.Tecnologia / Innovazione, Innovazione

Il futuro delle tv hi-tech? Non è il plasma

di

 

 

Le tv al plasma sembrano prossime alla pensione. Dopo Panasonic e Samsung, anche LG ha annunciato che ne abbandonerà la produzione. La compagnia si concentrerà sui televisori Lcd e sugli Oled, puntando in particolare alla nuova tenenza degli schermi curvi, grandi, sottili e dalla altissima risoluzione.

Il colosso sudcoreano terminerà di produrre tv al plasma, di cui è diminuita la domanda, a fine novembre, proprio come la conterranea Samsung.

A far calare il sipario sulla tecnologia al plasma sono state le tecnologie rivali per le tv a schermo piatto a cristalli liquidi (Lcd), su cui negli ultimi anni si sono registrati ingenti investimenti in ricerca. Se per diverso tempo il plasma era stato considerato il miglior sistema per i televisori grandi, da oltre 40 pollici, adesso queste misure vengono raggiunte dagli schermi a cristalli liquidi, che hanno alte risoluzioni, peso inferiore e un minor consumo energetico. 

Accanto all’Lcd c’è poi la tecnologia Oled, acronimo inglese che sta per ‘diodo organico a emissione di luce’. A differenza dei cristalli liquidi, emettono luce propria e non hanno bisogno di una fonte di illuminazione esterna, consentendo di produrre display molto sottili, curvi e addirittura pieghevoli o arrotolabili.

A presentare il primo schermo curvo Oled per un televisore è stata proprio Lg nel corso del 2013. Sempre l’anno scorso, al CES di Las Vegas, Sony e Panasonic avevano svelato le prime tv Oled 4K, ovvero Ultra HD, lo standard delle tv digitali che prende il nome dai suoi circa 4mila pixel orizzontali di risoluzione.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati