.Economia, .Economia / Start up, Economia

Efficienza energetica: sia driver per innovazione e crescita

di

Efficienza energetica

Quello in efficienza energetica è un investimento dai ritorni (e dai margini) sicuri per il tessuto delle piccole e medie imprese italiane. Ecco perché serve una alleanza tra mondo delle imprese e fornitori di energia.

Efficienza energetica Vs Bolletta energetica

L’efficienza energetica è uno dei pochi rimedi ad un problema che da sempre penalizza il tessuto produttivo italiano, in particolare le PMI, proprio la parte più attiva e con le maggiori potenzialità: l’elevato costo dell’energia.

Utilizzare l’energia in maniera efficiente, in Italia, significa tagliare in modo significativo un costo che è altrimenti difficile da abbattere.

L’efficienza energetica laboratorio di innovazione

L’efficienza energetica è diventata anche per questo un vero e proprio “laboratorio di innovazione”. Il settore ha visto un rapido e vivace sviluppo di numerose tecnologie. Tecnologie spesso sostenibili non solo dal punto di vista ambientale, ma anche da quello economico.

Il quadro è completato da un quadro normativo favorevole – tra incentivi, sgravi fiscali e strumenti utili, come i certificati bianchi – che rende tecnologie già mature sotto il profilo tecnico appetibili anche da un punto di vista economico. L’arco temporale per il ritorno di questi investimenti, tra l’altro, è abbastanza ridotto (da uno a tre anni).

Il ruolo degli operatori privati

Un ruolo fondamentale nello sviluppo di una cultura dell’efficienza energetica è però svolto dagli operatori privati.

Spesso, la prima barriera che si incontra in un processo di efficentamento energetico è proprio la consapevolezza dei propri margini di miglioramento. Questo vale per i privati quanto per le medie aziende.

Per questo hanno una importanza strategica iniziative tese a creare una “cultura dell’efficienza energetica” diffusa.

E’ fondamentale far conoscere alle pmi le grandi potenzialità di crescita e risparmio che si possono ottenere perseguendo politiche di efficientamento. Riducendo infatti i consumi, si potrebbero non solo avere bollette più piccole, con risorse da investire per lo sviluppo interno, ma si potrebbe anche ridurre notevolmente l’inquinamento ambientale.

Si tratta di una vera e propria alleanza tra aziende ed operatori energetici, un “circolo virtuoso” che ruota intorno al tema dell’efficienza energetica, ma che costituisce un importante driver per innovazione tecnologica e crescita economica.

Efficienza energetica, un primato da difendere

Una alleanza del genere deve nascere (o rafforzarsi, laddove è già nata) il prima possibile, soprattuto perché l’Italia in questo campo può vantare un primato. Tecnologico e competitivo.

L’italia può ambire ad essere un laboratorio per l’efficienza energetica. Alle nostro best practice l’Europa potrebbe ispirarsi, mutuando e rafforzando un modello che sostiene (oltre al risparmio) innovazione, ricerca, sviluppo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati