Mobilità

Su Alitalia abbiamo fallito. Parola del ministro Patuanelli

di

Mercato tutelato Mise

La cordata orchestrata dal governo per Alitalia con Ferrovie e Mef si è spappolata. Le parole del ministro Patuanelli e del premier Conte. E il tweet commentoso del prof. Giuricin. Le ultime novità sulla compagnia aerea

Anche il governo prende atto che le promesse ribadite fino a pochi giorni fa non saranno realizzate: non ci sarà alcuna soluzione di mercato per Alitalia, posto che quella orchestrata da Ferrovie con i consulenti di Mediobanca poteva essere giudicata “di mercato” vista l’ispirazione governativa, il ruolo di Ferrovie che è una controllata del ministero dell’Economia e la presenza diretta del Tesoro nell’azionariato secondo lo schema che preveda anche una quota per Delta e Atlantia (la prima a defilarsi).

Oggi ad annunciare in sostanza il fallimento del progetto governativo è stato il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, esponente di spicco del Movimento 5 Stelle. E non solo. Ecco tutti i dettagli.

CHE COSA HA DETTO PATUANELLI SU ALITALIA

Su Alitalia “al momento un soluzione di mercato non c’è”: “stiamo valutando diverse opzioni con attenzione”, “non è una proroga al consorzio che si stava costituendo, perché quella strada lì non c’è più”. E’ quello che ha detto il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli (M5s), in audizione in commissione Industria al Senato. “E’ dieci anni che si tenta di privatizzare” la compagnia, dice. Ma, sottolinea il ministro, “ha una dimensione che il mercato fa difficoltà ad accettare”.

LE PAROLE DI PATUANELLI IN AUDIZIONE SU ALITALIA

“Alitalia di fatto non è mai stata privatizzata perché non ci si è riusciti, a parte piccolissime fasi”, ha aggiunto Patuanelli, in audizione in commissione Industria al Senato. Per il ministro “è stata persa l’occasione sull’asse Air France e Klm”. “E’ una compagnia troppo grande per essere piccola e troppo piccola per essere grande, ha una dimensione che in questo momento il mercato fa fatica ad accettare”, ha proseguito il ministro pentastellato.

ANCHE CONTRO ALZA LE BRACCIA SU ALITALIA

Anche il premier ha preso atto del fallimento del progetto governativo centrato su Ferrovie. Su Alitalia “alla scadenza prevista non è stata formalizzata l’offerta vincolante da parte del consorzio. Dunque resta la disponibilità di Fs, di Delta, vediamo se si confermerà l’interesse di Lufthansa ma è chiaro che in questo momento non abbiamo una soluzione di mercato a portata di mano”, ha detto il premier Giuseppe Conte che a margine dell’evento Aci. La soluzione di mercato “in realtà è la soluzione preferita dal governo. Stiamo valutando proprio in queste ore, evidentemente, anche alternative”.

CHE COSA HA DETTO BUFFAGNI SU ALITALIA

C’è anche chi comunque si augura non dover spendere altri soldi pubblici: “Dobbiamo garantire il servizio, i posti di lavoro, gli asset, ma non possiamo continuare a permettere che sia un buco nero delle casse dello Stato”, ha detto il viceministro dello sviluppo economico Stefano Buffagni (M5s) parlando di Alitalia: “Non si deve fare carne da macello di un’azienda come invece fanno altre realtà ma non si può neanche continuare a perpetrare un versamento di soldi che diventa un buco nero”.

IL TOSTO TWEET COMMENTOSO DELL’ECONOMISTA GIURICIN:

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati