Advertisement skip to Main Content

Airbus Ali

Perché la guerra fra Airbus e Boeing si sposta sulle ali

Airbus apre un nuovo polo tecnologico per ultima generazione di ali, un passo avanti nella corsa tecnologica con il rivale statunitense Boeing. Tutti i dettagli

 

Airbus accelera sulle ali leggere in vista del sul suo aereo di linea di prossima generazione.

Ieri il produttore di aeromobili europeo ha annunciato l’apertura di un nuovo Wing Technology Development Centre (Wtdc) presso il sito di Filton, come parte degli investimenti per rafforzare ulteriormente la sua capacità di innovazione nel Regno Unito.

La struttura, che sarà utilizzata per costruire e testare dimostratori per una serie di programmi e progetti di ricerca, è stata inaugurata da Nusrat Ghani, ministro di Stato britannico presso il Dipartimento per le imprese e il commercio. Il nuovo centro aiuterà Airbus ad accelerare la progettazione, la costruzione e il collaudo delle ali per gli aeromobili di ultima generazione, utilizzando le più recenti tecnologie e dimostratori all’avanguardia per migliorare ulteriormente le prestazioni delle ali.

La nuova struttura arriva mentre il colosso europeo cerca di mantenere il vantaggio sul rivale statunitense Boeing.

“L’investimento fa parte degli sforzi di Airbus per sviluppare un aeromobile più efficiente in termini di consumo di carburante per sostituire la sua famiglia di jet a corridoio singolo A320 più venduta. L’azienda ha preso il sopravvento su Boeing nel segmento del mercato a corridoio singolo e detiene una quota di circa il 60%” rileva il Financial Times.

Anche il gigante americano ricerca un concetto allungato e ultraleggero chiamato Transonic Truss-Braced Wings, segnala Reuters aggiungendo che la scelta del design delle ali e dei metodi di produzione da parte di entrambi i produttori, insieme agli sviluppi del motore, plasmeranno la competizione aeronautica fino alla seconda metà del secolo.

Tutti  dettagli.

LA NUOVA STRUTTURA DI AIRBUS PER LA PROGETTAZIONE DI ALI

“È il nostro programma per preparare le tecnologie di cui avremo bisogno per la prossima generazione di aeromobili Airbus, qualunque essa sia”, ha detto ai giornalisti Sue Partridge, capo del programma Wing of Tomorrow della compagnia di Tolosa. Il programma consente ad Airbus di esplorare nuove tecnologie di produzione e assemblaggio, in modo che le generazioni future possano continuare a beneficiare degli spostamenti aerei.

Oltre all’ottimizzazione dei motori, la realizzazione di ali più lunghe, più sottili e più leggere è una delle maggiori opportunità per migliorare l’efficienza del carburante. Ali più lunghe e più leggere rendono infatti più facile per un aereo creare portanza senza consumare troppo carburante, contribuendo a ridurre le emissioni di anidride carbonica.

OBIETTIVO: ALI PIÙ LEGGERE

“Dobbiamo sviluppare tecnologie composite per alleggerire l’ala, ma devono essere al giusto costo e con la giusta capacità di velocità di produzione”. “La fisica ci dice che per ottenere un’ala più efficiente in termini di consumo di carburante deve essere più lunga e più sottile. Ciò significa che dobbiamo aumentare l’apertura dell’ala”, ha affermato Partridge.

“Si tratta di preparare la tecnologia per un futuro prodotto a corridoio singolo, quindi un prodotto ad alto tasso di produzione”, ha aggiunto il rappresentante di Airbus.

Le nuove ali fanno parte della tabella di marcia di Airbus verso il suo prossimo modello di cavallo di battaglia che arriverà sul mercato intorno alla metà del prossimo decennio. Gli attuali narrowbody più venduti di Airbus e Boeing sono progetti vecchi di decenni e hanno fatto affidamento su aggiornamenti come nuovi motori per mantenere il loro slancio di vendita, osserva Bloomberg.

Il programma di sviluppo delle ali di Airbus è stato lanciato nel 2016 per testare i più recenti materiali compositi e le nuove tecnologie aerodinamiche. Le ali del prototipo hanno un’apertura più ampia e richiederanno punte pieghevoli per accedere ai cancelli aeroportuali. La rivale statunitense Boeing sta anche lavorando su un’ala più lunga per la sua prossima generazione per sostituire il suo aereo 737. Tuttavia, secondo il Financial Times, né Boeing né Airbus dovrebbe portare sul mercato un progetto di aeromobile completamente nuovo prima della metà del prossimo decennio.

Back To Top