Mobilità

Perché Stellantis parte col freno a mano tirato su Melfi

di

Comau Melfi Stellantis Fca

Prolungata la cassa integrazione a Melfi: preludio di interventi strutturali da parte di Stellantis? Fatti e preoccupazioni (dei sindacati)

 

Freno a mano tirato per Stellantis. La quarta casa auto, nata dalla fusione di Fca in Psa, ha prorogato “la cassa integrazione fino al 2 maggio” per i dipendenti dello stabilimento di Melfi, tra la preoccupazione dei sindacati.

Un problema che anticipa interventi di tipo strutturale?

CASSA FINO AL 2 MAGGIO

Partiamo dai fatti. Stellantis ha prorogato “la cassa integrazione fino al 2 maggio” per i dipendenti dello stabilimento di Melfi. A darne l’annuncio sono stati i sindacati Fim, Uilm, Fismic, Uglm e Aqcf in una nota, sottolineando che “sono ormai 17 le settimane consecutive di cassa integrazione”.

CASSA INTEGRAZIONE DA GENNAIO

Sono 1000, infatti, i dipendenti di Melfi che oramai da gennaio hanno dovuto incrociare le braccia.

“A dicembre Fca ha comunicato che nello stabilimento di Melfi (Potenza) il terzo turno per la Jeep Compass e per le ibride sarebbe partito il 15 febbraio, e dal 4 gennaio sarebbe quindi stata utilizzata la cassa integrazione per gestire i lavoratori temporaneamente in esubero da ricollocare sul terzo turno di Compass e ibride, nonché per formarli alle nuove lavorazioni: il terzo turno non è mai partito, e l’azienda ha continuato a prolungare la cassa integrazione, senza interruzioni”, denunciano i sindacati.

LA PREOCCUPAZIONE DEI SINDACATI

E così, hanno aggiunto le sigle sindacali, “da inizio gennaio, tutti i giorni oltre mille lavoratori sono in cassa integrazione. Inoltre, ci sono state delle fermate per settimane intere per Compass e ibride e alcune collettive che hanno coinvolto tutti i 7.200 lavoratori dello stabilimento Stellantis di Melfi. Abbiamo chiesto incontri locali e un incontro a livello nazionale per chiarire il futuro dello stabilimento, ma ad oggi o non ci sono stati o sono risultati infruttuosi. Invece oggi l’azienda ha prorogato ulteriormente la cassa integrazione”.

VERSO INTERVENTI STRUTTURALI?

Ma la preoccupazione dei sindacati non è circoscritta alla cassa integrazione. Le sigle temono che la cassa non dipenda solo dalle “ricadute della pandemia sul mercato dell’auto e sulla fornitura di componenti (semiconduttori)”, ma da possibili problemi più gravi che sembrano essere un “preludio a interventi di tipo strutturale, nell’organizzazione dello stabilimento e nel sistema di forniture dell’indotto, così come già si vocifera. Temiamo che sia una vera e propria strategia di ridimensionamento dello stabilimento Stellantis di Melfi”.

SINDACATI CHIEDONO INCONTRO

Ed è per questo che i sindacati chiedono un incontro con la dirigenza, con l’obiettivo di far chiarezza sul futuro dello stabilimento.

ANCHE MIRAFIORI IN CASSA INTEGRAZIONE

Freno a mano tirato anche per Mirafiori, dove gli operai sono hanno incrociato le braccia, causa sempre cassa integrazione, dal 22 febbraio al 5 marzo. Il fermo è stato dovuto alla contrazione delle richieste dalle carrozzerie clienti (qui i dettagli).

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati