Mobilità

Stellantis frena anche su Mirafiori: cassa integrazione

di

Stellantis

Parte la cassa integrazione allo stabilimento Presse di Mirafiori, mentre i sindacati chiedono a Stellantis un piano industriale condiviso. Che cosa sta succedendo in Italia al gruppo frutto della fusione tra Fca e Psa

 

Anche Presse di Mirafiori, dopo lo stabilimento di Melfi, si ferma.

Stellantis, il quarto gruppo auto al mondo, nato dalla fusione tra la italo-americana Fca con la francese Psa ricorre ancora alla cassa integrazione. Questa volta lo fa per lo stabilimento Presse di Mirafiori, a Torino. Tutti i dettagli.

CASSA INTEGRAZIONE PER MIRAFIORI

Gli operai dello stabilimento Presse di Mirafiori incroceranno le braccia, causa cassa integrazione dal 22 febbraio al 5 marzo, secondo quanto annunciato da Fiom-Cgil.

I MOTIVI DELLA CASSA

Nello stabilimento delle Presse di Mirafiori vengono prodotte parti di carrozzeria stampate, per diversi stabilimenti in Italia. La fabbrica lavora per molti modelli differenti. Lo stop, per i prossimi giorni, è dovuto, spiega Fiom-Cgil, in base alle dichiarazioni di Stellantis, “alla contrazione delle richieste dalle carrozzerie clienti”.

ANCHE MELFI IN CASSA INTEGRAZIONE PER UNA SETTIMANA

Il ricorso agli ammortizzatori sociali non è comunque una novità per Stellantis, seppur l’azienda è giovanissima. Dall’8 al 14 febbraio si sono fermati i  7.174 lavoratori della fabbrica di Melfi, in provincia di Potenza, dove si producono le Jeep Compass e Renegade.

LE CRITICHE DEI SINDACATI

Non apprezzano i sindacati. “Siamo di nuovo, dopo pochi mesi, all’utilizzo importante della cassa integrazione”, dicono Edi Lazzi, segretario provinciale della Fiom-Cgil e Ugo Bolognesi responsabile di Mirafiori per la Fiom-Cgil.

SERVE UN NUOVO PIANO INDUSTRIALE

Ma il cuore del problema non è certo la cassa integrazione: i sindacati chiedono un piano industriale condiviso.

“Il piano industriale 2018/2021, per quanto da noi da sempre considerato insufficiente, è arrivato sostanzialmente alla fine. Dei nuovi piani industriali di Stellantis nulla si conosce e le notizie che arrivano dal mercato, come dimostra il caso delle Presse, non sono positive. È urgente la convocazione di un tavolo che coinvolga le parti sociali e le Istituzioni e che affronti la situazione”, dicono Lazzi e Bolognesi. “La transizione verso una mobilità sostenibile può essere una opportunità e le notizie di un possibile insediamento industriale per una filiera corta dei componenti per la mobilità elettrica, se sono notizie reali e concrete, rappresentano la giusta direzione, come la Fiom sostiene da tempo. Serve però da subito un piano in grado di programmare il futuro, difendendo l’occupazione e favorendo il ricambio generazionale. Bisogna, in fretta, passare dalle parole ai fatti”.

I NUMERI DI STELLANTIS

Certo è che i numeri della casa auto non fanno stare tranquilli. Stellantis, secondo quanto riporta il Corriere, nel mese di gennaio ha immatricolato “in Italia 52.542 auto, il 21,7% in meno dello stesso mese del 2019 quando ancora le due società erano separate. La quota è pari al 39,2% a fronte del 43,1%”.

In particolare, “le immatricolazioni di Fca sono 30.660, in calo del 23,2% (quota dal 25,6 al 22,9%). Quelle di Psa 21.882, il 19,6% in meno (quota dal 17,5 al 16,3%)”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati