skip to Main Content

Vi spiego gli scazzi fra Palenzona e Sangalli in Confcommercio

Confcommercio

Che cosa è successo in Confcommercio viste le dimissioni del vicepresidente Palenzona? L’analisi di Mario Sassi

 

Chi mi segue ed è un po’ più in là con gli anni si ricorderà la pubblicità della Ferrero che, nel 1971, raccontava dei simpatici personaggi della “Valle Felice” che abitavano in uno sperduto villaggio immerso nel verde la cui letizia veniva turbata dalla presenza sempre più distruttiva di Jo Condor e della sua flotta di sgangherati avvoltoi.

Fortunatamente gli abitanti della Valle Felice potevano contare sull’aiuto di un Gigante buono che, al coro di “Gigante, pensaci tu, accorreva per ristabilire l’ordine e scacciare la sgradita presenza.

Troppo facile l’analogia con la taglia di Fabrizio Palenzona che, da vice presidente di Confcommercio, ben conscio dei rischi che una sostanziale mancanza di iniziativa sta  portando definitivamente su un binario morto l’intera Confederazione, ha deciso di presentare le sue dimissioni come scrive oggi Simone Gallotti sul Secolo XIX “In punta di piedi e senza sbattere la porta, raccontano i bene informati, animati soprattutto dalla volontà di gettare acqua sul fuoco. Però il risultato è che comunque l’addio di Fabrizio Palenzona ai vertici di Confcommercio è destinato a fare rumore. Il grande tessitore che ha regnato su autostrade, banche e aeroporti se n’è andato da quel ruolo, ha rassegnato le dimissioni da numero due di Carlo Sangalli, l’eterno presidente dell’associazione che ha iniziato non da molto il terzo mandato”. Su Alessandria Oggi l’interpretazione delle dimissioni è più caratterizzata.

Confcommercio è da tempo in difficoltà. I vertici delle quattro federazioni più importanti sono fuori dal massimo organo confederale (Federalberghi, Federmoda e adesso Conftrasporto). Resta FIPE certo per convinzione ma anche  per la lealtà che lega il suo Presidente, Lino Stoppani, allo stesso Carlo Sangalli. 

pastedGraphic.pngIl Presidente è ormai un po’ Ibraimovich, un po’ Handanovic per chi segue con passione il calcio. Chi sta intorno allo svedese è assalito dal dubbio se conviene o meno rinnovargli il contratto fatto fino ad oggi anche per tenere a bada uno spogliatoio irrequieto e desideroso di voltare pagina o accompagnarlo,  come nel caso dello sloveno, ad una pensione dorata  prima che gli errori in campo oscurino un passato glorioso.

Non conosco personalmente Palenzona ma, non è difficile condividere le ragioni alla base delle sue dimissioni. Sangalli e il suo inner circle hanno trasformato un sindacato di impresa in un centro studi. Qualche apparizione sui social e qualche impettito convegno per segnalare una presenza formale, sempre meno presente e attivo nei luoghi che contano.

Fabrizio Palenzona motiva in modo circostanziato le sue dimissioni da Vice Presidente. La barca fa acqua.

Non è tanto in discussione l’appartenenza a Confcommercio che non è certo all’ordine del giorno. Anzi. È proprio la volontà di proseguire insieme che spinge Palenzona a questo passo. È un grido di allarme, autorevole, non affatto scontato e che mira però  a non spaccare la Confcommercio.

Le dimissioni segnalano un disagio profondo che sta attraversando l’intera confederazione. E confermano una critica a tutto campo sulla gestione, sulla carenza di presidio politico e istituzionale, sulla mancanza di integrazione tra centro e periferia.

Credo che Carlo Sangalli, a differenza di parte del suo entourage, intraveda benissimo la necessità di un maggiore protagonismo e di assumere decisioni sul futuro della confederazione e che questo va fatto in tempi ragionevolmente brevi. Lo stesso arrivo promesso nel vertice confederale di Francesco Pugliese, CEO di Conad pur in ritardo sulla tabella di marcia per ovvie ragioni di equilibri interni e il coinvolgimento delle federazioni e delle associazioni più attive potrebbero consentire un’uscita positiva da questa che ormai si dimostra come una vera e propria crisi.

Se il futuro è visto come la riproposizione di un eterno presente non ci sarà alcuna svolta. E una decisione come quella assunta da Fabrizio Palenzona costituirà  una semplice seppure importantissima testimonianza di disagio. Staremo a vedere se la critica è destinata ad allargarsi o ad essere confinato in una categoria. 

(post tratto dal blog di Mario Sassi)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore