosa prevede il Fmi

Allo stesso modo, il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha previsto, nel suo World Economic Outlook Update del gennaio 2023, che la crescita del PIL degli Stati Uniti per l’intero anno sarebbe stata solo dell’1,4%, mentre in realtà il PIL degli Stati Uniti ha registrato una crescita piuttosto vivace del 3,1% (fonte: Bloomberg). Tutto ciò suggerisce che il sentiment dei consumatori non ha avuto la possibilità di riprendersi dal trauma della pandemia, dai lock-down e dalle conseguenze economiche. Esortare i consumatori a “tirarsi su” ora che l’economia sta ricominciando a funzionare a loro favore sembra un po’ irrealistico. E naturalmente c’è un altro fattore influisce in questa situazione, ovvero la polarizzazione politica dell’America. Gli elettori repubblicani sembrano oggi consumatori particolarmente depressi, con sondaggi che li rivelano ancora più infelici di quando è scoppiata la pandemia nel 2020.

Gli investitori si preoccupano troppo per i consumatori statunitensi?

È vero che non si può fare molto per la politica in un anno elettorale e con Donald Trump in testa ai sondaggi rispetto a Joe Biden (secondo realclearpolling.com al 20 febbraio). Ma al di là della politica, gli investitori non dovrebbero preoccuparsi eccessivamente dello stato mentale dei consumatori statunitensi. Sebbene gli americani appaiano per il momento insoddisfatti della loro sorte, ciò non si traduce in una riduzione della spesa o in un prelievo di fondi dal mercato azionario a livello aggregato. L’inflazione rimane su una traiettoria di ampio raffreddamento e anche se si assestasse ora intorno al 3% o poco sotto, sembrerebbe molto più gestibile rispetto al picco del 9,1% raggiunto a metà del 2022 (fonte: Bloomberg). La capacità di spesa reale rimane oggi saldamente positiva e gli echi della pandemia si attenueranno sicuramente con il tempo (ricordate le mascherine?). Inoltre, gli ultimi sondaggi indicano una graduale ripresa del sentiment.

Gli investitori hanno ragione a prestare attenzione alle valutazioni troppo elevate dei mercati statunitensi, ma dovrebbero essere rassicurati dal fatto che i consumatori americani non stanno per diventare una fonte di debolezza. Anzi, insieme ai solidi utili del settore tecnologico, potrebbero addirittura contribuire a far proseguire il forte rally registrato dall’ottobre dello scorso anno. Nel frattempo, lasciamo che siano scontrosi ancora per un po’. Dopotutto, gli ultimi anni hanno fornito molte ragioni.

Back To Top