skip to Main Content

Assegni, bonifici e carte, come pagano gli italiani? Dossier Fabi

Carte Bonifici

L’articolo di Emanuela Rossi

 

Meno assegni, più bonifici e uso delle “carte di plastica”. È la fotografia scattata dalla Fabi che ha presentato un dossier sulle abitudini nei pagamenti degli italiani che in cinque anni, tra il 2015 e il 2020, hanno visto crescere sensibilmente (+17,7%) il numero di bancomat, carte di credito e prepagate per un totale di quasi 107 milioni di tessere. A spingere verso un maggiore utilizzo degli strumenti di pagamento dematerializzati, sottolinea il principale sindacato dei bancari, anche la pandemia che ha dato grande impulso agli acquisti online.

Nonostante i numeri in crescita, Lando Maria Sileoni, segretario generale della Fabi, evidenza che “in Italia le carte di credito e gli altri sistemi digitali non sono ancora particolarmente diffusi” sebbene siano “in crescita” e il Covid abbia “spinto l’aumento dei pagamenti digitali, riducendo quelli in contanti”. Al momento però nel nostro Paese ci sono ancora due problemi che frenano l’uso delle carte di plastica: uno è “demografico, perché la nostra popolazione è anziana e preferisce i contanti” e un altro è invece relativo al “gap digitale, particolarmente ampio nel Sud”.

COME PAGANO GLI ITALIANI?

Dallo studio effettuato dalla Fabi emerge che tra il primo semestre e il primo semestre del 2021 l’uso degli assegni si è quasi dimezzato: si è scesi da quota 67,4 milioni a 36,9 milioni, -45,2% ovvero 30,5 milioni in meno. Si è dunque abbassato notevolmente l’ammontare scambiato, da 131,3 miliardi a 81,1 miliardi, -38,2% ovvero 50,1 miliardi in meno.

Segno più, invece, per i bonifici che sono aumentati del 15,1% passando da 739,1 milioni di operazioni dei primi sei mesi del 2018 a 850,7 milioni dello stesso periodo dello scorso anno, +111,5 milioni. In leggero calo, invece, il valore delle operazioni: -353,3 miliardi da circa 3.871,1 miliardi a 3.517,6 miliardi (-9,1%).

Crescita ancora maggiore per le transazioni con carte bancomat che in tre anni sono salite di 508,4 milioni (+43,8%) da 1,1 miliardi a 1,6 miliardi per un valore che è passato da 64,3 miliardi a circa 79,1 miliardi, ovvero 14,7 miliardi (+22,8%).

I TIPI DI “CARTE DI PLASTICA” USATE

Scendendo nel dettaglio dei tipi di carte adoperate, si nota che a segnare il maggiore incremento sono le carte prepagate, salite tra il 2015 e il 2020 di 6,4 milioni di pezzi (+25,3%) da 25,4 milioni a 31,9 milioni. Al secondo posto tra le “carte di plastica” più presenti nei portafogli degli italiani ci sono quelle di debito (come il bancomat), passate da 51,2 milioni a 59,4 milioni (+15,9% ossia + 8,1 milioni di pezzi). A chiudere le classifica le carte di credito che in cinque anni sono aumentate solo – si fa per dire – del 10,1% arrivando a 15,3 milioni di tessere da 13,9 milioni.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore