skip to Main Content

Agenzia per la cybersicurezza: chi sono i nove super esperti

Coro Cyberint

Gli esperti del comitato tecnico scientifico dell’Agenzia per la cyber security rappresentano il mondo dell’industria (Leonardo, Accenture, Ibm, Intesa Sanpaolo, Elettronica) e della ricerca (Polimi, Cnr, Luiss). Ecco nomi e curricula

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega alla Sicurezza nazionale, Franco Gabrielli ha firmato il decreto di nomina dei 9 membri del Comitato tecnico scientifico dell’Agenzia per la Cybersicurezza nazionale (Acn).

IL COMITATO DEI NOVE: AZIENDE, UNIVERSITÀ E ASSOCIAZIONI

Il comitato dei nove è così composto: quattro membri in rappresentanza delle aziende che lavorano del settore dell’Agenzia, quattro nomine in rappresentanza dell’Università e un esponente di associazioni del settore della sicurezza delle aziende strategiche del Paese. Fanno parte del primo gruppo: Domitilla Benigni di Elettronica SpA, Paolo Dal Cin, Global Lead di Accenture Security, Massimo Enrico Proverbio, Chief IT Digital & Innovation Officer di Intesa Sanpaolo e Franco Ongaro, Chief Technology & Innovation Officer del gruppo Leonardo. Arrivano dal mondo accademico Marco Conti, direttore dell’Istituto di informatica e telematica del Consiglio nazionale delle ricerche e responsabile del Registro.it, Alessandro Curioni, Vice Presidente Europa e Africa e Direttore del Laboratorio di Ricerca Ibm di Zurigo e Global Research VP Ibm in Security e in Future of computing, Paola Severino, Vicepresidente dell’Università Luiss Guido Carli e Direttore della Scuola Nazionale dell’Amministrazione e Donatella Sciuto, ordinario di Ingegneria informatica al Politecnico di Milano e dal 2015 Prorettore vicario con delega alla ricerca. Infine nel CTS sarà presente, in qualità di esponente di associazioni del settore della sicurezza delle aziende strategiche del Paese, Andrea Chittaro, quale Presidente pro tempore dell’Associazione Italiana Professionisti della Security Aziendale (AIPSA).

DOMITILLA BENIGNI: UNA DELLE 50 DONNE PIÙ INFLUENTI NELLA CYBERSICUREZZA

La prima professionista nominata è Domitilla Benigni, amministratore delegato della Elettronica SpA e presidente della Cy4Gate SpA. Laureata in ingegneria elettronica all’Università La Sapienza con un Master in Business Plan Training alla Bocconi, Domitilla Benigni è entrata in Elettronica nel 1996. Figlia di Enzo Benigni, Presidente e CEO di Elettronica, gestisce l’azienda di famiglia fondata nel 1951 e della quale la sua famiglia è azionista di maggioranza. È tra i membri fondatori di Women4cyber una Fondazione Europea che, insieme ad altre 30 donne key players europee, lavora per l’inclusione delle donne nel mondo cyber. È stata definita da Forbes e SC Media una delle 50 donne europee più influenti in materia di cybersecurity.

PAOLO DAL CIN: IL MANAGER ORA IN ACCENTURE

Paolo Dal Cin è Senior Managing Director, Europe Security Lead di Accenture e dal 1° maggio 2022 è diventato responsabile di Accenture Security a livello mondiale. Da questa posizione coordina oltre 16.000 esperti di cybersecurity. Paolo Dal Cin, entrato in Accenture nel 2003, si è occupato dello sviluppo delle business unit di cybersecurity di Accenture in Italia, Europa Centrale, Grecia Medio Oriente e America Latina. Si è laureato in Informatica all’Università di Udine e ha conseguito il Master in Information Security all’ateneo di Milano ed è ISO270001 Lead Auditor. Tra il 2005 e il 2011 ha ricoperto ruoli di professore dell’Università di Milano, di Modena e Reggio Emilia e dell’Università di Udine.

MASSIMO ENRICO PROVERBIO: DA ACCENTURE A INTESA SAN PAOLO

Massimo Enrico Proverbio è Chief IT Digital & Innovation Officer di Intesa Sanpaolo. Di origine sudafricana, dopo la Laurea in Ingegneria presso il Politecnico di Milano, nel 1985 entra in IBM con il ruolo di system engineer. Nel 1988 passa ad Accenture Italia e diventa responsabile di progetti in ambito banche e poi, sempre con Accenture, si trasferisce a lavorare in Belgio, Ungheria e Sud Africa dove si occupa di progetti di architettura dei sistemi informativi, trasformazione informatica e pianificazione di progetti di merger. Massimo Enrico Proverbio prosegue nella costruzione della sua carriera in Accenture specializzandosi in progetti di Digital transformation del settore banking, di cui dal 2003 diviene responsabile in Italia, dal 2007 diventa responsabile del settore Financial Services in Italia, Europa Centrale, Russia, Grecia, Turchia e Medio Oriente ed entra nel Comitato Esecutivo di Accenture Italia e di Accenture Financial Service Europa e America Latina e nel 2012 diventa Senior Managing Director di Accenture. Nel dicembre 2017 lascia Accenture ed entra in Intesa Sanpaolo.

FRANCO ONGARO: L’UOMO DI LEONARDO

Dallo scorso febbraio Franco Ongaro è il Chief Technology and Innovation Officer di Leonardo. Laurea in Ingegneria Aeronautica presso il Politecnico di Milano, nel 1987 entra nella European Space Agency (ESA), per lavorare al progetto Columbus e nel 1988 si è trasferito all’Estec come capo dell’unità Columbus Payload Interfaces. Il manager ha ricoperto diverse posizioni in ESA. Tra queste, ha iniziato i programmi Aurora e Iris, come capo dell’Advanced Concepts and Technology Planning Department, dove ha lanciato il primo Piano Tecnologico a lungo termine per l’Esa. Dal 2007 è stato responsabile della preparazione e dell’implementazione del programma Iris, per lo sviluppo di un componente ‘satcom’ per la gestione del traffico aereo. Nel 2009 è diventato Capo del dipartimento Tecnologie, prodotti e sistemi di telecomunicazione presso la direzione Telecomunicazioni e applicazioni integrate di Estec.  Dal 1994 al 2009 è stato docente presso il politecnico di Milano per il corso di Spacecraft Design. Il 1° aprile 2011 è diventato Direttore del Technical and Quality Management (D/TEC) presso Estec e, dal 1° gennaio 2017, Direttore del Technology, Engineering and Quality.

IL COMMENDATORE E SCIENZIATO MARCO CONTI

Marco Conti, direttore dell’Istituto di informatica e telematica del Consiglio nazionale delle ricerche e responsabile del Registro.it. Ha sviluppato la sua carriera nel top management del CNR: dal 2012 al 2016 è stato il direttore del dipartimento CNR “Ingegneria, ICT e Tecnologie per l’Energia e i Trasporti”, e dal 2016 al 2019 è stato consigliere scientifico del CNR per l’area ICT (Information and Communication Technologies). Nel 2017 è stato incluso nella lista “2017 Highly Cited Researchers” compilata da Clarivate/Web of Science, in quanto classificato tra i ricercatori più citati a livello mondiale (top 1%) per l’area “computer science” e, conseguentemente, da marzo 2018, è membro del “Gruppo 2003 che raggruppa gli scienziati italiani che lavorano in Italia e figurano negli elenchi dei ricercatori più citati al mondo nella letteratura scientifica. Nel dicembre del 2018 il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, l’ha insignito dell’onorificenza di Commendatore.

CHI E’ ALESSANDRO CURIONI

Alessandro Curioni è un Ibm Fellow, Vice-President Europa e Africa nonché Direttore del Laboratorio di Ricerca Ibm di Zurigo e Global Research VP Ibm in Security e in Future of computing. Il prof. Curioni è una autorità internazionale nel campo dell’high-performance computing e della computational science. Ha fondato DI.GI Academy, azienda specializzata nella formazione e nella consulenza nell’ambito della cybersecurity, è membro dell’Organismo di Vigilanza Ex D.Lgs. 231Membro Organismo di Vigilanza Ex D.Lgs. 231, Consulente tecnico-scientifico Leonardo Cyber & Security Academy e Docente a contratto del corso «Sicurezza dell’informazione» presso l’Università Cattolica di Milano. Nel 2013 e nel 2015 ha ricevuto il Gordon Bell Prize. È, inoltre, uno scrittore: ha scritto “Il giorno del bianconiglio” il primo romanzo di una serie che ha come protagonista l’esperto di cybersecurity Leonardo

L’EX MINISTRO PLURIDECORATO PAOLA SEVERINO

Paola Severino è la Vicepresidente dell’Università Luiss Guido Carli e Direttrice della Scuola Nazionale dell’Amministrazione. La prof.ssa Severino ha nel suo passato anche la politica: dal 2011 al 2013 è stata Ministra della giustizia del Governo Monti. Dopo aver conseguito la laurea con lode presso l’Università La Sapienza ha iniziato la sua carriera come ricercatrice in diritto penale collaborando anche con l’ex ministro di grazia e giustizia Giovanni Maria Flick. Da avvocato è stata la legale Romano Prodi nel processo sulla vendita della Cirio, di Salvatore Buscemi nel processo per la strage di via d’Amelio, di Cesare Geronzi per il crac della Cirio e ha rappresentato l’Unione delle comunità ebraiche italiane nel processo al nazista Erich Priebke. Dalla primavera 2021 è coordinatrice del Comitato scientifico per il futuro dell’Europa all’interno dell’Ufficio Rapporti con l’Unione Europea della Camera dei Deputati. Ha tre onorificenze: Cavaliere di gran croce dell’Ordine al merito della Repubblica italiana, Medaglia d’Oro Shahamir Shahamiryan e Cavaliere dell’Ordine della Legion d’onore.

DONATELLA SCIUTO, DA LAUREATA PIÙ GIOVANE A PRORETTORE DEL POLITECNICO DI MILANO

Donatella Sciuto è ordinario di Ingegneria informatica al Politecnico di Milano e dal 2015 Prorettore vicario con delega alla ricerca. La Professoressa Sciuto, dopo aver conseguito una laurea in Ingegneria Elettronica, nel 1984 viene premiata come più giovane laureata del Politecnico di Milano.  Arricchisce il suo curriculum accademico con un Master in Business Administration, Scuola Direzione Aziendale all’Università Bocconi e un PhD in Electrical and Computer Engineering presso l’University of Colorado. Ha collezionato una serie di incarichi: Consigliere superiore della Banca d’Italia, Reggente della Sede di Milano della Banca d’Italia, Membro del Consiglio Scientifico di Fondazione Ansaldo, Finmeccanica, Esperto MIUR per la valutazione dei progetti di Ricerca Industriale e Prorettore delegato di Ateneo, Politecnico di Milano. La sua attività di ricerca si è svolta principalmente nell’ambito delle metodologie di progettazione delle architetture di calcolatori considerando problematiche relative a prestazioni, consumo energetico e sicurezza. È coautrice di oltre 300 articoli scientifici su riviste e conferenze internazionali. È membro dei consigli di amministrazione di STMicroelectronics e dell’Istituto Italiano di Tecnologia.

ANDREA CHITTARO: EX CARABINIERE E PRESIDENTE DI AIPSA

Andrea Chittaro è il Presidente pro tempore dell’Associazione Italiana Professionisti della Security Aziendale (AIPSA). Andrea Chittaro ha iniziato la sua carriera come Ufficiale dell’Arma dei Carabinieri nel 1986. Si è occupato di ordine pubblico, criminalità organizzata, eversione interna ed internazionale. Dal luglio 2010 è entrato a far parte del Gruppo Snam dove ha assunto il ruolo di Senior Vice President e dirige il Dipartimento Global Security & Cyber Defence. È docente e membro del Comitato Scientifico presso il Master in Homeland Security dell’Università Campus Biomedico e presso il Corso di formazione per professionisti della Security Aziendale dell’Università Vita e salute S. Raffaele di Milano. È, inoltre, chairman del GIE (Gas Infrastrucure Europe) Security Study Group, ed è membro del Tematic Network on Critical Energy Infrastructure Protection nell’ambito della Direzione Generale per l’energia della Commissione Europea. Dal giugno 2018 è Presidente di AIPSA, l’Associazione Italiana Professionisti della Security Aziendale che riunisce oltre 600 aziende e persone operanti nei diversi ambiti specialistici della sicurezza in azienda.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore