Mobilità

Non solo Unipol. Tutte le prossime mosse delle assicurazioni su Rc auto

di

rc auto

Sulla scia della decisione di Unipol, l’associazione delle assicurazioni Ania prefigura novità sulla Rc auto da parte anche delle altre compagnie. Tutti i dettagli

 

Il lockdown ha costretto al fermo forzato anche numerose auto e moto, mentre il costo dell’Rc auto corre. È per questo questo il Senato ha approvato un emendamento che darebbe la possibilità, ai cittadini di sospendere l’assicurazione per i mezzi che restano fermi. Non solo: sorprese in arrivo anche dalle compagnie assicurative, che stanno studiando iniziative per restituire alla collettività il beneficio derivante dal calo della frequenza dei sinistri in questo periodo. Mf/Milano Finanza ha ipotizzato “voucher per sottoscrivere altri tipi di coperture assicurative”. Il Corriere della Sera “di sconti e bonus sulle polizze di auto e moto”.

Tutti i dettagli.

SORPRESE PER RC AUTO DALLE ASSICURAZIONI

Partiamo dagli ultimi annunci. Secondo quanto comunicato da Ania, le assicurazioni prefigurano novità. “Nel settore della Rca, oltre alle facilitazioni introdotte dalle recenti normative, le Compagnie metteranno in campo delle iniziative specifiche, studiate in piena autonomia, per restituire alla collettività il beneficio derivante dal calo della frequenza dei sinistri in questo periodo”, si legge in una nota di Ania, associazione fra le Imprese assicuratrici presieduta da Maria Bianca Farina.

COMPAGNIE ASSICURATIVE IMPEGNATE PER SOSTEGNO ECONOMIA

“Certamente la battaglia più impegnativa sta per spostarsi sul fronte del rilancio della nostra economia e le compagnie assicurative, che gestiscono gran parte del risparmio delle famiglie italiane, non potranno che rafforzare il loro impegno per sostenere lo sviluppo dell’economia reale e le iniziative cardine per la ripartenza del Paese”, spiega Ania, aggiungendo di aver “attivato, con i propri associati, gruppi di lavoro su specifiche aree appositamente identificate per la ripartenza, con l’obiettivo di presentare proposte concrete alle istituzioni”.

“Il comparto assicurativo ha garantito, fin dai primi giorni dell’emergenza, iniziative a sostegno del sistema sanitario nazionale, della Protezione Civile, delle comunità e del Paese”, aggiunge Ania.

“Contemporaneamente – continua l’associazione – è stata data attenzione alla tutela della salute dei propri dipendenti e delle reti agenziali mettendo in sicurezza i luoghi di lavoro anche per garantire continuità di servizio ai clienti. Sono stati predisposti tempestivamente, con i tempi adeguati alla situazione di emergenza, prodotti e servizi specifici per la protezione di famiglie, imprese e lavoratori dagli impatti del Covid-19 nonché una serie di agevolazioni per i settori e gli assicurati in maggiore difficoltà”.

LE IPOTESI

Mf/Milano Finanza ha ipotizzato “voucher per sottoscrivere altri tipi di coperture assicurative”. Il Corriere della Sera “di sconti e bonus sulle polizze di auto e moto”.

UNIPOL RESTITUISCE UN MESE DI POLIZZA

Tornando alle Rc auto, nel particolare, non è dato ancora sapere quale siano le diverse iniziative che verranno messe in campo.

Qualche giorno fa, però, Unipol ne ha dato un’anticipazione. La compagnia assicurativa, infatti, ha promesso la restituzione ai suoi 10 milioni clienti (fonte: Mf) di un mese di polizza Rc auto in fase di rinnovo della polizza, ha fatto notare Mf/Milano Finanza. “Ci siamo dovuti fermare. Tutti quanti. Da un mese stop al lavoro, allo sport, alla nostra vita di tutti i giorni. Motori spenti e macchine che si usano poco o niente. Per questo UnipolSai ha deciso di restituirti un mese di polizza Rc auto. Un piccolo contributo perché la voglia di dare una mano, quella, nessuno la può fermare”, ha annunciato il gruppo, che è peraltro concentrato essenzialmente in Italia rispetto ad altri gruppi e che è leader nel settore danni. Per ottenere il bonus, basterà collegarsi al sito della compagnia per richiedere un voucher del valore di un mese del premio RCA pagato.

QUANTO PERDONO GLI AUTOMOBILISTI

L’iniziativa di Unipol e le prossime novità che saranno decise in maniera autonoma dalle altre compagnie in arrivano hanno un loro perché. Il lockdown imposto del governo, dal 10 marzo al 3 maggio compreso, infatti, secondo un’analisi oggi di Repubblica, “corrispondono a 54 giorni di contratto pagati a vuoto: considerando il costo medio di un contratto, pari a 404 euro, ogni automobilista perde in questi giorni 59,4 euro per il mancato utilizzo del proprio mezzo”.

L’EMENDAMENTO

A farsi carico della questione è stato anche il governo italiano. Il Senato ha approvato un emendamento, nell’ambito della conversione del DL n.18 del 17 marzo 2020 attualmente in discussione, che prevede la possibilità per tutti gli automobilisti italiani la possibilità di sospendere, fino al 31 luglio, l’Rc auto o moto in corso di validità. La polizza subirebbe, secondo le norme, un allungamento della durata della stessa per un periodo pari ai giorni di interruzione.

CHI PUO’ SOSPENDERE LA POLIZZA

La possibilità della sospensione è concessa solo se il veicolo sta in un’area privata (garage, rimessa o giardino, in sostanza). “Il veicolo per cui l’assicurato ha chiesto la sospensione non può in alcun caso né circolare né stazionare su strada pubblica o su area equiparata a strada pubblica in quanto temporaneamente privo dell’assicurazione obbligatoria”, spiega l’emendamento. Chi dovrebbe trasgredire queste due regole, una sanzione pecuniaria, che può arrivare fino a 3.396 euro e al sequestro del mezzo.

COSTI DI DISATTIVAZIONE E ATTIVAZIONE

In realtà, quanto proposto dalla maggioranza di governo, è un’opzione già messa a disposizione da alcune compagnie assicurative, ma “in alcuni casi l’operazione di sospensione o di riattivazione può avere un costo che potrebbe arrivare fino a 25 euro”, spiega Facile.it.

I POSSIBILI RISPARMI

Sospendere l’RC auto non converrebbe economicamente, dunque? Sì, i risparmi potrebbero esserci, ma non per tutti. Secondo l’Osservatorio RC auto di Facile.it “per assicurare un veicolo in Italia occorrevano, in media, 498,45 euro” dunque, “un automobilista che scegliesse di sospendere per 1 mese l’RC auto “risparmierebbe”, di fatto, circa 40 euro; se invece optasse per la sospensione massima concessa dall’emendamento (fino al 31 luglio), potrebbe “risparmiare” circa 3 mesi e mezzo di polizza, quantificabili in circa 145 euro”.

“Il vantaggio – aggiunge Facile.it – potrebbe essere vanificato da eventuali costi di sospensione o riattivazione o, comunque, non valere la pena qualora le procedure per accedere a questa opportunità fossero troppo complesse”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati