skip to Main Content
ads

Ecco come Uber sta facendo pace con i taxi

Uber Taxi

Uber ha concluso un accordo per integrare nella sua app anche i taxi, circa 14mila, di New York. Tutti i dettagli sull’intesa e cosa succede in altri Paesi

 

Dopo anni di rivalità, pace fatta tra Uber e i tassisti di New York.

La piattaforma di ride sharing di San Francisco integrerà due app di taxi, gestite da Curb e Creative Mobile Technologies, consentendo così agli utenti di prenotare corse in taxi a New York City nell’app Uber. Lo hanno annunciato giovedì le società. A riportare la notizia per primo il Wall Street Journal.

Uber ha dichiarato che prevede di lanciare la funzione entro la fine della primavera.

“Segna una svolta significativa per Uber, che ha dovuto affrontare l’opposizione delle compagnie di taxi sin dalla sua fondazione nel 2009″ segnala Cnbc.

L’accordo annunciato giovedì arriva nel contesto di più città che si stanno muovendo per regolamentare la crescita esplosiva di Uber e altri servizi di corsa basati su app, tra cui New York City, che ha posto un limite temporaneo alle nuove licenze per i servizi di ride-hailing nel 2018.

Negli ultimi anni Uber ha incorporato i tassisti di tutto il mondo nel suo sistema. Come ricorda Ap, in Spagna la compagnia ha integrato i taxi a Madrid, Malaga, Valencia e Barcellona. Ha collaborato in Colombia con TaxExpress, che ha più di 2.300 conducenti attivi. La metà di tutti i viaggi in taxi Uber in America Latina provengono dalla partnership TaxExpress in Colombia. Uber ha anche rapporti con software di taxi e operatori in Austria, Germania, Turchia, Corea del Sud e Hong Kong.

Tutti i dettagli.

LA PARTNERSHIP TRA I TAXISTI DI NYC E UBER

L’accordo, che entrerà in vigore entro la prossima primavera, significa che circa 14.000 taxi potranno ricevere richieste di viaggio dai clienti Uber.

Dopo un periodo in cui le attese per una corsa Uber si sono allungate a causa della carenza di conducenti, la partnership aumenterà il numero di corse disponibili e consentirà ai tassisti di New York di accedere a un enorme pool di pendolari con un’app Uber sui loro telefoni.

COME FUNZIONERÀ LA PARTNERSHIP

Chiunque abbia l’app Uber avrà accesso a migliaia di taxi gialli che operano sulla piattaforma CMT/Arro.

“Uber ha una lunga storia di partnership con l’industria dei taxi per fornire ai conducenti più modi per guadagnare e ai passeggeri un’altra opzione di trasporto. Le nostre partnership con i taxi hanno un aspetto diverso in tutto il mondo e siamo entusiasti di collaborare con le società di software per taxi CMT e Curb, che andranno a vantaggio dei tassisti e di tutti i newyorkesi”, ha commentato Andrew Macdonald, vicepresidente senior, Mobility and Business Operations di Uber.

Inoltre l’accordo arriva anche quando Uber, Lyft e altre società di servizi di trasporto sono alle prese con una carenza di conducenti. Dopo l’impatto della pandemia sui viaggi, le compagnie di trasporto hanno faticato a riportare i conducenti ai livelli pre-Covid, il che ha reso le corse più costose.

IL COSTO?

I passeggeri pagheranno la stessa tariffa per le corse in taxi che pagherebbero per un viaggio con Uber X, ha affermato la compagnia.

Come spiega The Verge, “A differenza dei conducenti di Uber, i tassisti vedranno i guadagni previsti prima di un viaggio, il che significa che possono rifiutare le corse se non pensano che ne valga la pena. Uber riceverà una riduzione delle tariffe che i tassisti guadagnano dalla sua piattaforma”. (L’aliquota fiscale globale media di Uber è del 20%, secondo il suo rapporto sugli utili più recente.)

LE CONSEGUENZE PER CURB

Curb, che offre un’app di ride-hailing per taxi autorizzati e viaggi a noleggio in Nord America, ha affermato che il nuovo accordo con Uber inizierà a New York City, ma che la partnership si espanderà alla sua rete nazionale nei prossimi mesi.

I conducenti sulla piattaforma Curb potranno ricevere e accettare offerte di viaggio Uber attraverso i loro sistemi esistenti a bordo del veicolo, oltre alla domanda di app Curb e ai tradizionali messaggi stradali.

E QUELLE PER CREATIVE MOBILE TECHNOLOGIES

Creative Mobile Technologies ha dichiarato giovedì che i tassisti sulla sua piattaforma, che include l’app per taxi Arro, avranno accesso alla base di clienti di Uber, offrendo loro l’opportunità di un volume maggiore di viaggi e maggiori entrate.

Creative Mobile ha affermato che una versione beta per i taxi sarà lanciata questa primavera e raggiungerà il grande pubblico quest’estate.

IL COMMENTO DEGLI ANALISTI

Un analista del settore che segue da vicino Uber è arrivato al punto di definire il matrimonio di concorrenti di lunga data “puro genio”, riporta Ap. Uber non aveva autisti a New York City e ai tassisti mancava l’attività a causa della popolarità delle app di chiamata.

Come sottolinea The Verge, “New York City è stata per anni un campo di battaglia per la guerra di Uber con l’industria dei taxi. L’arrivo dell’azienda in città un decennio fa ha innescato un lento declino del business dei taxi gialli”.

“Penso che si siano resi conto che entrambi hanno bisogno l’uno dell’altro a breve termine”, ha affermato Bill Selesky, analista senior di Argus Research.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore