.Economia, Economia

Facebook At Work, il servizio destinato alle aziende

di

Facebook at Work

Cresce il mercato delle carriere online e Facebook vuole farne parte con una nuova piattaforma chiamata Facebook At Work

Facebook punta al mondo del lavoro con una nuova piattaforma. Secondo quanto riportato da Reuters, il social network più celebre al mondo è pronto a lanciare nei prossimi mesi dopo un anno di test un servizio destinato al mondo del lavoro che prende il nome di Facebook At Work.

Il nuovo servizio avrà un funzionamento quasi identico del classico social network, disponendo del tasto “mi piace” e della funzione di messaggistica. Citato dall’agenzia Julien Codorniou, direttore delle partnership di Facebook dichiara: «Direi che il 95 per cento di quello che abbiamo sviluppato per Facebook è adottato anche su Facebook at Work». Il servizio sembra essere pensato soprattutto per le reti aziendali e si muoverà in parallelo rispetto alla solita piattaforma.

Gli utenti avranno infatti dei profili speciali distinti da quelli già attivi e disattivate alcune applicazioni che potrebbero distrarre i dipendenti sul posto di lavoro. «Non si può giocare Candy Crush su Facebook at Work» aggiunge in funzionario di Facebook. Una volta lanciato il servizio sarà aperto a tutte le aziende e offrirà a pagamento –un paio di dollari per utente – dei servizi premium come analisi e assistenza clienti. Il servizio è in Beta Testing dal mese di gennaio ed è accessibile in modo gratuito solo su invito.

Intanto cresce il numero delle aziende che ha scelto di utilizzare Facebook per velocizzare le attività sul posto di lavoro. Più di 300 aziende tra cui Heineken, Royal Bank Of Scotland e da ultimo Club Mediterranee avrebbero già sperimentato la funzione Facebook at Work.

La nuova piattaforma si aggiunge così al ricco mercato delle carriere online. Secondo la ricerca di mercato di IDC piattaforme destinate al mondo professionale come Linkedin o Monster hanno generato un volume di 6 miliardi di dollari, una ricca torta che Zuckerberg & Co. hanno intenzione di assaggiare.

Articoli correlati