Advertisement skip to Main Content

Project Apollo

Cos’è il Project Apollo? Meta ora vira sull’abbonamento?

Il colosso di Mark Zuckerberg verso l'abbonamento? Non dei suoi social o di WhatsApp, ma dei software per il suo visore VR. Cosa sappiamo su Project Apollo

Come spiegavamo qualche giorno fa, il metaverso del Gruppo di Menlo Park non sembra riuscire a sfondare: tanto che Meta ha fissato in 500.000 utenti attivi mensili come obiettivo nella prima metà del 2023 ma attualmente il numero è inferiore alle 200.000 unità, col principale problema rappresentato dal “retention rate”: solo l’11% degli utenti ritorna in Horizon Worlds il mese successivo. L’obiettivo per quest’anno è raggiungere il 20%. Nonostante questo, Meta Quest ha venduto quasi 20 milioni di pezzi: abbastanza per convincere Mark Zuckerberg a cercare introiti extra, soprattutto in un simile periodo di tagli. E lì si incastonerebbe il curioso e vociferato Project Apollo.

 

COSA SAPPIAMO SU PROJECT APOLLO?

Ufficialmente, non esiste, ma un leak, ovvero una falla aziendale, sembrerebbe aver rivelato Meta Quest Pass, un servizio in abbonamento per il visore VR che, stando alle informazioni emerse, consentirebbe di scaricare senza costi aggiuntivi fino a due giochi o applicazioni al mese, disponibili nella libreria fintanto che la sottoscrizione è attiva.

Sarebbe quello che dalle parti di Menlo Park è soprannominato Project Apollo, proprio al fine di garantire massima segretezza. Tuttavia il servizio è stato scovato ugualmente grazie ad alcuni riferimenti presenti nell’applicazione Android di Meta Quest, che pare tuttavia siano stati ritrovati anche nell’app iOS, e soprattutto questo darebbe massima attendibilità alla fuga di notizie.

UN SERVIZIO ANALOGO A PLAYSTATION PLUS

Per la precisione, alcuni utenti hanno trovato nel software stringhe testuali del calibro di: “Ottieni fino a due nuovi giochi o applicazioni ogni mese con Project Apollo” e ancora “Accedi ogni mese per riscattare le tue app e fai crescere la tua libreria con i più entusiasmanti titoli in VR” o “Goditi nuove app il giorno in cui ti abboni. Ricevi un facile accesso al meglio della VR Riscatta e installa per giocare subito Riscatta le tue app prima della fine del mese, e mantieni l’accesso alle tue app finché rimarrai abbonato.”

Descrizioni trafugate che paiono configurare un servizio in abbonamento simile a PlayStation Plus e di Xbox Live Gold. Sony e Microsoft non amano condividere i dati dei loro abbonamenti, specie quelli monetari, ma è indubbio che fidelizzare l’utenza in cambio di software immateriale rappresenti per i gestori delle piattaforme una fonte di guadagno facile e senza troppi costi di gestione.

 

Back To Top