skip to Main Content

Russia Ferrovie

La Russia sta tirando su il commercio della Cina

Il commercio della Cina con l'estero è complessivamente debole, ma a settembre gli scambi con la Russia hanno raggiunto il valore più alto dal febbraio 2022. Tutti i dettagli.

A settembre il commercio tra Cina e Russia ha raggiunto i 21,18 miliardi di dollari, il valore più alto dal febbraio 2022, quando Mosca diede inizio alla guerra con l’Ucraina.

UNA COOPERAZIONE “SOLIDA”, DICE PECHINO

Sanzionata dall’Occidente, la Russia si è rivolta a est e ha trovato nella Cina, appunto, sia un mercato disposto ad acquistare petrolio, gas e cereali, sia un fornitore di beni non più accessibili altrove. Il mese scorso il ministro cinese del Commercio, Wang Wentao, ha detto che la cooperazione economica e commerciale tra Pechino e Mosca si è approfondita ed è diventata più “solida” sotto la “guida strategica” dei rispettivi presidenti, Xi Jinping e Vladimir Putin.

COME VA IL COMMERCIO CINA-RUSSIA

I dati dell’autorità doganale della Cina fanno sapere che il mese scorso le esportazioni cinesi in Russia sono cresciute del 21 per cento su base annua, a 9,6 miliardi di dollari. Ad agosto 2023 erano cresciute del 16 per cento rispetto all’agosto 2022.

Le importazioni dalla Russia, invece, sono cresciute dell’8 per cento rispetto a settembre 2022, a 11,5 miliardi di dollari.

COME VA IL COMMERCIO TOTALE DELLA CINA

Complessivamente, però, a settembre le esportazioni cinesi sono diminuite del 6,2 per cento su base annua, benché in miglioramento rispetto al calo più netto di agosto (-8,8 per cento). Le misure di sostegno governativo all’economia – la seconda più grande al mondo – sembra stiano dando qualche risultato, ma i problemi della Cina non sono scomparsi, a cominciare dalla crisi del suo vasto settore immobiliare. Per cercare di stimolare la crescita e raggiungere l’obiettivo annuale del +5 per cento, il governo sta pensando di emettere debito sovrano aggiuntivo per 1000 miliardi di yuan (circa 137 miliardi di dollari), che servirà a finanziare progetti infrastrutturali.

A settembre le importazioni cinesi di merci sono scese del 6,3 per cento, peggio di quanto previsto dagli analisti sentiti da Reuters (-6,0 per cento) ma meglio di agosto (-7,3 per cento).

Il mese scorso la Cina ha registrato un surplus commerciale di 77,7 miliardi: gli analisti si aspettavano un valore di 70 miliardi. Il surplus di agosto era ammontato a 68,3 miliardi.

Quanto alle materie prime, a settembre gli acquisti di petrolio greggio sono cresciuti di quasi il 14 per cento rispetto all’anno prima, ma le importazioni di rame sono diminuite del 5,8 per cento.

Back To Top