.Economia, Economia

Facebook, trimestrale da record. Ma il successo è solo momentaneo

di

Facebook

Facebook fa registrare una trimestrale da record, ma il titolo crolla in borsa. Preoccupazioni sul futuro del Social

Facebook Inc. batte le attese degli analisti, con utili che volano a 2,3 miliardi. Un grande successo, però, che si tinge di negativo: il titolo crolla in borsa, dopo che i dirigenti hanno ammesso che sarà difficile ripetere le prestazioni. Ma partiamo dall’inizio.

Facebook oltre le attese

Il successo di Facebook sembra inarrestabile. Il social di Mark Zuckerberg, che conta oltre 1,5 miliardi di persone iscritte, ha chiuso il terzo trimestre 2016 con un aumento dell’utile e dei ricavi, battendo tutte le stime degli analisti. In particolare, i profitti hanno toccato quota 2,379 miliardi di dollari, in aumento del 166% rispetto ai 896 milioni dello stesso periodo del 2015.

Secondo i dati diffusi, l’utile per azione è passato a 1,09 dollari da 0,57 dollari, meglio delle stime di 0,97 dollari per azione.

Crecsono anche gli utenti attivi: su base giornaliera sono stati in media 1,18 miliardi (+17% annuo).

Difficile ripetere prestazioni. E il titolo crolla

Il grande successo, però, non si riflette in borsa. Come scrive Bloomberg, infatti, le azioni del social sono crollate, perdendo fino all’8,5% nella giornata di mercoledì 2 novembre. A preoccupare i mercati sono stati alcuni commenti che non fanno ben sperare sul futuro della piattaforma.

Facebook

Mark Zuckerberg, Ceo Facebook

Lo Chief Financial Officer di Facebook, David Wehner, ha anticipato che i tassi di crescita dei ricavim il prossimo anno, scenderanno significativamente, dal momento che la società non potrà aumentare la percentuale di annunci pubblicitari che gli utenti di Facebook possono vedere sulle bacheche. 

Non solo. Sempre secondo quanto affermato da Wehner, il prossimo anno aumenteranno le uscite, perchè il social network lavorerà per costruire nuovi centri dati e recluterà i migliori ingegneri.

Bloccando l’aumento di annunci, avremo un rallentamento delle entrate”, ha detto Wehner. E gli annunci sono “stati uno dei fattori chiave per la crescita”. La pubblicità, infatti, fornisce oltre il 97% delle entrate del social network. Facebook sta investendo, al momento, su realtà virtuale e messaggistica mobile, settori che non potranno generare entrate per anni.

Lo stop all’aumento degli annunci pubblicitari è doveroso per evitare che gli utenti si allontanino, visualizzando sulla bacheca più annunci pubblicitari che notizie di amici e parenti.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati