Mobilità

Tav, ecco in pillole l’indigesta analisi costi-benefici

di

Che cosa dice in sintesi l’analisi costi-benefici sul Tav pubblicata ufficialmente dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

 

Costi che superano i benefici per circa 7-8 miliardi di euro sia nello scenario più ottimistico che in quello considerato ‘realistico’, un saldo non poco inferiore nel caso si realizzasse solo la cosiddetta ‘mini-Tav’ e il rischio di dover pagare fino a 4,2 miliardi tra penali e rimborsi nel caso di scioglimento del progetto.

Sono alcune delle indicazioni che emergono dall’Analisi costi-benefici sulla Tav Torino-Lione e dalla Relazione tecnico-giuridica pubblicate dal Ministero delle infrastrutture e trasporti. Ecco di seguito i punti principali.

L’ANALISI COSTI-BENEFICI IN SINTESI

Sono due gli scenari considerati nell’analisi e per entrambi la stima di redditività viene calcolata sia con riferimento al costo totale che a quello ‘a finire’ (che esclude la somma già spesa di 1,4 miliardi e viene considerato “il valore oggi rilevante, sotto il profilo economico, ai fini della decisione”).

IL PRIMO SCENARIO

Nel primo scenario, che parte dalle valutazione costi-benefici dell’Osservatorio per l’asse ferroviario Torino-Lione del 2011, il valore attuale netto economico (Vane), ovvero la differenza tra costi sostenuti e benefici conseguiti, risulta negativo per 7.805 milioni con riferimento ai costi a finire (costi per 21.970 milioni e benefici per 14.165 milioni), mentre a costo completo e’ pari a -8.760 milioni.

IL SECONDO SCENARIO

Nel secondo scenario, quello definito “realistico” il Vane risulta pari a -6.995 milioni considerando i costi ‘a finire’ (12.412 milioni di costi e 5.417 milioni di benefici) e -7.949 milioni se si fa riferimento al costo intero.

LE CONCLUSIONI

Nelle conclusioni, poi, si spiega che, a fronte di effetti complessivi del progetto pari a 885 milioni (l’effetto negativo dei flussi merci per 463 milioni viene compensato dal beneficio positivo di 1,3 miliardi per i passeggeri) e costi attualizzati di investimento ‘a finire’ e gestione per 7,9 miliardi, il Vane risulta pari a 7 miliardi: tolti anche i costi di ripristino delle opere realizzate finora e quelli della messa in sicurezza, rimane un saldo di -5,7 mld.

LA MINI-TAV

Nel caso si ipotizzi di non realizzare la tratta Avigliana-Orbassano, l’analisi non evidenzia un grande risparmio. Nello scenario realistico, il saldo con costi ‘a finire’ ammonterebbe a -6,138 miliardi e quello calcolato con riferimento al costo intero -7,093 mld. Nello scenario Osservatorio 2011 il Vane con costi a finire risulterebbe pari a -7,212 miliardi (-8,167 mld in quello a costo intero).

10-16 MLD COSTO SU CASSE STATO

La Tav avrebbe un impatto sulle finanze pubbliche degli Stati interessati superiore alla sola somma dei costi di investimento e di gestione: sommando anche le minori accise, si arriva ad un bilancio complessivo di 10-11,6 miliardi (flussi attualizzati) nello scenario ‘realistico’ e 16 miliardi in quello ‘Osservatorio2011’.

POCHI BENEFICI PER L’AMBIENTE

“Pur in presenza di stime di cambio modale generose, i benefici ambientali attesi (monetizzati pari a circa 5 miliardi nello scenario “Osservatorio2011″) sono, a livello nazionale e ancor più europeo, di entità quasi trascurabile”.

ECCO LE PENALI DA PAGARE IN CASO DI NO SECONDO L’ANALISI

TUTTO IL TESTO COMPLETO DELL’ANALISI COSTI-BENEFICI

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati